Ipotiroidismo nei bambini: cosa bisogna sapere

L'ipotiroidismo è una delle malattie endocrinologiche più frequenti dell'infanzia. In questo articolo vi diciamo tutto quello che dovete sapere a riguardo.
Ipotiroidismo nei bambini: cosa bisogna sapere

Ultimo aggiornamento: 27 maggio, 2022

L’ipotiroidismo è una patologia che deriva da un’alterazione a livello della ghiandola tiroidea che genera una minore produzione dei suoi rispettivi ormoni. Queste sostanze sono essenziali per il corretto funzionamento del corpo e per il metabolismo.

Nei bambini, la causa di questa malattia può variare, così come l’impatto sullo sviluppo del loro organismo, quindi una diagnosi e un trattamento precoci possono migliorare la prognosi.

Volete saperne di più sull’argomento? Allora non smettete di leggere.

L’ipotiroidismo nei bambini

La ghiandola tiroidea si trova al centro del collo e produce gli ormoni chiave per la salute: triiodotironina (T3) e tiroxina (T4). Questo organo è controllato dall’ipofisi o ghiandola pituitaria, situata alla base del cervello, per mezzo dell’ormone stimolante la tiroide (TSH).

Gli ormoni tiroidei svolgono funzioni molto importanti per l’organismo, tra le quali spiccano le seguenti:

  • Promuovono lo sviluppo del cervello;
  • Regolano il metabolismo;
  • Assicurano la crescita del corpo;
  • Contribuiscono a mantenere la temperatura interna.

Quando si parla di ipotiroidismo ci si riferisce ad una condizione che risulta dalla diminuzione dell’attività biologica degli ormoni tiroidei sui tessuti corporei. E questo può essere generato da una bassa produzione da parte della ghiandola o da un’elevata resistenza all’azione ormonale da parte delle cellule del resto del corpo.

Nei bambini, la maggior parte dei casi di ipotiroidismo si verifica a causa della bassa produzione di ormoni tiroidei e si manifesta presto nella vita. Pertanto, può causare alterazioni cerebrali, problemi nella crescita corporea e nello sviluppo di diversi organi.

Questa condizione è abbastanza comune nell’infanzia e la sua prevalenza varia in base all’area geografica (da 1 su 800 a 10.000 bambini).

In alcuni casi l’ipotiroidismo è transitorio, ma in altri diventa una condizione cronica e incurabile. Ma fortunatamente, con un’adeguata terapia ormonale sostitutiva e controlli regolari con un endocrinologo pediatrico, i bambini affetti possono condurre una vita normale.

ipotiroidismo
La ghiandola tiroidea si trova nella parte anteriore del collo, a metà strada tra la mascella e lo sterno. Il suo ingrandimento o diminuzione delle dimensioni potrebbe suggerire un malfunzionamento.

Tipi di ipotiroidismo nei bambini

Esistono diversi criteri per classificare la malattia, in base alla posizione del problema o alla sua causa.

Per quanto riguarda il primo criterio, l’obiettivo è definire quale sia l’organo interessato che genera un basso livello di ormoni tiroidei nel sangue. L’ipotiroidismo più comune nell’infanzia è il tipo primario, che comporta un malfunzionamento della ghiandola tiroidea. Da parte sua, l’ipotiroidismo secondario si riferisce al malfunzionamento della ghiandola pituitaria.

A seconda della causa del danno alla tiroide, l’ipotiroidismo è classificato in due tipi: congenito (alla nascita) o acquisito (postnatale). Diamo un’occhiata a ciascuno di essi in dettaglio.

Congenito

Quando si parla di ipotiroidismo congenito si intende che il bambino nasce con un problema alla tiroide, e uno sviluppo anormale o la sua completa assenza. Sebbene più raramente possa manifestarsi per danni alla ghiandola pituitaria, è molto raro che sia associato alle abitudini alimentari della madre (ad esempio l’assunzione di diete prive di iodio).

Si stima che questo tipo di patologia si manifesti in 1 su 3.000 – 3.500 nascite e sia una delle principali cause prevenibili di disabilità intellettiva (precedentemente chiamata ritardo mentale).

Acquisito

Se la malattia compare dopo la nascita (più precisamente dopo 6 mesi), si parla già di ipotiroidismo acquisito. In questo caso, la tiroide produce pochissima o nessuna quantità di ormone tiroideo e le cause di questo fenomeno sono diverse:

  1. Tiroidite di Hashimoto: è una malattia autoimmune, in cui il sistema immunitario stesso attacca la tiroide e le impedisce di svolgere le sue funzioni. È la principale causa di ipotiroidismo nei bambini e nelle donne;
  2. Infezione virale;
  3. Alterazioni dovute ai farmaci (dovute al consumo di litio, amiodarone e oxcarbazepina);
  4. Storia familiare di ipotiroidismo;
  5. Asportazione chirurgica della tiroide per altre cause;
  6. Assunzione inadeguata di iodio, più o meno;
  7. Malattie della ghiandola pituitaria (come il panipopituitarismo).
Gli ormoni sono sostanze chimiche secrete per ordine del cervello.
La ghiandola pituitaria (o ipofisi) è una piccola struttura situata nel tronco cerebrale, all’interno del cranio. Produce diversi ormoni essenziali per il funzionamento del corpo.

Quali sono i sintomi dell’ipotiroidismo?

I bambini di solito presentano quadri clinici variabili, sia nella sintomatologia che nell’intensità. In generale, la malattia ha un esordio lento, cioè possono essere necessari alcuni anni per manifestarsi e molti segni possono passare inosservati.

Tra i segni più importanti di ipotiroidismo nei bambini ci sono i seguenti:

  • Stanchezza e stanchezza cronica;
  • Maggiore sensibilità al freddo;
  • Aumento di peso. L’ipotiroidismo rallenta il metabolismo, che provoca un moderato aumento di peso, tra 2 e 4,5 kg.
  • Scarsa crescita in altezza. È un segno caratteristico di ipotiroidismo nei bambini;
  • Pubertà ritardata (negli adolescenti);
  • Pelle e capelli secchi e fragili;
  • Stipsi;
  • Gozzo.

I neonati con ipotiroidismo possono anche presentare sintomi come ittero, pianto rauco, lingua grande e sporgente, difficoltà respiratoria ed ernia ombelicale.

Se rilevate che vostro figlio ha molti di questi sintomi, dovete discuterne con il pediatra in modo che possa prescrivere controlli per confermare o escludere questa diagnosi.

Diagnosi

La diagnosi di ipotiroidismo nei bambini è semplice. In primo luogo, il pediatra eseguirà un esame fisico dettagliato, dove verranno valutati l’altezza e il peso per determinare l’eventuale alterazione dei percentili. Inoltre, eseguirà la palpazione della tiroide per vedere se è ingrandita.

Quindi, prescriverà degli esami del sangue per valutare i livelli di ormoni prodotti dalla ghiandola pituitaria e dalla tiroide:

  • T4 libero: si misurano i livelli di tiroxina libera nel sangue, che è quella che non è legata alle proteine e che può entrare nei tessuti dell’organismo;
  • TSH (ormone stimolante la tiroide): è un test sensibile per rilevare l’ipotiroidismo. Quando la tiroide non svolge le sue funzioni, la ghiandola pituitaria produce più TSH del solito per cercare di stimolarla;
  • Anticorpi antitiroide: questa misurazione viene utilizzata per diagnosticare la possibile tiroidite di Hashimoto.

L’ipotiroidismo viene diagnosticato quando i livelli di TSH sono elevati e il livello di T4 libera prodotto dalla tiroide è basso.

Se l’alterazione degli esami del sangue è confermata, verranno indicati altri esami complementari, come la gammagrafia o l’ecografia tiroidea per determinare l’esatta localizzazione della ghiandola e la sua dimensione.

A complemento, l’endocrinologo richiederà probabilmente una risonanza magnetica cerebrale, per valutare la ghiandola pituitaria ed escludere alterazioni centrali.

ipotiroidismo
La diagnosi di ipotiroidismo è semplice e consiste in un adeguato esame clinico e nella determinazione degli ormoni tiroidei e del TSH nel sangue.

Trattamento dell’ipotiroidismo nei bambini

Il trattamento dell’ipotiroidismo nei bambini si basa sulla sostituzione dell’ormone attraverso la somministrazione di ormoni tiroidei sintetici, come la levotiroxina sodica o LT4.

Questo farmaco viene somministrato una volta al giorno e la dose varia a seconda dell’età e del peso del bambino. Idealmente, dovrebbe essere somministrato dopo il risveglio e 30 minuti prima di mangiare. Inoltre, dovrebbe essere tolto da altri integratori, come calcio, ferro o vitamine, per evitare di ridurne l’effetto.

Va notato che è di vitale importanza essere coerenti nella somministrazione giornaliera di questo ormone al bambino.

Spesso lo specialista indica anche la biotina (vitamina B8) per migliorare la salute della pelle e dei capelli del bambino. Inoltre, è importante che il bambino abbia una dieta adeguata che prevenga un eccessivo aumento di peso.

Questo trattamento ha pochissimi effetti collaterali e se si verificano, la dose del farmaco può essere regolata. Pertanto, è necessaria una revisione costante da parte dell’endocrinologo.

Sebbene non esista una cura per l’ipotiroidismo nei bambini, questo trattamento ormonale può controllare i sintomi e rallentare la progressione della malattia. E così, è possibile condurre una vita normale e altrimenti sana.

Prevenzione dell’ipotiroidismo nei bambini

Di sicuro non c’è modo di prevenire l’ipotiroidismo nei bambini, ma è importante rilevarlo precocemente quando il bambino inizia a mostrare qualche sintomatologia suggestiva. Pertanto, il trattamento può essere avviato prima che si inneschino conseguenze negative e irreversibili per la salute.

Potrebbe interessarti ...
Problemi di tiroide in gravidanza: sintomi e conseguenze
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Problemi di tiroide in gravidanza: sintomi e conseguenze

La ghiandola tiroidea compie molte funzioni. I problemi di tiroide in gravidanza possono portare a complicazioni per la salute della madre e del be...