Come calcolare la data di concepimento

8 Novembre 2019
In questo articolo vi spieghiamo come si fa a calcolare la data del concepimento, per seguire al meglio la crescita del feto.

Sebbene calcolare la data di concepimento sia complicato, quest’informazione può rivelarsi preziosa. Infatti, si definisce età gestazionale, tutto il periodo che comprende il processo di concepimento. Vale a dire che il processo inizia con il primo giorno dell’ultima mestruazione della donna.

Gli specialisti sottolineano che però quasi nessuno conosce la data esatta del concepimento. Per conoscere approssimativamente l’età del bebè si prende in considerazione un giorno che non è quello esatto. Per cercare di essere il più precisi possibili si prende come punto di riferimento la mestruazione, poiché è in quel momento che ha inizio tutto.

Dopo la mestruazione, prima o poi ci sarà nuovamente l’ovulazione. In media l’ovulazione si verifica nei primi 15 giorni successivi al sanguinamento. Tuttavia, anche in caso di un ciclo regolare ci possono essere delle variazioni. Pertanto non è possibile individuare una data esatta, l’ovulazione può verificarsi il 9° giorno, l’11°, ma anche il 14° o il 16°.

Gli specialisti suggeriscono di prendere in considerazione circa 6 giorni in prossimità dell’ovulazione. Se la donna conosce bene il suo ciclo, le sarà più facile indovinare la data approssimativa. Ciononostante bisogna tenere a mente che c’è comunque un margine d’errore considerevole. Di seguito, vi illustreremo altri metodi per calcolare la data di concepimento.

Calcolare la data del concepimento

Calcolare la data del concepimento

Il principale indizio per calcolare la data del concepimento è la data dell’ultima mestruazione. Questo calcolo permette di conoscere l’età gestazionale, anche quando non si conosce il giorno preciso in cui c’è stato il concepimento.

Una donna con un ciclo regolare può contare su dei dati concreti, tuttavia ciò non vuol dire che non possa esserci un margine d’errore nel calcolo.

L’ecografia

A sole 5 settimane dall’ultima mestruazione della futura mamma, è già possibile misurare l’embrione. Per realizzare suddetta misurazione, ci si serve dell’ecografia, grazie alla quale è possibile individuare la parte interessata. Durante le prime settimane il feto ha una misura ‘standard’ a prescindere dal peso e dalla statura che avrà poi alla nascita. Pertanto, quando l’ecografia viene effettuata nelle prime 18 settimane, sia la misura che l’età gestazionale sono molto precise.

Questo metodo è particolarmente indicato per le donne che hanno un ciclo irregolare. Inoltre permette alle future mamme di togliersi ogni dubbio, specialmente in caso di sanguinamenti sospetti. Infatti, alcune donne confondono le perdite da impianto con le mestruazioni, per cui non si accorgono di essere incinte. Ma con l’ecografia non c’è margine d’errore.

Stima di una data approssimativa

Se prendiamo in analisi una gravidanza normale in una donna dal ciclo regolare, solitamente la data del concepimento si colloca tra l’11° e il 21° giorno dall’ultima mestruazione. Ma come detto in precedenza calcolare il giorno preciso dell’ovulazione è complicato, pertanto si tratta di nient’altro che una semplice stima.

Crescita del feto

La crescita del feto in realtà può rivelarsi un’arma a doppio taglio quando si vuole conoscere la sua età gestazionale. Sebbene a seconda dell’età gestazionale i feti abbiano misure diverse tra loro, esistono anche situazioni anomale in cui il bambino è più piccolo o più grande del normale.

A volte, l’ altezza dell’utero non corrisponde alla data dell’ultima mestruazione. Tuttavia, l’evoluzione della gravidanza è un indizio fondamentale per conoscere la data del concepimento e provare ad indovinare quella del parto.

Donna incinta col pancione

Quando è possibile conoscere precisamente la data del concepimento?

Come detto in precedenza, nella maggior parte de i casi la data del concepimento è difficile da stabilire a causa delle circostanze elencate sopra. Tuttavia, esiste un caso in cui è possibile conoscere con precisione la data del concepimento. Infatti, quando una donna opta per la fecondazione artificiale, la data del concepimento viene stabilita con il medico.

Insomma, è chiaro che conoscere la data precisa del concepimento è una possibilità rarissima, poiché per molte donne questa data resta un mistero. Sapere con precisione quando c’è stato il concepimento è quasi impossibile quando si tratta di fecondazione naturale.

Infatti, nonostante negli ultimi anni siano stati sviluppati strumenti molto sofisticati e tecniche all’avanguardia, siamo ancora ben lontani dal poter conoscere con esattezza il momento magico in cui si verifica il concepimento.

  • Al-Taee, Hanan & J Edan, Ban. (2018). Estimation of Day-Specific Probabilities of Conception during Natural Cycle in Women from Babylon. International journal of fertility & sterility. 11. 314-317. 10.22074/ijfs.2018.5100.
  • Stirnemann, J; Samson, A; Bernard, J; Thalabard, J. Day-specific probabilities of conception in fertile cycles resulting in spontaneous pregnancies. Human Reproduction, Vol.28, No.4 pp. 1110–1116, 2013. doi:10.1093/humrep/des449