Qual è la quantità di latte che deve assumere il neonato?

22 Agosto 2018
Tutti i genitori, alla nascita del proprio figlio, si preoccupano per la quantità di latte che deve assumere. Questo è normale, perché lo vogliono vedere crescere grande e forte; tuttavia, varia a seconda delle caratteristiche di ogni bambino.

Uno degli aspetti che più preoccupano la donne che diventano madri per la prima volta è la quantità di latte che deve assumere il neonato. I pediatri sentono spesso la domanda “Ha ancora fame o gli sto dando troppo da mangiare?”.

Non disperate, esistono alcuni segnali che indicano se il vostro piccolo è nutrito correttamente. Prendete nota per scoprire qual è la quantità di latte che deve assumere e guardatelo crescere sano.

Come sapere qual è la quantità di latte che deve assumere il neonato

Prima di determinare qual è la quantità di latte di deve assumere il neonato, è indispensabile sapere che la OMS raccomanda l’allattamento materno esclusivo per i primi sei mesi di vita. Il motivo è che il latte della madre contiene tutti gli elementi di cui il neonato ha bisogno per crescere sano e forte. Per questa ragione, non esiste una quantità specifica da dare, ma bisogna darlo a seconda della richiesta.

Tuttavia, fattori avversi possono richiedere una supplementazione o l’alimentazione del bambino tramite latte in formula. Anche se è il medico che dovrà darvi le migliori indicazioni riguardo all’alimentazione del bambino, potete imparare a calcolare la quantità di latte che dovrete fornirgli. Questa si valuterà in base al suo peso, all’età e ad altri segnali che può inviare il bambino.

Come calcolare la quantità di latte che deve assumere un neonato

Durante i primi sei mesi di vita, i neonati si alimentano solo attraverso il latte materno o il latte in formula. Per questa ragione, mangiano molto spesso, in molti casi almeno ogni tre ore. Tra gli aspetti da valutare per calcolare la quantità di latte da dare al bambino ci possono essere quelli che seguono.

Il peso del piccolo

A seconda del peso del neonato, si possono preparare 80 millilitri di latte in formula ogni 500 grammi di peso. Questo vuol dire che, se il vostro bambino pesa 3 chili, potete dargli 480 millilitri suddivisi nella giornata. Un altro modo è quello di somministrare 160 millilitri ogni chilo di peso. Durante i primi giorni dalla nascita, la quantità sarà minima; tuttavia, questa aumenterà con il passare del tempo.

Madre che allatta il figlio al seno

Bisogna sottolineare come questi siano solo degli standard e dei procedimenti che possono aiutare a determinare la quantità di latte che probabilmente può assumere un bambino. Ci saranno dei giorni in cui mangerà un po’ di più, ma è possibile anche il contrario.

A seconda dei segnali che invia il bambino

Un altro modo di calcolare la quantità di latte che deve assumere il neonato è seguire i segnali di fame che lui invia. A volte, la fame può aumentare perché così è determinato dal processo di crescita e sviluppo. Perciò, prestate attenzione ai seguenti segnali:

  • Il piccolo continua a piangere dopo aver mangiato. Potreste anche vederlo desideroso se gli mettete le dita in bocca o alla ricerca di cibo se gli passate la mano vicino al viso. In questi casi, potete preparare una piccola quantità di latte per supplire alla mancanza.
  • In caso contrario, se non si sente bene, può essere che consumi una minor quantità di latte.
  • Ci saranno occasioni in cui potrà consumare più di quanto realmente abbia bisogno e inizi a vomitare. Questo può essere un indicatore della quantità che gli si può offrire.

“L’OMS raccomanda l’allattamento materno esclusivo per i primi sei mesi di vita, dal momento che contiene tutti gli elementi di cui il neonato ha bisogno per crescere sano e forte.”

Gli esperti indicano che i bambini devono essere nutriti ogni volta che lo richiedono. Cercate comunque di imparare a capire le sue necessità, poiché, visto che è frequente che l’atto di succhiare gli serva da conforto, il bambino si potrebbe alimentare eccessivamente a causa dell’ansia.

Neonato prende il latte dal biberon

Come sapere se il bambino è nutrito correttamente?

Una cosa è sapere se il bambino è sazio e un’altra è sapere se è ben nutrito. Questo lo determinerà il pediatra nel suo controllo della crescita e dello sviluppo. Un buon segno è se lo vedete crescere, se il numero di evacuazioni corrisponde a quello dei pasti e se rimane tranquillo dopo aver mangiato.

Ricordatevi che ogni bambino è diverso; perciò, evitate di essere così rigorosi con le quantità e gli orari durante i primi mesi. Per cui, se si vede che è contento, grande e forte, sicuramente starete facendo bene il vostro lavoro.

In conclusione, sapere qual è la quantità di latte che deve assumere il neonato vi darà un’idea su come alimentarlo perché cresca sano e forte. La cosa più importante per lui sono il vostro grande amore e la vostra comprensione. Consultate il vostro pediatra per gli aspetti che vi causano preoccupazione e godetevi il vostro bambino al massimo; crescerà molto in fretta!