Atypical: una bellissima serie TV che parla di autismo

05 agosto, 2020
Se state cercando una serie TV che parli realisticamente dei disturbi dello spettro autistico, Atypical è la serie che fa per voi. Ne parleremo in questo articolo.
 

Atypical è una serie originale Netflix che ci parla dei disturbi dello spettro autistico (DSA). Questa commedia drammatica ci racconta la vita quotidiana di Sam Gardner, un diciottenne con DSA che vive con la sua famiglia.

Per raccontare le avventure di Sam, Robia Rashid, il creatore della serie, si è avvalso della consulenza di Michelle Dean, che ha lavorato alla ricerca e al trattamento dei DSA presso l’UCLA (Università della California, Los Angeles). Nei vari episodi della serie, si affronta il problema dell’autismo da una prospettiva più realistica possibile.

Atypical, una serie che ci mostra i DSA

A differenza di altre serie TV, che hanno come protagonisti persone con disturbi dello spettro autistico, Atypical si allontana dagli stereotipi che di solito ruotano intorno a questo disturbo. Ci racconta le giornate di un giovane con DSA che, a causa delle sue condizioni, deve superare le sfide e le difficolta della vita quotidiana.

Protagonista Atypical insieme alla famiglia.
© Weird Brain, Exibit A, Sony Pictures Television

La serie ci racconta il primo amore, le amicizie, le discussioni in famiglia, la ricerca dell’identità e la lotta per l’indipendenza personale del protagonista. Per Sam, queste situazioni tipiche dell’adolescenza sono più difficili e complesse da affrontare.

 

Questa commedia drammatica ci fa riflettere sul ruolo della famiglia nello sviluppo e nel benessere delle persone con DSA. Inoltre ci mostra come i genitori e la sorellina si relazionano con Sam.

Seguendo le puntate della serie, possiamo vedere come Sam cresce, si evolve e acquisisce nuovi strumenti per affrontare i problemi che si presentano nella sua vita.

Ma questo personaggio non è l’unico che cambia nel corso delle puntate. Anche la sua famiglia, la sua ragazza e i suoi amici si evolvono dopo aver vissuto le varie esperienze che si sono presentate.

Come vengono presentati i disturbi dello spettro autistico nella serie?

Come sappiamo, i DSA sono dei disturbi molto eterogenei e ogni caso è diverso dall’altro (tipologia, varietà dei sintomi, ecc.). Quindi, questa serie non intende rappresentare l’ampio spettro dell’autismo, ma semplicemente una parte di esso. In particolare, si occupa di quelle persone che hanno maggiori capacità e meno bisogno d’aiuto.

Ragazza che abbraccia un ragazzo.
© Weird Brain, Exibit A, Sony Pictures Television

In questo senso, vale la pena sottolineare il meraviglioso ruolo svolto da Keir Gilchrist che, con la sua interpretazione, ci mostra perfettamente alcune delle caratteristiche più tipiche delle persone con DSA. Ad esempio, la rigidità mentale, i comportamenti ripetitivi e stereotipati, le difficoltà di comunicazione e di interazione sociale, ecc. Il tutto ci viene raccontato in modo divertente e naturale.

 

Atypical tratta i disturbi dello spettro autistico più come una condizione con cui una persona deve convivere che come una disabilità che ne impedisce lo sviluppo.

Questo punto di vista è importantissimo, perché molte persone non lo prendono in considerazione. Siamo sicuri che se guarderete Atypical, il vostro punto di vista sull’argomento cambierà.

L’autismo non è un errore di elaborazione. È un sistema operativo diverso”.

-Anonimo-

Per tutti questi motivi, riteniamo che Atypical sia una serie che può essere di grande aiuto per avere un quadro più chiaro su cosa siano i disturbi dello spettro autistico e di come le persone che ne soffrono possono essere incluse nella società.