6 errori comuni al momento di far addormentare il vostro bebè

20 Aprile 2018

Il riposo è fondamentale per chiunque. Per questo motivo, sapere che cosa fare e che cosa non fare quando è il momento di far addormentare il vostro bebè aiuterà lui a conciliare il sonno e permetterà a voi di essere più tranquilli.

È arrivato il momento di far addormentare il vostro bebè e non sapete se state facendo tutto bene. Non sempre ci comportiamo nel modo migliore; eppure è importante aiutarlo ad adottare delle buone abitudini del sonno. Di seguito, vi segnaliamo quali sono gli errori più comuni nel momento di far addormentare il vostro bebè. L’ora di andare a dormire è sempre un momento speciale. Desideriamo aiutarvi con alcuni consigli basati sui 6 errori più comuni per fare in modo che questo momento diventi più facile e il meno agitato possibile.

Se siete una primipara, vi starete certamente domandando se ci sono dei comportamenti che potete adottare e che vi rendano più facile questa situazione. È sempre utile sapere quali sono gli errori più comuni nel momento di far addormentare il vostro bebè, che non vanno assolutamente ripetuti.

Saper fare addormentare il vostro bebè può non essere facile, ma è estremamente importante

Educare all’igiene del riposo

Anche dormire è un’abitudine che va imparata, come molte altre.

Insegnare a dormire a un bambino non è un compito facile, anche se è assolutamente necessario. L’igiene del sonno assicura a vostro figlio una buona qualità di vita. Inoltre, offre molti altri vantaggi:

  • Genera una routine e porta stabilità. Sapere in anticipo che cosa accadrà e associare tra loro eventi diversi porta stabilità a vostro figlio. Quando inizia a imparare quali sono i passi da seguire nel momento di andare a dormire, il suo stato emotivo si adatta al compito da eseguire. Così, se associamo la routine del sonno alla tranquillità, il vostro bebè si calmerà sempre più, mentre impara la nuova routine.
  • Facilita l’autonomia del vostro bebè. Le buone abitudini del sonno danno a vostro figlio la sicurezza di dormire da solo, prima nella culla e poi nel suo letto. In questo modo gli insegnate a riposare da solo, senza la necessità di un contatto costante o della dipendenza dalla mamma. Inoltre, agevolerete la sua autonomia.
  • Regala un po’ di tempo per voi stessa. Quando il vostro bebè impara a fare sua la routine del sonno, garantirete del tempo per voi stessa, perché lui riuscirà ad addormentarsi prima e meglio, mentre voi potrete riposare.

Ogni genere di vita, senza riposi alternativi, non è duratura.

-Publio Ovidio Nasone-

6 errori comuni nel momento di far addormentare il vostro bebè

Prima di tutto, sappiate che, anche se commettete qualche errore, non succede niente. Non è mai troppo tardi per cambiare e iniziare a fare le cose meglio. Abbiate pazienza. Tutto ciò che vi raccomandiamo lo dovete adattare alle caratteristiche proprie del vostro bebè. Quindi, fidatevi di voi stessa. Voi conoscete il vostro bebè meglio di chiunque altro.

  • Ritardare l’ora del riposo. Le routine sono molto importanti. Bisogna cercare di evitare i costanti cambiamenti di orario. Si raccomanda che il vostro bebè vada a letto sempre, approssimativamente, alla stessa ora. Qualche eccezione può capitare, ma cercate di mantenere l’orario il più possibile regolare.
  • Abituare il vostro bebè a dormire in movimento. Cullare il vostro bebè è importante per aiutarlo a rilassarsi nei momenti di grande tensione. In circostanze normali, però, bisogna cercare di fare in modo che si addormenti da solo. Lo scopo consiste nell’evitare che, per addormentarsi, dipenda da questo dondolio.
  • Eccesso di stimoli intorno a lui. La culla è il luogo in cui si dorme, non dove si gioca: un eccesso di stimoli renderà più attivo il vostro bebè. Può tenere con sé qualche pupazzo di peluche o qualcosa che produca un suono rilassante, ma evitate che la culla assomigli a un parco giochi. Ciò che si vuole cercare è la tranquillità.
Per far addormentare il vostro bebè, evitate di circondare di stimoli il suo ambiente

  • Non creare una routine di tranquillità. Prima di andare a dormire, bisogna realizzare attività che portino calma al vostro bebè. Bagni, massaggi, silenzio… tutto ciò che vi sembri opportuno da associare al momento di addormentarsi.
  • Toglierlo dalla culla non appena si mette a piangere. Non è una buona cosa lasciare che il vostro bebè pianga, soprattutto di un pianto inconsolabile, ma non lo è nemmeno toglierlo dal luogo in cui dorme quando si presenta il minimo rumore. Potete affacciarvi, tranquillizzarlo e rimanergli vicino, ma, se lo togliete dall’ambiente che per lui dovrebbe rappresentare la tranquillità, imparare la routine gli sarà più difficile. Bisogna trovare l’equilibrio tra il lamento e il pianto inconsolabile.
  • Cambiare l’ambiente nel quale dorme. Al vostro bebè piacerà sapere qual è il luogo in cui dorme. Deve essere sempre lo stesso. Se qualche volta si addormenta nella culla, altre nel letto, altre ancora sul divano, sarà difficile che acquisisca un’abitudine. Cercate di fornirgli un ambiente nel quale si senta comodo, calmo e tranquillo.

Non abbiate dubbi nel mettere in pratica i consigli che vi abbiamo dato. Vi saranno di grande aiuto!