Agenesia dentale: cos'è e come colpisce i bambini?

L'agenesia dentale è un disturbo che colpisce la qualità della vita dei più piccoli. Vi diciamo di più su questo problema durante l'infanzia.
Agenesia dentale: cos'è e come colpisce i bambini?
Vanesa Evangelina Buffa

Scritto e verificato da la dentista Vanesa Evangelina Buffa.

Ultimo aggiornamento: 27 ottobre, 2022

Portare i neonati dal dentista pediatrico fin dalla comparsa dei primi denti permette, tra l’altro, di rilevare nel tempo eventuali anomalie e malformazioni orali. L’agenesia dentale è uno dei problemi che il dentista può riscontrare durante i controlli di routine.

Che un bambino perda un dente e che ci sia un buco vuoto in attesa di quello definitivo è uno scenario abbastanza comune. Ma ci sono situazioni anomale che possono portare alla mancanza di uno o più denti in bocca.

Questo problema è ciò che conosciamo come agenesia dentale e colpisce sia i bambini che gli adulti. Nei bambini piccoli è evidenziato dalla mancanza di un dente da latte in bocca o dalla mancata eruzione di quello permanente quando il dente provvisorio cade. Inoltre, per la persistenza del dente primitivo, perché non ce n’è uno definitivo che lo riassorba.

Che cos’è l’agenesia dentale nei bambini?

bocca ragazza dente mancante incisivo laterale
L’agenesia dentale è l’assenza di uno o più denti per mancanza di sviluppo e non per perdita.

L’agenesia dentale nei bambini è l’assenza di uno o più denti per mancanza di sviluppo. Cioè, non sono mai esistiti, quindi la protesi è incompleta.

Come abbiamo già accennato, questo disturbo può interessare denti da latte e denti permanenti, ma è più frequente in questi ultimi. Denti del giudizio, incisivi laterali e premolari sono i pezzi che più comunemente mancano.

La normale dentizione provvisoria comprende 20 pezzi di latte che finiscono di apparire intorno ai 3 anni. Nel caso dei denti permanenti, ci sono un totale di 32 denti, se prendiamo in considerazione i denti del giudizio che spuntano tra i 17 e i 21 anni.

In ogni caso, prima dell’eruzione degli ultimi molari, i bambini solitamente presentano 28 elementi permanenti nelle loro arcate dentarie intorno ai 13 anni.

Se all’età prevista manca un dente nella bocca dei bambini, potremmo trovarci di fronte a un caso di agenesia dentale. Anche se è sempre necessario considerare il ritmo di crescita e sviluppo individuale, che spesso può spiegare il ritardo.

Vale la pena chiarire che la mancanza dell’elemento dentale nella bocca del bambino non è dovuta alla sua perdita per carie o traumi.

Né per questo è trattenuto all’interno dell’osso. Nell’agenesia dentale, il pezzo in questione non esiste direttamente, perché non si è mai formato.

Tipi di agenesia dentale nei bambini

L’agenesia dentale nei bambini può essere classificata in diversi tipi, a seconda del numero di elementi interessati. Vediamo nel dettaglio:

  • Agenesia puntuale o ipodonzia : è la più comune. È la mancanza da 1 a 6 denti isolati.
  • Agenesia multipla o oligodonzia : qui nell’arcata mancano più di 6 elementi dentali e inoltre i pezzi presenti in bocca presentano solitamente malformazioni.
  • Anodontia : è il tipo più grave di agenesia dentale che si osserva nei bambini, poiché nella bocca c’è una totale assenza di denti.

L’agenesia dentale nei bambini può anche essere differenziata tra unilaterale o bilaterale, a seconda che si manifesti su uno o entrambi i lati della bocca.

Cause dell’agenesia dentale nei bambini

Nel momento in cui i denti sono in formazione, diversi fattori possono influenzare negativamente il processo. Le componenti ereditarie sono le determinanti più comuni, quindi è normale osservare la mancanza di uno o più denti in più membri della stessa famiglia.

Alterazioni cromosomiche e sindromi genetiche sono anche causa di agenesia dentale nei bambini. Ad esempio, sindrome di Down, displasia ectodermica, labbro leporino e palatoschisi.

L’azione degli agenti teratogeni durante il primo trimestre di gravidanza è un’altra possibile causa. Alcune malattie come la tubercolosi, la sifilide, la rosolia, il rachitismo o la malnutrizione subite durante la gravidanza possono spiegare l’agenesia dentale nei bambini.

Quali conseguenze porta questa condizione ai bambini?

molare spinge verso il basso la crescita eccessiva a causa dell'agenesia dentale
Quando un dente o un molare non si sviluppa, l’antagonista può crescere oltre i suoi limiti per cercare il contatto con il dente mancante.

La mancanza di uno o più denti nella bocca dei lattanti altera la funzionalità, l’equilibrio e l’estetica del cavo orale. Ebbene, ogni elemento dentale occupa un posto e svolge un ruolo specifico nell’arcata.

Pertanto, l’agenesia dentale nei bambini può influenzare diversi problemi che influenzano lo sviluppo dei bambini. Successivamente, li discutiamo in dettaglio:

  • Effetti estetici: la presenza di una o più lacune nel sorriso influisce sull’aspetto del bambino. Questo può portare alcuni sentimenti di vergogna, bassa autostima e difficoltà nello sviluppo sociale e nelle relazioni interpersonali.
  • Problemi funzionali: gli spazi lasciati dalla mancanza di denti alterano le funzioni della bocca. La pronuncia di alcuni fonemi e le difficoltà di masticazione sono alcuni dei problemi che possono comparire quando ci sono meno denti.
  • Malposizionamenti dentali: anche gli elementi dentali presenti in bocca subiscono ripercussioni per l’assenza degli altri pezzi. I denti vicini allo spazio vuoto tendono a occupare questo posto. E l’antagonista può scoppiare troppo, cercando un contatto che non riesce a trovare. Tutti questi movimenti insoliti causano denti storti e malocclusioni.

Come risolvere l’agenesia dentale nei bambini?

Per risolvere i problemi causati dall’agenesia dentale nei bambini , è fondamentale avere una diagnosi accurata del problema. E prima viene rilevato, minori saranno le conseguenze.

Per questo motivo, portare il bambino a regolari visite dentistiche è fondamentale. È necessario partire dai controlli fin dal primo anno di vita, in modo che il dentista pediatrico possa monitorare l’intero processo eruttivo e rilevare nel tempo eventuali anomalie.

All’esame clinico il dentista può diagnosticare l’assenza di un dente, ma solo attraverso i raggi X può confermare se la causa sia o meno l’agenesia dentale.

In un caso di agenesia dentale, l’approccio e il trattamento dipenderanno dall’età del bambino, dalla dentatura interessata e dal numero di denti mancanti. Inoltre, la fisionomia facciale del bambino, la dimensione dei denti presenti in bocca e la presenza di problemi di morso associati.

Un’opzione terapeutica consiste nel chiudere lo spazio generato dalla mancanza del dente attraverso l’uso dell’ortodonzia. Con il dispositivo, il resto degli elementi dentali viene mobilitato e allineato fino all’annullamento dello spazio vuoto.

Dopo questo, di solito è necessario intagliare e restaurare i denti, per dare loro la forma che corrisponde allo spazio che occupano. Ad esempio, le zanne ortodonticamente avanzate possono diventare incisivi laterali.

Un’altra alternativa è risparmiare lo spazio per posizionare un impianto o una protesi quando il bambino cresce. Per questo sarà necessario posizionare un mantenitore di spazio che preservi il posto e impedisca lo spostamento dei pezzi vicini.

Nel caso in cui i denti da latte persistano per l’assenza dell’elemento definitivo, l’ideale è conservarli. L’applicazione di misure preventive, come sigillanti e fluoro, aiutano a prolungarne la permanenza in buone condizioni.

ragazza seduta sulla poltrona del dentista per il controllo di controllo sorriso felice guanti specchio per le mani e elemento strumentale appuntito
Le visite odontoiatriche fin dal primo anno di vita sono fondamentali per valutare l’intero processo di eruzione dei denti del bambino.

Quando consultare il dentista pediatrico?

Come ti abbiamo già detto, i controlli dentistici regolari sono fondamentali per rilevare precocemente l’agenesia dentale nei bambini. Il follow-up professionale dell’eruzione dentale aiuta a trovare qualsiasi alterazione nel tempo.

Allo stesso modo, se noti una di queste condizioni, è consigliabile consultare un dentista pediatrico:

  • Tuo figlio ha già 3 anni, ma non ha ancora in bocca i suoi 20 pezzi di latte.
  • All’età prevista il dente da latte non si muove.
  • L’elemento definitivo non compare dopo la caduta dell’elemento temporaneo.

Queste situazioni non sono di per sé decisive, poiché ogni bambino ha il proprio tasso di crescita e eruzione dei denti. Ma vale la pena indagare presto, poiché potrebbero indicare l’agenesia dentale. La diagnosi precoce ti consentirà di scegliere le migliori opzioni di trattamento per il tuo piccolo.

Potrebbe interessarti ...
I problemi dentali più diffusi tra i bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
I problemi dentali più diffusi tra i bambini

I problemi dentali dei bambini possono manifestarsi sin dalla più tenera età e causare diversi fastidi. Oggi parleremo dei più comuni e di come pre...



  • Echeverri Escobar, J., Restrepo Perdomo, L. A., Vásquez Palacio, G., Pineda Trujillo, N., Isaza Guzmán, D. M., Manco Guzmán, H. A., & Marín Botero, M. L. (2013). Agenesia dental: Epidemiología, clínica y genética en pacientes antioqueños. Avances en Odontoestomatología, 29(3), 119-130.
  • Oliva Ruiz, E. S. (2021). Asociación del tipo de agenesia del incisivo lateral superior con la percepción estética de la sonrisa en pacientes atendidos en la Clínica Estomatológica del Adulto de la Universidad Inca Garcilaso de la Vega.
  • Díaz-Pérez, R., & Echaverry-Navarrete, R. A. (2009). Agenesia en dentición permanente. Revista de Salud Pública, 11, 961-969.
  • Lloret García, M. (2016). Influencia de la agenesia dental en el desarrollo de la dentición.
  • Mocha Medina, L. M. (2021). Agenesia en dentición permanente (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • Flores-Carrillo, C. L., Santiesteban-Ponciano, F. A., & Gutiérrez-Rojo, J. F. (2020). Tratamiento de ortodoncia en paciente con agenesia de incisivos laterales superiores. Revista Tamé, 7(21), 842-847.
  • Loor Alvarado, F. A. (2021). Estado actual de la agenesia en dentición permanente (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • Bryan, J., & Arias, T. (2021). Efecto de la Hipodoncia en relación a su origen congénito. revisión bibliográfica (Bachelor’s thesis, Universidad Nacional de Chimborazo).
  • Berumen-Torres, Y., Murisi-Pedroza, I., González-Zarazua, C., Alcalá-Sánchez, J., & Guzmán-Uribe, D. Agenesia múltiple de dientes permanentes en paciente pediátrico: Reporte de un caso clínico. Mis casos Clínicos de Odontopediatría y Ortodoncia, 119.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.