Che fare se il neonato cade dal letto?

· 16 Febbraio 2019
Che fare quando un neonato cade dal letto? Niente panico, è uno degli incidenti più comuni.

Può succedere a chiunque: non dovete sentirvi in colpa per non essere stati sufficientemente presenti o pronti. Se il vostro neonato cade dal letto, evitate di farvi prendere dal panico e pensate bene a come agire.

Si tratta di uno delle peggiori esperienze che una madre o un padre possano sperimentare. Quando i bambini sono molto piccoli, gli incidenti sono all’ordine del giorno ma, per fortuna, il loro giovane corpicino riesce a resistere alla maggior parte di essi. In questo articolo vi spiegheremo come intervenire se, per caso, il vostro neonato cade dal letto.

Se il neonato cade dal letto, rimanete calmi!

Le ossa dei bambini sono molto fragili ma anche elastiche, e le fratture non sono frequenti. Quando un neonato cade dal letto, la prima cosa che dovete fare è restare calmi. Solamente ragionando con chiarezza, infatti, sarete in grado di pensare meglio e agire consapevolmente. Quindi, dovrete decidere se portare il piccolo al pronto soccorso o se si è trattato solo di uno spavento.

Prima di agire, inoltre, occorrerà prendere in considerazione diversi aspetti. In primo luogo, l’altezza da cui è caduto. La situazione cambia molto, se un neonato cade dal letto, da una sedia o da un divano, a seconda dell’altezza. Se è caduto mentre camminava, ovviamente, l’impatto sarà decisamente inferiore. Questo primo passo è fondamentale per decidere se chiamare semplicemente il pediatra o correre al pronto soccorso.

Vedete del sangue?

Le cadute sulla testa o sulla schiena sono solitamente le più delicate. In questi casi ci sono diversi aspetti da analizzare. Controllate la presenza di sangue, cercate la ferita e riducetela usando una garza ed esercitando una morbida pressione. Se non smette di sanguinare o la ferita appare evidentemente grande, recatevi immediatamente al pronto soccorso.

Se la ferita è piccola e la fuoriuscita di sangue diminuisce rapidamente, potete decidere se aspettare e vedere come evolve la situazione. Ricordate che potrebbe crearsi un livido interno, una pericolosa emorragia alla testa, anche quando il danno è lieve. Se non vi è emorragia, cercate un possibile bozzo, o una protuberanza o una fenditura per determinare l’area esatta del colpo. Nella maggior parte dei casi, sarà sufficiente applicare del ghiaccio sulla parte interessata, facendo comunque molta attenzione alla comparsi di altri sintomi.

Se un neonato cade dal letto piange

Vomito e dolore

Se il vostro neonato cade dal letto e vomita subito dopo il colpo, dovrete portarlo subito in ospedale. Si tratta, infatti, di un sintomo che non deve essere sottovalutato. Al contrario, se il bambino vomita dopo diversi minuti di pianto intenso, si tratta di una situazione meno grave.

È normale che quando i bambini piangono, la gola possa irritarsi, fino a provocare tosse e vomito. Ma se questa manifestazione perdura e il liquido viene espulso con grande forza, dovrete rivolgervi al medico. Anche il dolore è sinonimo di una situazione complicata. Se il pianto passa dopo qualche minuto, si tratta di un dolore passeggero. In caso di pianto reiterato e urla eccessive, sarà doveroso correre al pronto soccorso.

Il neonato appare confuso e disorientato

Se il bambino è confuso, disorientato o perde facilmente conoscenza dovrete portarlo subito in ospedale. E anche se appare molto assonnato ed è difficile tenerlo sveglio. Le convulsioni sono ragioni per un trasferimento immediato, così come eventuali difficoltà di movimento, nel vedere o parlare.

Quando un neonato cade dal letto e mostra perdite di sangue da naso e orecchie, non perdete altro tempo e recatevi subito dal dottore. Potrebbe trattarsi anche di perdita di liquido cerebrospinale. Rivolgetevi al pronto soccorso pediatrico anche quando il sangue è visibile nella sclera (la parte bianca dell’occhio).

Deformità visibili in altre parti del corpo, come braccia o gambe, con le ossa fuori allineamento o infiammazione sul cuoio capelluto, sono tutti sintomi che richiedono il parere e l’intervento del medico. Così come se cambia la dimensione della pupilla o notate movimenti insoliti negli occhi.

Dopo che il neonato cade dal letto, può darsi che mantenga un aspetto sano e si comporti normalmente. In questi casi la decisione dei genitori è di solito di tenerlo a casa e controllare eventuali cambiamenti. Saranno sufficienti almeno 24 ore per rilevare eventuali sintomi.

Pediatra donna tiene bimbo su lettino

Come evitare che il neonato cada dal letto

Una caduta non sempre può essere evitata, si tratta di esperienze che rientrano nella fase di sviluppo delle capacità motorie dei bambini. Quello che potete fare è evitare che queste cadute siano eccessivamente serie. Per ridurre conseguenze pregiudizievoli, ci sono diverse misure che potete facilmente mettere in pratica. Iniziate proteggendo gli angoli dei mobili, rimuovendo tappetini e stuoie o usando modelli realizzati in materiale antiscivolo.

È importante posizionare le grate di sicurezza all’inizio e alla fine delle scale ed eliminare gli oggetti che potrebbero provocare ferite. Tenete lontane le sedie e i tavoli dalle finestre. Se il bambino si trova nel fasciatoio o sul seggiolone, non dovrebbe mai essere lasciato solo perché può sporgersi e cadere. Inoltre, quando lo portate in auto, nell’apposito seggiolino, assicuratevi che sia installato correttamente e le cinture siano ben allacciate.

  • Mª Jesús Esparza y Santi Mintegi. Aeped. 2016. Prevención lesiones no intencionadas. https://www.aeped.es/sites/default/files/documentos/guia-padres-prevencion-lesiones-no-intencionadas.pdf
  • Texaschildrens.org. Prevención de caídas. https://www.texaschildrens.org/sites/default/files/IP_PreventingFalls_SP.pdf