Sviluppo della vista: ecco tutti i passaggi da conoscere

· 3 Agosto 2018
La vista è il senso che aiuta a percepire il mondo che ci circonda. Si sviluppa pian piano soprattutto durante i primi mesi di vita. Quindi di quali passaggi si compone lo sviluppo della vista nei bebè?

Sapevate che più della metà degli stimoli che percepiamo derivano dalla vista? Si tratta di un senso complesso ed estremamente utile per l’essere umano. Infatti, si sviluppa per tappe; oggi scopriamo tutti i diversi passaggi che portano allo sviluppo della vista nei bebè.

La vista è certamente il senso più influente nella percezione umana. Attraverso essa percepiamo forme, colori, distanze, dimensioni, e la realtà del mondo che ci circonda.

L’organo della vista sono gli occhi. Due organi sferici, fragili situati a metà del volto. La loro anatomia è complessa perché composti da diverse parti; ognuna con una funzione specifica di protezione o perfezionamento.

Come qualsiasi altro apparato del nostro corpo, la vista si sviluppa per gradi. Man mano che il bambino cresce si alternano i processi che portano alla sviluppo della vista, che si perfeziona fino a raggiungere il suo sviluppo totale intorno agli 8 o 9 mesi di vita.

Lo sviluppo della vista nei bambini

La vista nei neonati

A differenza degli altri sensi che alla nascita troviamo già sviluppati, come olfatto e udito, la vista tarda un pochino ad arrivare al suo sviluppo totale.

Nei primi mesi di vita il cervello del neonato non è pronto per processare tutte le informazioni che gli invia la vista. Pertanto la sua visione è sfocata, senza definizione. Inoltre il bebè potrebbe avere difficoltà a coordinare il movimento degli occhi. Non vi allarmate se qualche volta il piccolo sembra strabico o gli occhi si dirigono in due posizioni differenti. Con il tempo imparerà a focalizzare lo sguardo.

sviluppo della vista

Con il passare dei mesi

A partire dal secondo mese di vita, il senso della vista dei neonati è già in grado di percepire dei colori. Vedrete come a poco a poco, il piccolo sarà attratto dai colori brillanti. Allo stesso modo sarà capace di seguire gli oggetti in movimento con maggiore facilità.

Fino alla fine del terzo mese la coordinazione motoria gli permetterà di muovere le mani e afferrare alcuni oggetti. Inoltre lo sviluppo dei circuiti neurali gli permetterà di distinguere forme, taglie altre caratteristiche degli oggetti.

Dal quinto mese in poi il senso della vista dei bebè è capace di distinguere con maggior precisione forme, anche negli oggetti piccoli, e colori. In qualche settimana la vista sarà sviluppata completamente. Ciò farà in modo che il piccolo riesca a vedere persone e oggetti a maggior distanza.

Come prendersi cura dello sviluppo della vista nei bambini?

Oltre ai controlli pediatrici che includono anche visite oftalmiche, potete applicare alcune raccomandazioni per mantenere la vista dei vostri bambini sana.

Il primo consiglio, come in molti altri casi, ha a che fare con l’alimentazione. Seguire una dieta sana e ricca di vitamine, soprattutto la vitamina A, e di antiossidanti permetterà di mantenere una vista sana.

Allo stesso modo dovete essere molto cauti con le mani. Non è strano che i bambini giochino con il cibo, la terra, e che occasionalmente, si grattino gli occhi. Questo può causargli un’infezione, perciò dovete essere chiari nell’insegnargli il valore della salute e dell’igiene.

“L’anatomia degli occhi è molto complessa perché sono formati da diverse parti; ognuna con una funzione specifica di protezione o perfezionamento.”

Inoltre bisogna evitare la sovraesposizione al computer, televisione e cellulare; inoltre è bene mantenere sempre una certa distanza dagli schermi.

In ultimo luogo, gli occhiali da sole di qualità con protezione per i raggi UV sono fondamentali per evitare gli effetti nocivi del sole davanti all’esposizione prolungata. Questi oggetti non si usano solo per moda: sono una scelta obbligata.

sviluppo della vista

Problemi con lo sviluppo della vista nei bambini

I seguenti sintomi possono essere degli indicatori che qualcosa non va nella vista del vostro bambino. Se è il vostro caso, non esitate a contattare un medico davanti ognuno di questi sintomi:

  • Mancanza di coordinazione.
  • Difficoltà di riconoscere figure o forme a lunga, media, corta distanza.
  • Mal di testa.
  • Prurito.
  • Secchezza costante.

Invece nei bebè è bene stare attenti ai seguenti sintomi che possono verificarsi di tanto in tanto:

  • Se non segue gli oggetti con la vista a 3 mesi di età.
  • Uno o entrambi gli occhi non si muovono in nessuna direzione in particolare.
  • Non è capace di fissare lo sguardo.
  • Se sono presenti macchie o decolorazioni nella pupilla.

Infine, dovete considerare che esistono fattori che possono predisporre una persona a soffrire di problemi di vista. Si tratta di una cosa naturale, soprattutto se altre persone della famiglia ne soffrono, oppure di qualcosa di patologico. In quest’ultima categoria sono inclusi: incidenti, traumi ed esposizioni a stimoli nocivi.