Onfalite o infezione dell'ombelico nel neonato

L'onfalite può scatenare la sepsi, che è una condizione ad alta mortalità. Vi diciamo come prevenire l'infezione all'ombelico.
Onfalite o infezione dell'ombelico nel neonato

Ultimo aggiornamento: 07 novembre, 2022

L’onfalite o infezione dell’ombelico nel neonato è una delle preoccupazioni più comuni dei genitori durante i primi giorni di vita. Inoltre, una diagnosi e un trattamento tempestivi sono importanti per evitare gravi complicazioni.

In questo articolo vi raccontiamo le misure di prevenzione da mettere in pratica, le sue manifestazioni cliniche e la sua gestione terapeutica.

Cos’è l’onfalite del neonato?

L’onfalite è un’infezione dell’ombelico o dei tessuti circostanti del neonato. Dopo la nascita, l’ombelico dei neonati viene colonizzato da vari tipi di batteri presenti nel canale del parto e sulle mani che lo maneggiano.

I tessuti devitalizzati del moncone ombelicale stimolano il rapido sviluppo dei batteri e, inoltre, i vasi sanguigni trombizzati consentono l’ingresso nella circolazione sanguigna, che può generare un’infezione sistemica.

Pertanto, l’onfalite è un’infezione polimicrobica. A loro volta, in una pubblicazione dell’American Academy of Pediatrics, vengono presi in considerazione i seguenti fattori di rischio per lo sviluppo dell’infezione:

  • Basso peso alla nascita.
  • Parto in casa (parto non sterile).
  • Rottura prolungata delle membrane.
  • Infezione materna.
  • Cura impropria del cavo.
  • Lavoro prolungato.

Una corretta assistenza domiciliare dopo il parto può ridurre il rischio di infezioni dell’ombelico nel neonato, pertanto è necessario seguire attentamente le istruzioni del medico.

Manifestazioni cliniche di onfalite nel neonato

I sintomi iniziano solitamente dopo 3 giorni, trattandosi di una malattia del neonato, ed è caratterizzata da arrossamento, dolore alla palpazione e indurimento dell’ombelico e dei tessuti circostanti.

Inizialmente si osserva solitamente solo la cellulite superficiale, ma se non si inizia un trattamento adeguato può evolvere in modo sfavorevole e interessare l’intera parete addominale.

Potrebbe anche esserci un drenaggio sanguinante o purulento dal moncone del cordone ombelicale. La sepsi dovrebbe essere sospettata, insieme a una prognosi sfavorevole, in presenza dei seguenti sintomi sistemici:

  • Febbre.
  • Cattiva alimentazione.
  • letargia
  • Irritabilità.

La sepsi è una delle complicanze più comuni dell’onfalite nei neonati e può evolvere in una condizione molto più grave e dannosa, quindi è essenziale una diagnosi e un trattamento precoci.

Inoltre, l’infezione all’ombelico è molto più comune nei paesi del terzo mondo a causa della mancanza di risorse e mezzi per effettuare una corretta igiene.

Opzioni terapeutiche per l’infezione dell’ombelico

Per determinare il trattamento più appropriato per un’infezione all’ombelico, il medico preleva un campione di tampone dall’area infetta. Quel campione viene quindi esaminato in laboratorio per identificare l’esatto microrganismo che ha causato l’infezione.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, il trattamento richiede antibiotici per via endovenosa ad ampio spettro (contro gli organismi gram-negativi e gram-positivi).

La durata del trattamento antibiotico dipende dalla risposta del neonato e dalle complicazioni che possono comparire. Inoltre, i casi più lievi possono essere trattati con farmaci topici e, nei casi più gravi, la gestione deve essere più aggressiva con antibiotici per via parenterale.

Misure di prevenzione per l’onfalite nel neonato

La prevenzione dell’onfalite richiede adeguate misure igieniche per il cordone ombelicale. Si consiglia la cura del cavo a secco, che consiste nel mantenerlo libero dall’umidità ed esporlo all’aria per aiutare a prevenire le infezioni.

Infatti, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Medicine, la cura del cordone secco (rispetto all’uso di un prodotto antisettico) è un modo sicuro, efficace e semplice per aiutare a prevenire l’onfalite nei neonati sani.

Alcuni suggerimenti per la cura del cavo asciutto includono:

  • Lavati bene le mani prima di toccare l’area del cordone del bambino.
  • Evitare di bagnare il moncone dell’ombelico. Pertanto, evitare di pulire l’area intorno al moncone e bagnare con la spugna fino a quando il cavo non cade.
  • Tieni il pannolino piegato verso il basso nell’area ombelicale fino a quando il cordone non cade, invece di posizionare l’elastico del pannolino sul moncone. Pertanto, l’aria circola e aiuta ad asciugare l’area.
  • Pulisci delicatamente con una spugna o una garza inumidita in acqua i resti di urina o materiale fecale.

L’allattamento al seno consente inoltre la trasmissione di anticorpi al neonato, che possono aiutare il suo sistema immunitario a svilupparsi e rafforzarsi.

La prevenzione è sempre meglio

In conclusione, l’essenziale è mettere in pratica le misure necessarie per prevenire l’infezione del cordone ombelicale.

Tuttavia, se i segni o i sintomi caratteristici dell’onfalite si manifestano allo stesso modo, dovresti andare al pronto soccorso il prima possibile per metterti nelle mani di specialisti e lasciare che siano loro a indicare il trattamento da seguire.

Per nessun motivo si dovrebbero usare creme, farmaci o rimedi casalinghi per cercare di curare l’infezione.

Potrebbe interessarti ...
Anomalie nell’ombelico del neonato: ernie ombelicali e molto altro
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Anomalie nell’ombelico del neonato: ernie ombelicali e molto altro

Le anomalie nell'ombelico del neonato sono rare, ma dovrebbero essere individuate e sottoposte quanto prima all'attenzione del pediatra.