Quali sono i rischi dell'induzione del travaglio?

Quando ti avvicini alla fine della gravidanza e non ci sono segni di travaglio, il tuo ostetrico potrebbe suggerire l'induzione. Ma è questa l'opzione più sicura? Te lo diciamo.
Quali sono i rischi dell'induzione del travaglio?
Leidy Mora Molina

Scritto e verificato da l'infermiera Leidy Mora Molina.

Ultimo aggiornamento: 03 ottobre, 2022

Quando si parla di induzione del travaglio (PID), ci si riferisce a quella procedura ostetrica che cerca di innescare il processo del parto attraverso metodi artificiali. Sebbene sia una pratica abbastanza comune negli ospedali per la maternità, ci sono una serie di rischi a cui sono esposte le donne in travaglio che dovrebbero essere conosciuti.

Successivamente, vi diremo in quali circostanze è necessario procedere in questo modo e quali sono i pro e i contro della scelta di questa tecnica su un taglio cesareo. Continuate a leggere!

L’induzione del travaglio comporta i suoi rischi

Il travaglio è un processo fisiologico, comandato dall’azione degli ormoni e di altri agenti chimici nel corpo. Tutti generano una serie di cambiamenti progressivi a livello dell’utero, della cervice e del bacino, in modo che il bambino venga espulso attraverso il canale vaginale.

Questo processo inizia solo quando il corpo della madre è pronto e il bambino è pronto per uscire. In generale, entrambi i fenomeni si verificano quando la gravidanza raggiunge il termine, cioè dalla settimana 37.

Ora, c’è un modo per avviare e accelerare artificialmente il processo di nascita, noto come induzione del travaglio. Questa tecnica può essere utile in determinate condizioni di salute, specialmente quando rimanere all’interno dell’utero è più rischioso per il bambino o la madre che “forzarlo” fuori.

Il problema sta quando il travaglio è indotto senza una chiara causa medica, perché in questi casi la madre e il bambino sono esposti a rischi inutili. Nonostante ciò, di giorno in giorno il numero delle induzioni negli ospedali aumenta, sia per comodità dell’équipe sanitaria che per la famiglia. In questo senso, la Società Spagnola di Ginecologia e Ostetricia si manifesta come segue:

“L’induzione è una delle procedure più comuni in ostetricia, con un uso mondiale in aumento dal 9,5% al 23,2% tra il 1990 e il 2009. I PID nelle gravidanze a termine (37-38 settimane) sono aumentati dal 2 all’8%, in parte a causa di l’aumento delle indicazioni di PID per ragioni diverse da criteri medici”.

Successivamente, descriveremo in dettaglio i metodi di induzione del lavoro e quali sono i rischi associati a ciascuno di essi.

Rottura artificiale del sacco amniotico

Una delle tecniche di induzione del travaglio più conosciute è la rottura artificiale della membrana amniotica o l’amniotomia. Questa manovra che viene eseguita in ambiente ospedaliero cerca di avviare, accelerare e potenziare le contrazioni al fine di abbreviare i tempi del travaglio.

Tuttavia, rompendolo si rompe anche la protezione o “sigillo ermetico” che protegge il bambino dai germi nel tratto genitale della madre. Pertanto, una rottura prematura può scatenare un’infezione nella madre e nel bambino. Da qui l’importanza del parto che non duri più di 48 ore dopo la perdita dell’integrità del sacco amniotico.

donna sottoposta a induzione del travaglio accesso endovenoso a goccia tramite tapis roulant monitora il monitoraggio della frequenza cardiaca fetale
L’induzione può essere eseguita attraverso manovre fisiche o farmaci. Ma in entrambi i casi è necessario un rigoroso monitoraggio della partoriente e del bambino.

Induzione con ormoni sintetici

Un altro modo per indurre il travaglio è attraverso la somministrazione di ormoni sintetici, come l’ossitocina e le prostaglandine. Questi innescano contrazioni e cambiamenti nella cervice. Tuttavia, a volte le dinamiche uterine possono essere inefficaci, sebbene dolorose e frequenti. Ciò può portare a iperstimolazione uterina, ridotto apporto di ossigeno al bambino e causare sofferenza fetale che richiede un taglio cesareo d’urgenza.

Qualsiasi tecnica utilizzata per l’induzione richiede un intervento medico approfondito, come la somministrazione di anestesia epidurale, esami vaginali, monitoraggio continuo, tra gli altri. Tuttavia, molte di queste nascite sono lente e terminano con un taglio cesareo o con una pinza.

In molti casi, i metodi di induzione non consentono un’adeguata progressione del travaglio e non causano una corretta dilatazione della cervice. Allo stesso modo, l’induzione del travaglio aumenta il rischio di contrazioni intense che possono causare lacrime nell’utero ed emorragie interne.

Ci sono momenti in cui l’induzione è l’unica alternativa

Nelle ultime settimane di gravidanza possono insorgere alcune complicazioni potenzialmente rischiose. Ad esempio, disturbi della crescita del bambino, invecchiamento placentare, preeclampsia o colestasi materna, tra gli altri. Per evitare le conseguenze della sua progressione o la necessità di un taglio cesareo, il medico può considerare la necessità di indurre il travaglio.

Tra le cause più comuni di induzione del travaglio dopo la settimana 37 abbiamo le seguenti:

  • Rottura del sacco amniotico: quando il sacco amniotico si rompe spontaneamente, si prevede che il travaglio inizi entro 12-24 ore. Nel caso ciò non avvenga, il rischio di sviluppare un’infezione costringe i professionisti ad accelerare il processo di travaglio con un’induzione.
  • Gestazione prolungata: dalla settimana 41 aumenta il rischio che il bambino soffra di complicazioni di salute. Ciò accade perché la placenta inizia a calcificare o invecchia, il che può portare a sofferenza fetale, limitazione della crescita e, nei casi più gravi, alla morte del bambino.
  • Altri problemi: alterazioni della crescita fetale, ipertensione, preeclampsia, colestasi o diabete nella madre. In queste situazioni, l’induzione del lavoro è una necessità.

Complicazioni dell’induzione del travaglio nel bambino

Indurre il travaglio senza una chiara ragione ostetrica può essere controproducente e finire per compromettere la salute del bambino. Anche se è vero che il feto si forma al nono mese, la maturazione dei suoi organi può estendersi oltre la settimana 39. Dopo 40 settimane, si dice che il bambino abbia raggiunto il termine.

Quando i bambini nascono presto, o quando l’induzione del travaglio viene eseguita troppo presto (a volte a causa di errori di calcolo della data di scadenza ), ci sono rischi per la loro salute. Ad esempio, maggiore difficoltà di alimentazione, ittero o problemi di regolazione della temperatura corporea. Inoltre, situazioni di ipossia perinatale, con possibilità di conseguenze neurologiche a lungo termine.

Bambino prematuro in incubatrice
A volte l’induzione del travaglio prima del termine si traduce in un mancato adattamento del neonato all’ambiente esterno. Pertanto, questi bambini spesso necessitano di terapia intensiva neonatale.

Alcune considerazioni finali

L’induzione del travaglio deve essere indicata dal medico specialista dopo una valutazione dettagliata dei pro e contro della sua esecuzione. E anche, seguendo i protocolli ostetrici stabiliti. In questo modo si evitano procedure inutili che potrebbero mettere a rischio il benessere del binomio madre-bambino.

Potrebbe interessarti ...
8 sintomi pre parto che ci indicano l’inizio del travaglio
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
8 sintomi pre parto che ci indicano l’inizio del travaglio

Il periodo vicino alla nascita del bambino è un momento molto particolare per le madri. I sintomi pre parto ci indicano che il travaglio è imminent...