Va bene conservare il cibo dei neonati?

1 Febbraio 2019
Chiedersi come conservare gli alimenti dei neonati è un dubbio molto frequente. I modi per farlo sono diversi e tutti molto semplici. L'importante è prendere le precauzioni necessarie per preservare la salute del bambino e assicurargli uno sviluppo sano

Quasi tutte le madri si chiedono se va bene conservare il cibo dei neonati. Sebbene sia preferibile dare loro cibo fresco, ci sono diversi modi per conservarlo senza che perda le sue proprietà nutrizionali. Si può conservare il cibo del neonato per massimo tre mesi, a condizione che si prendano le opportune precauzioni per proteggere la sua salute.

Per salvaguardare il benessere dei nostri bambini è importante evitare la proliferazione di batteri. È molto importante non dargli da mangiare direttamente dal contenitore in cui si conserva il cibo. I batteri che si trovano nella saliva rimangono nei resti del cibo e si riproducono molto facilmente. Se conserviamo quel cibo, nel prossimo pasto gli faremo assumere organismi nocivi.

Va bene conservare il cibo dei neonati?

Conservare il cibo dei neonati aiuta a risparmiare tempo e denaro. Ci sono diverse procedure che vi daranno la tranquillità di prendervi cura dei vostri bambini mentre risparmiate.

Importante in ogni pasto

È importante conoscere la quantità di cibo che il bambino mangerà ad ogni pasto. Prendete con un cucchiaio ciò che è sufficiente in quel momento e conservate il resto in contenitori puliti e ben chiusi. Con questa precauzione eviterete la contaminazione del cibo e garantirete che sia adatto ad un ulteriore consumo.

Come conservare il cibo

Se avete messo il cucchiaio in un contenitore e il bambino non finisce tutto, è meglio buttar via il resto. Così, come già detto, eviterete la proliferazione di batteri che potrebbero far ammalare il bambino se il cibo viene somministrato di nuovo.

Un luogo fresco

Una volta aperti, i barattoli o i sacchetti possono essere conservati a temperatura ambiente in un luogo fresco. I luoghi caldi aumentano la proliferazione di batteri e possono danneggiare gli alimenti. Se uno di questi contenitori mostra segni di umidità, è meglio toglierlo di mezzo immediatamente, in quanto può far ammalare il bambino.

Quando vengono acquistati nuovi prodotti, si consiglia di metterli nella parte posteriore della dispensa. Bisogna mettere i più vecchi davanti per consumarli in questo ordine ed evitare che scadano.

Due o tre giorni

Quando i contenitori con il purè, zuppe o altri alimenti sono stati aperti possono essere conservati in frigorifero per due o tre giorni. Ciò può essere fatto solo se il coperchio si può chiudere ermeticamente ed il cibo non è stato contaminato. Questo è il motivo per cui è consigliabile mettere la porzione che il bambino mangerà al momento in un altro contenitore e conservare il resto.

Quando si preparano purè, pappe o zuppe si consiglia di non lasciarli riposare a temperatura ambiente per più di due ore. La proliferazione dei batteri è molto veloce.

Se si prepara il cibo a casa, bisogna fare attenzione a pulire molto bene con detergente e acqua bollente  i contenitori nei quali verrà conservato. È anche importante lasciare raffreddare il cibo prima di congelarlo. Le vaschette del ghiaccio sono ideali per congelare il cibo: copritele con una pellicola trasparente per una migliore protezione. Una volta congelati, i cubetti si possono conservare in contenitori più grandi che possono contenere porzioni per diversi giorni.

Congelati, non più di tre mesi

Il cibo congelato, non può superare i tre mesi. Per controllarlo, etichettate i contenitori per ricordare il contenuto e la data di congelamento.

La frutta appena frullata può essere congelata immediatamente, ma la verdura no. Nel primo caso è consigliabile aggiungere qualche goccia di limone per conservare le vitamine e perché non diventi scura. Nel caso della verdura, è preferibile frullarla quando si scongela in modo da conservare la sua consistenza.

Come congelare alimenti

Come scongelare?

Per scongelare gli alimenti, bisognerebbe metterli nel frigorifero ma non più di 48 ore per evitare che sviluppino i temuti batteri. Un’altra opzione è quella di metterli a bagnomaria.

Se si usa il microonde è necessario mescolare bene il cibo. Fate attenzione alle parti molto calde, che possono causare ustioni alla bocca e alla lingua del neonato. Non si consiglia di ricongelare il purè una volta scongelato. Il frigorifero deve essere mantenuto pulito e privo di ghiaccio per una maggiore sicurezza e igiene alimentare.