Migliorare l’attenzione nei bambini: 7 metodi per farlo

· 21 giugno 2018

Come migliorare l’attenzione nei bambini? In questo articolo vi parliamo di 7 metodi pratici per risolvere i problemi di distrazione dei vostri figli.”

Molti bambini si distraggono facilmente, hanno lo sguardo vacante e qualsiasi rumore attira la loro attenzione. In realtà è del tutto normale alla loro età. Però potete sempre aiutarli a potenziare la loro capacità di attenzione. Migliorare l’attenzione nei bambini è spesso una sfida, in cui però vale la pena di impegnarsi.

Quando un bambino chiacchiera molto in classe, si distrae facilmente o è spesso sbadato, allora è il caso di modificare la sua condotta. Se non lo fate, il piccolo interiorizzerà questo comportamento scorretto e si trasformerà in un giovane disattento e poco prudente.

Il suo futuro accademico e lavorativo dipendono dalla sua capacità di concentrazione. La buona notizia è che esistono dei pratici metodi per aiutarlo a migliorare la soglia dell’attenzione. Non ci crederete ma anche giocare è molto importante.

Esercizi per migliorare l’attenzione nei bambini

Associazione visiva e gioco della memoria

I giochi di associazione insegnano al bambino a categorizzare le cose. Cercare le corrispondenze di simboli e disegni associati richiede concentrazione. Se fate in modo che il piccolo passi del tempo a fare questi giochi lo abituerete a prestare maggiore attenzione.

Esistono giochi e riviste che offrono questo tipo di giochi, tra cui i migliori e più divertenti sono le carte della memoria. In questo modo il piccolo allenerà il suo cervello mentre gioca.

Migliorare l'attenzione nei bambini

Completa il disegno o riempi i pallini

Trovate questo gioco molto spesso sulle riviste di enigmistica. I piccoli sono innamorati di questo tipo di intrattenimento perché permette loro di sviluppare una vena artistica. In realtà però i disegni fanno in modo che il piccolo migliori la sua capacità di concentrazione.

I disegni da completare sono un gioco ideale perché il bambino viene guidato da delle direttive per arrivare al disegno finale che altrimenti non vedrà. A questo punto prende il sopravvento la curiosità che acuisce la capacità di attenzione.

Il gioco del labirinto

Anche questo si trova spesso nelle riviste di enigmistica o nelle sezioni “passatempo” di quotidiani o altre pubblicazioni. La sua semplicità garantisce l’interesse e la concentrazione del piccolo. Vincere il gioco lo stimolerà a memorizzare e identificare le diverse vie del labirinto.

Questo tipo di attività ha le sue proprie regole e limiti, che devono essere applicati. L’idea di fondo di queste attività è che stimolino l’attenzione del piccolo senza annoiarlo.

Cercare la lista degli oggetti

Consigliamo di farlo sotto forma di gioco. Date un numero di tre o quattro oggetti sparsi per casa e scrivete una lista. Una volta fatto, chiedete al piccolo di cercare solo le cose sulla lista.

Iniziate con cose semplici poi col tempo potrete incrementare la difficoltà. La creazione di routine è uno dei metodi migliori per potenziare l’attenzione nei bambini. Gli adulti lo fanno inconsciamente.

Identifica il numero

I numeri sono le astrazioni perfette per realizzare giochi di associazione mentale. “Indovina il numero” prevede che il piccolo ne scelga e memorizzi uno. Dopodiché potrete menzionare diversi numeri e lui dovrà segnalare ogni volta che il numero prescelto viene ripetuto.

migliorare l'attenzione nei bambini

Questa dinamica presuppone un esercizio di attenzione da parte del piccolo. Inoltre può essere ripetuto con le lettere, a seconda delle preferenze del bambino.

Ordinare le cose per gioco

Collocate diversi oggetti su un tavolo in un ordine specifico. Il piccolo prima dovrà memorizzare l’ordine e poi l’adulto dovrà mettere tutto in disordine. Successivamente il piccolo dovrà riordinare gli oggetti sul tavolo ricorrendo alla sua memoria.

Esistono molti giochi simili, per esempio L’allegro chirurgo. Si presuppongono una logica organizzativa e una certa modalità di applicazione per avere successo nel gioco. Su internet si possono trovare molti giochi del genere per stimolare l’attenzione dei più piccoli.

Il miglior regalo che possiamo fare a qualcuno è donargli tutta la nostra attenzione.”

-Richard Moss-

Migliorare l’attenzione nei bambini: utilizzo dei rompicapi

Non c’è gioco che richieda maggior concentrazione del rompicapo. Fortunatamente esistono numerosi marchi con varie difficoltà per bambini di tutte le età. Già a partire dai 3 anni di età i piccoli possono cominciare a giocare con i primi puzzle insieme ai propri genitori.

Come vedrete, rimproverare i piccoli non sortirà nessun effetto soprattutto per quanto riguarda il miglioramento dell’attenzione. Consigliamo di cominciare a lavorare con il piccolo molto presto per rendere più semplice l’attività scolastica.