Latte per neonati: 4 tipi e le loro caratteristiche

· 25 luglio 2018
Se la madre ha difficoltà ad allattare, può ricorrere a varie altre possibilità di latte per neonati che rappresentano comunque un nutrimento completo per il bambino. Vi presentiamo ora una lista di queste opzioni per l'allattamento di vostro figlio.

Esistono diversi tipi di latte per neonati. Tra questi, il più importante è il latte materno, per le sue diverse proprietà nutritive. Nonostante ciò, esistono altre alternative di latte per neonati che dobbiamo conoscere.

Il latte di vacca è il più comune, abbondante, accessibile e, inoltre, il più ricco in proteine. Tramite un processo di diluizione industriale si cerca di rendere questo latte il più simile possibile a quello prodotto dalle madri umane.

Questa diluizione sarà necessaria solo durante il primo mese. In seguito, il rapporto salirà gradualmente fino a due parti di latte e una di acqua; infine, a sei mesi si potrà somministrare il latte di vacca puro.

Tipi di latte per neonati

Esiste sul mercato una gran quantità di tipologie diverse di latte per neonati, con caratteristiche ben definite. Ognuna di queste tipologie cerca di soddisfare le necessità più specifiche dei lattanti. A seguire citeremo i tipi di latte per neonati più popolari:

1. Latte di capra

Per dare al neonato questo tipo di latte, deve necessariamente passare per un processo di diluizione. La febbre maltese, anche chiamata brucellosi, si può diffondere con facilità se si consuma questo latte crudo. Per questo, si raccomanda sempre di bollirlo prima di consumarlo.

2. Lattosiero ovino

Alcuni esperti raccomandano il suo uso nell’allattamento artificiale. Questo siero è composto da un 25% di acqua zuccherata al 10%, 25% di latte di pecora e 50% di siero di latte di pecora.

Di solito contiene più proteine e la stessa quantità di lattosio del latte di vacca, o persino meno. Richiede una certa attenzione per evitare la proliferazione di batteri, per cui il processo di conservazione acquisisce un ruolo fondamentale nella sua qualità.

Diversi tipi di latte per neonati

3. Latte di vacca

Esiste in diverse forme, che derivano dallo stesso latte di vacca. Tra queste troviamo:

  • Latte condensato. Questa forma, anche se conserva molte poche vitamine, è raccomandata per l’allattamento artificiale. Deve essere utilizzato fresco, in estate è pericoloso la conservazione. Come regola generale, al latte condensato deve essere aggiunta dell’acqua bollita nella stessa proporzione. Tra i vari tipi di latte per neonati, è il meno utilizzato.
  • Latte in polvere. Il latte viene fatto evaporare tramite diversi procedimenti, come quello di Krause ad esempio; questo fa sì che si perdano vitamine e, in genere, è necessario aggiungere zuccheri.

Il latte intero va dato al neonato solo quando il pediatra avrà dato il suo permesso al riguardo. Questo tipo di latte ha un elevato contenuto di grassi; può darsi quindi che il neonato non lo possa assimilare correttamente, a seconda della sua età.

4. Tipi di latte speciali

In casi specifici di neonati prematuri, così come quando si presenta qualche tipo di allergia o il bambino non tollera l’elevato contenuto di grassi del latte di vacca processato o intero, bisogna somministrare il latte di soia. Questo tipo di latte è di origine vegetale e potrà nutrire il piccolo in modo ottimale; così, sarà protetto dalle coliche e da altri malesseri gastrointestinali.

Alcuni piccoli sviluppano allergia verso le proteine del latte vaccino fin dal momento della nascita. In questi casi, bisogna somministrare il cosiddetto latte idrolisato, alimento ideale perché non contiene questo tipo di nutrienti.

“Il latte intero in polvere ha un elevato contenuto in grassi; può essere che il neonato non lo riesca ad assimilare correttamente, a seconda della sua età.”

Per i piccoli nati prematuri o di basso peso alla nascita, è necessario del latte di formula speciale ad alto contenuto calorico, proteico e di minerali. Il motivo è che le loro richieste di questi nutrienti sono maggiori rispetto a quelle dei bambini nati a termine.

Altri tipi di latte di formula che sono ispessiti con amido di riso vengono utilizzati nei neonati che soffrono di reflusso costante e che non riescono ad aumentare di peso quanto dovrebbero.

5. Latte materno

Questo tipo di latte, ovviamente, non lo potrete trovare al supermercato. Ma quando si parla di alimenti per neonati è impossibile evitare di nominarlo.

Il latte materno è considerato l’unico e più completo dei latti per neonati. Questo alimento è l’unico di cui il neonato ha bisogno dal momento della nascita fino ai sei mesi di vita.

Neonato viene allattato al seno

Una delle caratteristiche del latte materno è che la proporzione tra i grassi e gli zuccheri è di due a uno; questo lo rende eccellente per la nutrizione del piccolo.

Il latte che produce la madre comprende anche una serie di sostanze che aiutano la digestione. Contiene anche sostanze immunoprotettrici che collaborano alla difesa dell’organismo del neonato contro le malattie.

Quando si tratta della salute e del benessere dei nostri piccoli, cercheremo di offrirgli sempre le migliori opzioni. La loro alimentazione non è una cosa da poter lasciare al caso, per cui è sempre necessario consultare uno specialista per scegliere l’opzione migliore.

Fortunatamente, ci sono molte alternative sul mercato in quanto a latte per neonati, con caratteristiche particolari per le necessità di ogni piccolo. Se saranno necessari, quando proprio il latte materno per qualsiasi motivo non è un’opzione, si possono utilizzare come alleati.