La maternità mette a dura prova il matrimonio?

· 19 Dicembre 2018
L'arrivo di un figlio è un'esperienza meravigliosa e unica, che porta con sé cambi importanti nella vita matrimoniale. Il nuovo arrivato nella famiglia è il centro dell'attenzione, del tempo e dello spazio dei neogenitori, motivo per cui spesso si pensa alla maternità come un banco di prova per il matrimonio.

Prendersi cura di un neonato ha sicuramente le sue ripercussioni sulla vita di coppia e il matrimonio. Questo significa che, probabilmente, passarete meno tempo insieme.

Inoltre, allattare, fare il bagno o cambiare il neonato sono tutte attività che tolgono ore di sonno, influenzando lo stato d’animo. Se la maternità mette alla prova il matrimonio, cosa potete fare per superare questa fase?

Il neonato, l’epicentro dell’attenzione della mamma

Quando nasce un bambino, è la madre che (principalmente) dedica il 100% del suo tempo e della sua attenzione al neonato. Prendersi cura del proprio figlio la fa sentire soddisfatta e realizzata, ma è possibile che il papà si senta abbandonato.

L’uomo delle trovare il modo di dimostrare tutto il suo amore a sua moglie. Un modo per farlo è cercare di capire gli effetti, sia fisici che mentali, che provoca l’arrivo di un neonato.

Il cambio di umore è uno dei sintomi più evidenti. Di fronte a questi cambiamenti, e per gestire meglio la situazione, il papà deve armarsi di molta pazienza e dare priorità alle necessità e agli interessi della neomamma.

Da parte sua, una donna intelligente spingerà il papà a partecipare alla vita del bambino e a mettersi alla prova come papà fin dall’inizio. Lo dovrà incoraggiare a prendersi cura del neonato, come cambiargli il pannolino, fargli il bagnetto o dargli da mangiare.

È probabile che, all’inizio, le cose non siano sempre facili per il papà; ma, con pazienza e tolleranza, anche lui imparerà a prendersi cura del bambino.

Consigli per i futuri genitori

Se avete scelto di ampliare la famiglia, o se è stata una sorpresa, è importante che entrambi i componenti della coppia siano convinti e prendano sul serio questa decisione. Prendersi cura di un neonato è un’enorme responsabilità.

Ricordate: fare un figlio non deve essere la soluzione ai problemi o alla crisi del vostro matrimonio.

La nascita di un figlio mette a dura prova il matrimonio

È molto comune che la mamma assuma esclusivamente la responsabilità della cura e della crescita del neonato, anche quando è sfinita. Per questo è invece importante che la madre lasci partecipare il suo compagno o altri membri della famiglia.

Infatti, molti padri al primo figlio si sentono messi da parte, ignorati ed addirittura pensano di disturbare quando si prendono cura del neonato.

Tuttavia, il padre non deve essere un semplice osservatore, ma un partecipante attivo nel processo di crescita del bambino. Il padre deve essere parte integrante delle cure del bebè, per stabilire un vincolo speciale con il bambino.

Per quanto riguarda le faccende di casa e la cura del neonato, l’ideale è una divisione equilibrata delle responsabilità. L’obiettivo è quello di evitare che una sola persona si sovraccarichi di lavoro; inoltre, questo contribuisce a ridurre i conflitti che possono sorgere nella coppia.

Il processo di cambiamento che affronta la neo-mamma

Dopo essere passata attraverso l’incredibile esperienza del parto, la madre subirà un cambiamento delle sue abitudini quotidiane. Il tempo di recupero dopo il parto, l’adattamento all’allattamento o il ritorno al lavoro sono fattori decisivi in questo momento.

Esistono casi in cui la donna può soffrire di depressione post-partum; se dovesse accadere, è importante rivolgersi ad uno specialista, per un aiuto psicologico. L’appoggio del marito, in queste occasioni, è di fondamentale importanza.

Un altro errore molto comune dei neo genitori è quello di avere un atteggiamento iperprotettivo nei confronti del neonato, per paura che gli succeda qualcosa. Tuttavia, questo comportamento non fa altro che causare differenze di giudizio all’interno della coppia.

“È essenziale che entrambi i componenti della coppia prendano sul serio questa decisione. Prendersi cura di un neonato è un’enorme responsabilità”.

Ritagliare un po’ di tempo di qualità per la coppia

Al di là della nascita di vostro figlio, è imprescindibile non tralasciare il matrimonio e la relazione di coppia. Nei primi mesi di vita, è normale che il neonato assorba quasi completamente l’attenzione dei suoi genitori.

Tuttavia, è altrettanto importante che, come coppia, i genitori passino un po’ di tempo insieme e mantengano una buona comunicazione. Parlate apertamente dei sentimenti che state sperimentando e manifestate le vostre paure e le vostre gioie.

La maternità mette a dura prova il matrimonio, anche nell’intimità. Lo sfinimento e le continue attenzioni che richiede un neonato possono produrre una diminuzione importante nella frequenza delle relazioni sessuali che avevate prima del parto o durante la gravidanza.

Questa situazione può provocare frustrazione, tensione ed allontanamento all’interno del matrimonio.

Genitori discutono

Che fare quando la maternità mette a dura prova il matrimonio?

Alcuni genitori potrebbero pensare che l’arrivo del bambino sia una ragione per separare la coppia. Se pensate che la maternità stia mettendo a dura prova il vostro matrimonio, provate a cambiare prospettiva ed a guardare questa fase come una questione di adattamento a circostanze nuove.

Vi diamo una lista di semplici consigli, che potete mettere in pratica per affrontare la situazione:

  • Dite al vostro partner che lo amate e dimostrateglielo con i fatti.
  • Rassicuratelo se ha insicurezze.
  • Parlate apertamente delle rispettive necessità sessuali.
  • Siate compassionevoli con l’altro, siate pazienti e chiari, ed evitate inutili giri di parole quando vi confrontate.
  • Riconoscete il ruolo dell’altro: mettete in risalto e ringraziatelo per lo sforzo che fa. Questo aiuta a rendere il vostro amore piu profondo e forte.

In sintesi, è vero che la maternità può mettere a dura prova il matrimonio, perché cambia – per sempre – gli equilibri di una coppia. Ma questa nuova tappa deve essere vista come un’occasione per dimostrarsi amore e comprensione.

Crescere un figlio permetterà portare in superficie qualità di entrambi i genitori che, senza il neonato, non sarebbero mai emerse.

  • Verea, C. P. (2015). Maternidad: historia y cultura. Revista de Estudios de Género. La Ventana3(22), 35–68.
  • Sánchez, A., Espinoza, S., Ezcudia, C., & Torres, E. (2004). Nuevas maternidades o la desconstrucción de la maternidad en México. Debate Feminista, Maternidades, 55–86. Retrieved from https://scholar.google.com.mx/scholar?start=10&;q=Maternidad+en+Mexico&hl=es&as_sdt=0,5#5
  • Binstock, G. (2010). Tendencias sobre la convivencia, matrimonio y maternidad en áreas urbanas de Argentina. Revista Latinoamericana de Población3(6), 129–146. Retrieved from http://revistarelap.org/ojs/index.php/relap/article/view/73/72

Purizaca, M. (2010). Modificaciones fisiológicas en el embarazo. Revista Peruana de Ginecología y Obstetricia56(1), 57–69.