Farmaci in gravidanza: cosa dovreste sapere

Il consumo di farmaci in gravidanza deve essere sempre supervisionato dal medico. Evitate di automedicarvi perché potrebbe essere rischioso per la salute vostra e per quella del vostro bambino.
Farmaci in gravidanza: cosa dovreste sapere

Ultimo aggiornamento: 26 settembre, 2021

In gravidanza è normale avere qualche malessere e questo ci porta spesso ad assumere farmaci farmaci per avere sollievo. Ma è sicuro assumerli in questa tappa?

Questa domanda è molto frequente e va affrontata in sede di consulto medico, poiché alcuni farmaci o sostanze che si assumono in gravidanza raggiungono il bambino attraverso la placenta.

A seguire, vi diremo tutto ciò che devi sapere sui farmaci durante la gravidanza, in modo che tu capisca perché è necessario prendere precauzioni in questo senso.

Come si fa a sapere se un farmaco è sicuro in gravidanza?

Durante la gravidanza, occorre prestare attenzione alla salute della madre. Sulla base di questo principio, è importante evitare il consumo di determinati alimenti e sostanze potenzialmente dannose per lei o per il bambino.

I farmaci sono prodotti chimici realizzati allo scopo di curare malattie o alleviare alcuni disagi. Tuttavia, possono avere effetti negativi sul feto, che vanno dalle malformazioni alla morte intrauterina. Questi effetti negativi sullo sviluppo fetale sono chiamati teratogeni.

D’altra parte, ci sono farmaci che non penetrano la placenta, ma che, allo stesso tempo, aumentano il rischio per la salute del bambino. Ad esempio, attraverso alcuni dei seguenti effetti sulla donna in gravidanza:

  • Aumento del tono uterino, che favorisce la comparsa delle contrazioni.
  • Alterazione del flusso sanguigno nella placenta, che interferisce con lo scambio di gas e sostanze nutritive tra madre e bambino.
  • Danni a diversi organi della madre, situazione che può condizionare la vita di entrambi.

Soprattutto, i farmaci dovrebbero essere usati per migliorare la salute e dovrebbero essere evitati quando il rischio supera il beneficio. Per questo motivo non è consigliabile consumare alcun farmaco senza la corrispondente indicazione medica.

Medico prescrive farmaci in gravidanza.

Sistema di classificazione dei farmaci sicuri in gravidanza

Nel 1970, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha creato un sistema di classificazione dei farmaci, che stabilisce il rischio di coinvolgimento fetale per ciascun farmaco. L’obiettivo è fornire ai professionisti le linee guida necessarie per una corretta prescrizione farmacologica per le donne in gravidanza.

In questo sistema i farmaci sono classificati in 5 categorie di rischio teratogeno (A, B, C, D o X), secondo le informazioni disponibili da studi scientifici.

In questo senso, la categoria A è la più sicura per la gravidanza e X, la più pericolosa. La maggior parte dei farmaci rientra nel gruppo C, il che implica che non ci sono informazioni sufficienti per garantire la loro completa sicurezza.

Sebbene questo argomento venga affrontato nel corso delle visite prenatali, molte persone non sono consapevoli del rischio o lo sottovalutano.

Secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il 90% delle donne assume farmaci ad un certo punto durante la gravidanza e solo nel 70% dei casi si tratta di farmaci prescritti da un professionista.

Cosa dovresti tenere a mente sui farmaci durante la gravidanza?

Di sicuro i farmaci sono necessari per curare molti problemi di salute e le donne in gravidanza non sono esenti dal soffrirne. Alcune donne incinte hanno precedenti di malattie croniche, mentre altre le contraggono durante la gravidanza.

In entrambi i casi, consigliamo alcune misure preventive.

Informate il medico se soffrite di qualche malattia

Se state assumendo farmaci per curare malattie croniche, dovreste discuterne con il vostro medico sin dalle visite preconcepimento. In questo modo il professionista avrà modo di valutare i rischi e consigliarvi il meglio.

Nel caso in cui non ci sia un’esigenza specifica, è meglio evitare di esporre il bambino a farmaci e altri prodotti chimici.

Cercate solo informazioni attendibili

Attualmente abbiamo molte informazioni su malattie e farmaci disponibili su Internet. Tuttavia, non è sempre una fonte affidabile o non viene interpretata correttamente.

Pertanto, è bene seguire i consigli del vostro ginecologo o dell’ostetrica, che sicuramente sono preparati sull’argomento.

Limitate l’uso di farmaci

Più farmaci vengono assunti durante la gravidanza, maggiore è la possibilità di danneggiare il feto. Per questo motivo è necessario bilanciare rischi e benefici ed evitare il consumo di tutti i farmaci non indispensabili.

Evitate i farmaci da banco

I farmaci senza prescrizione medica sono rischiosi quanto i farmaci da prescrizione e, in effetti, molti di essi combinano sostanze chimiche diverse. Un esempio di ciò sono i farmaci per l’influenza o altre condizioni comuni.

Non consumare piante o rimedi naturali senza l’approvazione medica

Per quanto si dica che i prodotti naturali sono sicuri in gravidanza, non è sempre così. Molte piante e rimedi naturali possono stimolare l’attività uterina e causare danni alla salute tua e del tuo bambino.

Inoltre, le informazioni scientifiche sull’assunzione di questi composti nelle donne in gravidanza sono molto scarse, il che rende difficile essere certi che assumerli in questa tappa non sia pericoloso. Se volete provare queste alternative, è importante chiedere un parere all’ostetrica.

Farmaci usati in gravidanza

I disturbi in gravidanza sono comuni e sono vari: addominali e mal di testa, nausea, bruciore di stomaco, stitichezza, emorroidi, tra le altre cose. Ecco perché i farmaci più comunemente usati in questa fase della vita sono i seguenti:

  • Acetaminofene, farmaco analgesico (antidolorifico) o riduttore di febbre in gravidanza.
  • Antiacidi: utili per i disturbi di stomaco, sono ammessi solo quelli che contengono carbonato di calcio o inibitori della pompa protonica.
  • Antistaminici (antiallergici): tra questi, la loratadina è una buona opzione, ma si consiglia di evitare questo tipo di farmaci durante il primo trimestre.
  • Lassativi in fibra: possono essere utilizzate opzioni come l’ispagula, ma è meglio migliorare i modelli alimentari.
  • Antibiotici: l’indicazione dipende dal principio attivo e dallo stato di salute della madre.
  • Vitamine prenatali: sono consigliate per prevenire malformazioni congenite e per sopperire ad eventuali carenze nutrizionali.

Farmaci da non assumere in gravidanza

A seguire, indicheremo ora alcuni farmaci controindicati durante la gravidanza:

  • Anticoagulanti dicumarinici.
  • Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina ( captopril, enalapril).
  • Dietilstilbestrolo.
  • Fluconazolo ad alto dosaggio.
  • Metimazolo
  • Retinoidi sintetici.
Assumere farmaci in gravidanza.

No all’automedicazione!

Se avete bisogno di un trattamento farmacologico durante la gravidanza, parlatene prima con il vostro medico. In questo modo potrete ricevere i consigli giusti per risolvere il disagio, senza correre rischi inutili per la vostra salute e per quella del vostro bambino.

Ricordate che il vostro bambino assimila tutto ciò che mangiate, quindi anche se siete convinte di ingerire solo prodotti sicuri, non sempre è così.

Potrebbe interessarti ...
Le malattie dei bambini che non hanno bisogno di farmaci
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Le malattie dei bambini che non hanno bisogno di farmaci

Ci sono alcune malattie dei bambini che non hanno bisogno di farmaci, come ad esempio l'influenza e il raffreddore, l'otite e la faringite.