L'avventura di essere madre: siete pronte?

16 ottobre, 2020
La maternità è una fantastica avventura, che provoca grandi cambiamenti. Meglio arrivare preparate!

I bambini di oggi saranno gli adulti di domani. Essere madri contempla una serie di responsabilità da non prendere alla leggera. Il modo in cui ci prendiamo cura dei nostri figli e li educhiamo, le nostre decisioni – buone o cattive che siano – un domani si ripercuoteranno anche su di noi. Ogni donna ha un’opinione diversa sulla maternità. Qual è la vostra? Cosa significa per voi l’avventura di essere madre?

Come vivere bene l’avventura di essere madre

Non siate troppo esigenti con voi stesse

Quando si è madri per la prima volta, si tende a esigere la perfezione; vorremmo essere sempre all’altezza di tutto, ma senza rendercene conto ci sottoponiamo a uno sforzo emotivo e fisico che con il tempo presenterà il conto.

“Nutrivo grandi aspettative quando nacque il mio primo figlio”, racconta Janet Penley, scrittrice e madre. “Volevo essere la madre migliore che fosse mai esistita. Leggevo tutti i libri, ascoltavo gli specialisti, ma invece di sentirmi soddisfatta e competente, cominciai a sentirmi inetta e stressata”.

“Cercare di essere all’altezza delle aspettative degli altri e di modellarti su un modello ideale, ti scoraggia. Genera insicurezza e senso di colpa, aggiunge la scrittrice.

L’avventura di essere madre porta cambiamenti

Probabilmente starete lavorando dentro e fuori casa, impegno che comporta una grande mole di stress. Se è così, cercate di apportare qualche cambiamento positivo che vi aiuti ad alleggerire la fatica. Forse potete lavorare meno ore o più vicino a casa. Ricordate, però, che sarete comunque una buona madre anche se non vi fate carico di tutto.

Donna che allatta il figlio.

Semplificate la vostra vita

L’avventura di essere madre a volte significa confrontare il tipo di vita che stiamo conducendo con quella che veramente vogliamo. Abbiamo proprio bisogno di tutto quello che abbiamo? Possiamo rinunciare a qualcosa per dedicare più tempo a ciò che è davvero importante, come la famiglia o noi stesse?

Non esitate a chiedere aiuto

Molte mamme pensano di dover fare tutto da sole, senza l’aiuto di nessuno. Questo perché sono convinte che chiedere aiuto significhi non essere all’altezza del compito. Niente è più lontano dalla realtà. È così bello poter contare sul sostegno di familiari e amici fidati!

Se avete un partner, ovviamente è essenziale che collabori alla cura del bambino (o dei bambini), alle faccende domestiche, alla spesa, alle visite mediche e a tutto quello che è necessario. Le responsabilità vanno condivise e non devono assolutamente ricadere sulle vostre spalle “di default”, solo perché siete donne.

Concedetevi del tempo di qualità

Anche se l’avventura di essere madre non finisce mai e porta lavoro e trambusto infiniti, non dovete dimenticare quanto siete importanti. E le prime a esserne convinte dovete essere voi. Per questo motivo è essenziale trovare tempo di qualità anche per voi stesse. Tempo, ad esempio, per quelle attività che realizzavate prima di essere madre e che vi facevano sentire felici.

“Il tempo è denaro, ma con tutto il denaro del mondo con si può comprare il tempo”

-Anonimo-

Cercate di trovare il tempo per un caffè con le amiche, per fare shopping, per dormire di più o qualunque altra attività rigenerante. Fate sport per sgombrare la mente, per sentirvi bene con voi stesse. Trovate il tempo per stare sole con il vostro partner e fare cose insieme: unisce e rende più solido l’amore.

L'avventura di essere madre, figlia e madre naso contro naso.

E voi, siete pronte a vivere l’avventura di essere madre?

Essere madre è un’avventura che implica grandi cambiamenti: il nostro corpo, il nostro tempo, le amicizie, la vita di coppia. in definitiva cambia praticamente ogni aspetto della nostra vita, ma resta un’esperienza unica che aiuta a crescere come donne e a dare valore a ciò che veramente conta nella vita.

  • Bowlby, J. (1986). Vínculos afectivos: formación, desarrollo y pérdida. Madrid: Morata.
  • Bowlby, J. (1995). Teoría del apego. Lebovici, Weil-HalpernF.
  • Garrido-Rojas, L. (2006). Apego, emoción y regulación emocional. Implicaciones para la salud. Revista latinoamericana de psicología, 38(3), 493-507. https://www.redalyc.org/pdf/805/80538304.pdf
  • Marrone, M., Diamond, N., Juri, L., & Bleichmar, H. (2001). La teoría del apego: un enfoque actual. Madrid: Psimática.
  • Moneta, M. (2003). El Apego. Aspectos clínicos y psicobiológicos de la díada madre-hijo. Santiago: Cuatro Vientos.