Perché i bambini chiedono l’acqua quando vanno a dormire?

· 16 ottobre 2017

Quante volte, proprio prima di addormentarsi, vostro figlio vi ha chiesto da bere? Molti genitori finiscono per perdere la pazienza non appena capita. Tanti non riescono a svelare il mistero che sta dietro a questa situazione. Scopriamo insieme perché i bambini chiedono l’acqua quando vanno a letto.

Perché i bambini chiedono l’acqua?

Ogni volta che i bambini chiedono l’acqua appena prima di riposare, pensiamo che abbiano dimenticato di bere durante il giorno. Improvvisamente un dettaglio attira la nostra curiosità: il bimbo berrà solo un piccolo sorso di acqua.

È lì che l’immaginazione dei genitori preoccupati o arrabbiati inizia a volare alla ricerca di possibili spiegazioni. Vuoi mostrarmi il tuo potere? Sono il tuo burattino?

I bambini non sono capaci di eseguire atti di queste proporzioni, intenzionali e complessi. Pertanto è  il momento di scartare queste alternative erronee che ci passano per la testa.

Molti genitori associano questa richiesta al desiderio di avere un altro po’ della nostra compagnia. Ma, se consideriamo quanto tempo ci vuole per prendere quella piccola quantità di acqua, quella teoria perde importanza. In quel breve intervallo non ci sarà la compagnia che il bambino desidera.Bambini con un orsacchiotto.

I bambini chiedono l’acqua proprio appena sono pronti a dormire, e quando vogliamo rilassarci dopo una lunga e dura giornata. La vera ragione di questa tipica richiesta notturna è più complessa di quanto pensiamo.

Con quella domanda semplice e un po’ inopportuna ci viene chiesto qualcosa di più. Hanno bisogno di sapere che possono contare su di noi, qualsiasi cosa succeda, senza condizioni. Vogliono sentire che non sono soli nel caso in cui avessero bisogno durante la notte.

Sanno che se chiamano papà o mamma andranno a proteggerli. Questo li rassicura. I bambini più piccoli dipendono molto dai loro genitori, e ancor di più nell’oscurità della notte che li terrorizza.

Ecco perché vostro figlio vuole vedere che i suoi amati genitori si prendono cura di lui e che è possibile fidarsi di loro per qualsiasi cosa. Quello che entra in gioco qui, quindi, non è la vostra pazienza ma piuttosto la vostra capacità di rispondere alla sua chiamata, consolandolo.

Avere bambini non ti rende un genitore, come avere un pianoforte non ti rende un pianista

-Michael Levine

Qualcosa di più della seteI bambini chiedono l'acqua prima di dormire.

Per affrontare questa situazione dobbiamo prenderla con calma, pazienza e, soprattutto, molto amore. Questo è in definitiva ciò che ogni bambino richiede. Questo è ciò che tocca ad un genitore e la chiave della sua felicità.

Non è sete, né disagio, né manipolazione o cattiveria. Il bicchiere d’acqua non è altro che un pretesto. A volte può diventare anche vero, ma la stragrande maggioranza del tempo riguarda un’altra necessità.

L’ultimo abbraccio o un extra bacio dolce. Essere vestiti con una carezza, sentire il calore dei genitori. I nostri figli vogliono solo sapere che siamo a loro disposizione. Vogliono sentirci affidabili, fedeli ad ogni costo. L’aspetto confortante e positivo di questa situazione è che non durerà tutta la vita.

Ecco perché è così importante godere di questi episodi che generalmente ci innervosiscono. Dopotutto, prima di quanto pensiate, finirete per sentire la mancanza di questa tappa dorata e sognata. Come si può vedere, è solo una questione di comprensione del figlio in modo da non sprecare energia e investire il nostro tempo dandogli tutto il nostro amore.