Mio figlio si distrae in classe: che cosa devo fare?

2 luglio 2018
"Mio figlio si distrae in classe, che cosa devo fare?". Se avete questo dubbio, a seguire vi daremo dei consigli per aiutarlo a potenziare il suo livello di concentrazione.
Suo figlio si distrae in classe“, moltissimi genitori se lo sentono dire dagli insegnanti. Si tratta di una delle frasi più tipiche, insieme a “È intelligente, ma non si applica”. La mancanza di attenzione nei bambini può alterare il livello di apprendimento e i voti dei nostri piccoli. Senza farne un dramma o allarmarsi, bisogna intervenire.

Esistono molti articoli che cercano di affrontare questo tema sotto diversi punti di vista. A seguire, vi forniremo una breve spiegazione della differenza tra la perdita di concentrazione e il deficit di attenzione (DDA), così come raccomandazioni ed esercizi da fare a scuola e a casa se vostro figlio si distrae in classe.

Mio figlio si distrae in classe: che cosa devo fare?

Differenza tra la perdita di concentrazione e il deficit di attenzione

Prima di affrontare questo tema, è importante fare una distinzione tra un bambino che perde la concentrazione in classe a causa di stimoli esterni e uno che realmente soffre di un disturbo chiamato deficit di attenzione, o DDA dalle sue iniziali.

La prima condizione è più comune di quanto i genitori non credano e tende a non durare mai per un periodo molto lungo. In genere, si tratta di una situazione temporanea e, se gli si danno gli stimoli necessari, i bambini recuperano immediatamente la capacità di concentrarsi.

Nel secondo gruppo si trova solo un 5% della popolazione infantile. Il deficit dell’attenzione è permanente, ma i bambini che si trovano in questo gruppo hanno bisogno di esercizi per la concentrazione, anche più dei primi.

Bambino distratto durante la lezione a scuola

Raccomandazioni ed esercizi per recuperare la concentrazione

Come abbiamo visto, gli esercizi di concentrazione sono utili sia per bambini con perdita di concentrazione temporanea da stimoli esterni e sia per bambini che soffrono di DDA. Per entrambi, è importante portare avanti delle strategie da sviluppare in classe e da rinforzare poi a casa.

A seguire, vi spiegheremo le azioni che si possono intraprendere in entrambi gli ambiti:

Idee per la scuola

È importante che parliate con i suoi maestri per pianificare insieme una strategia per il bambino distratto. In questo senso, le azioni più comuni che includono le attuali strategie degli insegnanti per richiamare l’attenzione del bambino sono:

  • Mettere il bambino nelle prime file di fronte alla cattedra dei maestri.
  • Allontanarlo dai bambini più chiacchieroni, ma permettergli comunque di mantenere un’interazione con i compagni di classe.
  • Parlargli costantemente guardandolo negli occhi, questo farà sì che il bambino senta la necessità di stare attento.
  • Fargli domande a sorpresa di frequente.

Tuttavia, non tutte queste idee devono essere concretizzate a scuola. Anche a bisogna realizzare certe azioni per rinforzare nel bambino la capacità di stare attento.

In genere, la distrazione da stimoli esterni è una situazione temporanea e, se gli si danno gli stimoli necessari, i bambini recuperano immediatamente la capacità di concentrarsi.

Idee per casa

Esistono molte opzioni per rafforzare l’attenzione dei bambini a casa. Inizieremo come prima cosa dalle azioni legate allo studio o al ripasso delle attività scolastiche.

Come fare i compiti di scuola?

È fondamentale che il bambino che ha problemi di attenzione abbia uno spazio di studio proprio per fare i compiti. Deve avere una scrivania o un tavolo dedicato e una sedia ergonomica, deve godere di buona illuminazione e non deve avere giocattoli o elementi di distrazione attorno.

Allo stesso modo, dovete spegnere il televisore e allontanarlo dal tablet o dal cellulare mentre studia. Non rimanete accanto a lui osservandolo mentre ripassa; camminate invece per la stanza, uscite e tornate a passargli di fianco. Questo comportamento è analogo a quello della maestra in classe e sentirà così il vostro appoggio nel fare i compiti.

Inoltre, ditegli di iniziare a fare i compiti sempre da quelli che per lui sono più difficili. In questo modo, non si sentirà frustrato né abbandonerà il suo posto.

Congratulatevi sempre quando finisce i compiti a casa. Così, si sentirà incoraggiato a continuare a studiare a fare i compiti; si sentirà inoltre orgoglioso del suo sforzo.

Bambina si distrae mentre fa i compiti

Attività extracurricolari

  • Iscrivetelo a lezione di musica, ad esempio di pianoforte o violino. Le attività rivolte alla motricità stimolano la pazienza e la concentrazione.
  • Fate colorare dei mandala al bambino o portatelo a lezione di disegno.
  • Regalategli un rompicapo e aiutatelo a risolverlo.
  • Giocate a scacchi con vostro figlio.
  • Fategli ritagliare delle figure; anche questa attività stimola la sua attenzione.

Con queste semplici azioni, l’attenzione del bambino incrementerà molto. Ricordatevi che se vostro figlio si distrae in classe, e se avete dubbi riguardo al deficit di attenzione, potete far fare a vostro figlio un test per scartare questa patologia tramite il vostro pediatra, uno psicologo o un neurologo.

Guarda anche