La memoria in gravidanza non è la stessa

· 30 ottobre 2017

Si è parlato molto di come sia possibile che la memoria in gravidanza cambi. Molte madri durante la gestazione hanno alterazioni nelle funzioni normali della memoria a breve termine, per cui alcune esperienze risultano confuse.

Va inteso che questa è una condizione molto comune fino al terzo trimestre. A volte ci si sente anche distratte, malinconiche e un po’ intorpidite.

Non esistendo molti studi sul tema è impossibile determinare se si tratta di un disturbo reale o se fa parte della trasformazione emotiva della donna incinta.

Varie madri hanno percepito cambiamenti notevoli nella loro capacità di ricordare eventi quotidiani di poca importanza. Pare si tratti di una diminuzione di concentrazione, relazionata all’ansia e all’emotività del momento.

Come cambia la memoria in gravidanza?

Secondo alcuni esperti è comprensibile che si verifichino dei cambiamenti nella memoria delle donne incinte,  perché la gravidanza occupa la maggior parte della loro concentrazione.

Di certo, i primi mesi di gravidanza sono carichi di emotività, ansia per ciò che sta per arrivare, cambiamenti ormonali e alterazione dei ritmi di vita. Questa nuova vita sarà condizionata da diversi fattori, tutti con un denominatore comune: l’attesa di un bambino.

Una mamma in gravidanza accarezza il suo pancione

Spesso la stanchezza e i sintomi della gravidanza impediscono di concentrarsi, per cui alcune cose non rimangono chiare nella memoria. Il bambino occupa la maggior parte dei pensieri.

Le perdite di memoria in gravidanza sono giustificate?

Disponiamo di pochi dati scientifici sul tema. Gli esperti non possono assicurare che si tratti di un caso generalizzato nelle donne incinte. Ciononostante, le madri affermano spesso di sentirsi perlomeno più distratte, cosa che alcuni studi hanno confermato, ma che altri hanno negato.

Secondo uno studio realizzato su oltre mille donne in Australia nel 2007 esistono problemi di memoria relazionati alla gravidanza. Tuttavia, questi problemi sarebbero da associarsi alla realizzazione di diverse attività contemporaneamente e alla pratica di attività nuove.

In base alle ricerche, i cambiamenti nella memoria in gravidanza si potrebbero estendere fino a un anno dopo la nascita del bambino. Hanno a che fare con lo stress della routine, la stanchezza e la mancanza di tempo per terminare le tante cose in sospeso.

Studi più recenti non hanno potuto spiegare con esattezza se si tratta di un fatto specifico della gravidanza. Alcuni risultati hanno indicato che non c’era molta differenza rispetto a donne non incinte o in periodi precedenti la gravidanza. Per ora diverse ricerche sono in corso.

Una mamma in gravidanza accarezza il suo pancione

La mancanza di memoria in gravidanza è pericolosa?

Ci sono molte ragioni di preoccuparsi se iniziamo a perdere la memoria, in particolare se il nostro benessere, quello del bambino o di altre persone è a rischio.

Se si tratta di piccoli lapsus non preoccupatevi troppo: potrebbero essere prodotti da tutti i cambiamenti che state attraversando.

Se la difficoltà è maggiore o si aggiungono disinteresse, tristezza, demotivazione, poca chiarezza nel pensare, potrebbe trattarsi di depressione. Rivolgetevi a uno specialista: lui può aiutarvi.