L’attaccamento è fondamentale per il vostro bebè

· 17 Dicembre 2017

Per potersi sviluppare adeguatamente, il bebè ha bisogno dei suoi genitori. In caso di separazione, è probabile che si presentino ansia o problemi di comportamento. Il suo sviluppo non è solo fisico: anche la parte emotiva è di grande importanza. Vi spieghiamo in cosa consiste l’attaccamento e perché è fondamentale per il vostro bebè.

Al giorno d’oggi i genitori danno priorità assoluta all’educazione naturale e all’attaccamento, perché hanno compreso i benefici che ne derivano sia per il bebè che per la sua relazione con la famiglia.

Che cos’è l’attaccamento?

L’attaccamento è una relazione speciale che il bambino stabilisce con un numero ridotto di persone.

È un vincolo affettivo, che si forma tra lui e ognuna di queste persone. È un legame che lo spinge a cercare la vicinanza e il contatto con loro nel corso del tempo.

Inoltre è un meccanismo innato attraverso il quale il bambino cerca sicurezza.

Il sistema comportamentale di attaccamento diventa più significativo in quelle situazioni che il bambino percepisce come minacciose, come, per esempio, il dolore, la malattia o la paura.

I bambini utilizzano il pianto come uno dei principali meccanismi attraverso il quale reclamano la figura di attaccamento.

il legame con la madre è fondamentale per l'attaccamento

L’attaccamento e la madre

Il vincolo emotivo della madre nei confronti del bebè si sviluppa velocemente, anche prima della nascita del bambino, perché la madre ne percepisce la presenza nel ventre.

Le madri più sensibili alle necessità del bebè e che adattano il proprio comportamento in base a quello del figlio hanno maggiori probabilità di stabilire una relazione di attaccamento sicura.

Queste madri reagiscono rapidamente ai segnali emessi dai figli, come la richiesta di cibo, comprendendo quando sono soddisfatti e rispettando i loro ritmi di sonno-veglia.

Sono madri affettuose, allegre e tenere, e così vengono percepite dal bebè.

Di fronte alle richieste espresse tramite il pianto, si dimostrano più efficaci nel cullare il bebè tra le loro braccia.

L’attaccamento e il padre

Tradizionalmente, la figura con la quale si stabilisce il legame di attaccamento più forte è rappresentata dalla madre. Al giorno d’oggi si assiste a un maggior coinvolgimento del padre nella cura dei bambini.

Orari di lavoro, numero di figli, risorse economiche e altri fattori determinano la necessità di una corresponsabilità da parte di entrambi i genitori nell’accudimento del bebè.

L'attaccamento in una famiglia

Che cos’è l’educazione con attaccamento?

Si tratta di una filosofia basata sui principi della teoria dell’attaccamento e la psicologia dello sviluppo.

Ciò che propone è stabilire un vincolo emotivo sicuro, la sincronizzazione dei genitori e il rispetto delle necessità e delle capacità di ogni fase dello sviluppo dei loro figli.

L’educazione con attaccamento promuove i seguenti principi:

  • Il contatto pelle a pelle
  • Il babywearing
  • Prendere in braccio il bebè ogni volta che è necessario
  • Farlo dormire insieme ai genitori
  • Sentire il suo odore e far sentire al bebè il calore e l’odore dei suoi genitori
  • Rispettare i ritmi del bebè
  • Non lasciarlo piangere finché non si addormenta da solo
  • Se si ammala, capire che cosa gli fa male
  • Accarezzarlo
  • Dargli degli insegnamenti in base alle sue capacità
  • Comprendere che i bambini non manipolano nello stesso modo in cui lo fanno gli adulti
  • Calmare il bebè quando piange perché non può ottenere qualcosa
  • Spiegargli ogni cosa, anche se pensiamo che non sia ancora in grado di comprendere

Benefici dell’attaccamento per tuo figlio

Gli esseri umani nascono con la tendenza innata ad affezionarsi a una persona protettiva che si prende cura di loro.

L’attaccamento è il legame affettivo che si sviluppa tra genitori e figli. Svolge un ruolo fondamentale nella regolazione dello stress nei momenti di angoscia, ansia o malattia.

I principali benefici dell’attaccamento per vostro figlio sono i seguenti:

  • Sicurezza fisica
  • Sicurezza emotiva
  • Stimolazione dei sensi
  • Diminuzione del pianto
  • Promozione dell’allattamento materno
  • Maggiore autostima
  • Fiducia in se stessi
  • Relazioni personali positive
  • Capacità di superare la frustrazione
  • Motivazioni per l’apprendimento
  • Potenziamento dei risultati scolastici
  • Capacità di risolvere problemi

Si può affermare con certezza che dedicare del tempo al bebè, attraverso un’interazione di cure e attenzioni da parte delle figure di attaccamento, è il miglior investimento per garantire la stabilità emotiva del bambino nel suo sviluppo.