Vitiligine nei bambini: sintomi, cause e trattamento

Oltre alle manifestazioni cutanee, la vitiligine può influire sulla qualità della vita dei bambini che ne soffrono. Scopri tutto su questa malattia per accompagnare al meglio tuo figlio.
Vitiligine nei bambini: sintomi, cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 25 giugno, 2022

La vitiligine è una patologia cutanea che può colpire anche i bambini, poiché una storia familiare di patologie autoimmuni può predisporre al suo aspetto.
I bambini che soffrono di questa malattia della pelle necessitano di cure speciali e supporto psicologico per poter affrontare la loro condizione nel migliore dei modi. Per questo ogni 25 giugno si celebra la Giornata Mondiale della Vitiligine, per sensibilizzare la società sull’impatto di questa patologia e promuovere l’inclusione sociale di chi ne soffre.
Successivamente, vi diciamo tutto ciò che dovete sapere sulla vitiligine nei bambini.

Cos’è la vitiligine?

La vitiligine è un disturbo cronico della pigmentazione cutanea che è causato dalla progressiva perdita di melanociti (o cellule del pigmento) e da un’alterazione della loro funzione. Questo fenomeno determina la formazione di zone più chiare di tessuto cutaneo, che con il tempo perdono completamente il loro colore.

Alcuni studi concludono che la metà delle persone con vitiligine manifesta la patologia prima dei 20 anni e che il 25% di queste lo fa prima degli 8 anni. Tuttavia, non è stato dimostrato che la patologia mostri un’incidenza maggiore in base al sesso, alla razza o all’età.

vitiligine macule ipocromiche
La vitiligine infantile si differenzia da quella degli adulti per il modello adottato dalle sue lesioni, che di solito è segmentale.

I sintomi della vitiligine nei bambini

Come abbiamo detto prima, la vitiligine è caratterizzata dalla presenza di macule bianche di dimensioni e forma variabili, che non causano sintomi. Nella maggior parte dei casi si trovano nelle pieghe del corpo, nelle zone periorificiali e nelle zone più esposte al sole.

Tuttavia, possono essere interessate anche altre parti del corpo, sia sulla superficie della pelle che sulla mucosa. Ad esempio, alcune persone potrebbero avere aree ipopigmentate nelle orecchie, negli occhi, nel cervello, nei polmoni e nel cuore.

In rare occasioni i bambini possono avere alterazioni dei melanociti dei follicoli piliferi e questo si manifesta attraverso peli incolori o depigmentati.

Inoltre, nuove lesioni possono svilupparsi dopo un trauma cutaneo e questo è noto come fenomeno di Köebner.

Va notato che la vitiligine nei bambini può rappresentare un trauma psicologico importante, sia per loro che per i loro genitori, che si traduce in una scarsa qualità di vita per l’intero gruppo familiare.

Quali sono le cause più comuni?

Esistono diverse ipotesi per cercare di spiegare la causa della vitiligine, ma la più rilevante suggerisce una combinazione di fattori immunologici e genetici che causano la distruzione dei melanociti stessi. Per questo motivo, questa malattia è considerata autoimmune.

Oltre ai fattori genetici, ci sono anche diversi fattori ambientali che possono scatenare la patologia:

  • Stress fisico: incidenti, interventi chirurgici, malattie gravi.
  • Malnutrizione.
  • Fattori endocrini, come la gravidanza.
  • Fattori chimici: fenoli, tioli, mercaptoammine, chinoni o derivati.
  • Scottature solari.
  • Infezioni ricorrenti e assunzione ripetuta di antibiotici.

Trattamenti per la vitiligine nei bambini

L’obiettivo di qualsiasi opzione terapeutica è ripristinare il normale aspetto, morfologia e funzione della pelle.

I trattamenti per la vitiligine nei bambini sono generalmente divisi in medici e chirurgici. A loro volta, ci sono due casi di intervento:

  1. La fase iniziale, per fermare la progressione della patologia.
  2. Lo stadio di stimolazione della pigmentazione delle macule.

Terapie topiche per la vitiligine nei bambini

All’interno della gamma di possibilità per trattare la vitiligine localmente ci sono i seguenti farmaci:

  • Corticosteroidi: gli steroidi topici a bassa, media o alta potenza sono solitamente la prima linea di trattamento, grazie alla loro facile manipolazione. Gli studi riportano un tasso di risposta tra il 45 e il 60% nelle manifestazioni della vitiligine nei bambini.
  • Calcipotriolo: è un analogo della vitamina D3, che viene applicato una volta al giorno sulle lesioni per periodi variabili. Tuttavia, ha effetti negativi temporanei, come lieve bruciore e irritazione della pelle. Può essere usato in combinazione con corticosteroidi.
  • Inibitori della calcineurina: hanno meno effetti collaterali rispetto agli steroidi topici a lungo termine. I più usati sono tacrolimus e pimecrolimus.

Terapia sistemica

Quando la patologia è instabile, è necessario ricorrere al trattamento sistemico con corticosteroidi orali. Questi farmaci hanno la capacità di fermare la progressione della vitiligine e generare nuova pigmentazione della pelle.

La terapia pulsata con desametasone e betametasone è una modalità di trattamento efficace per fermare la progressione della vitiligine e anche per indurre la pigmentazione spontanea.

Fototerapia (UVB a banda stretta)

Il meccanismo d’azione di questo trattamento è attraverso i suoi effetti immunomodulatori. In questo modo si interrompe il progresso della patologia e si stimolano i melanociti che rimangono ancora intatti nella pelle.

All’inizio i trattamenti consistono in 3 dosi a settimana, poiché è difficile stimare la dose minima di eritema nei bambini. Di solito si osservano risposte migliori nelle lesioni del viso e del tronco.

Trattamenti chirurgici

La terapia chirurgica non è l’opzione di prima linea per il trattamento della vitiligine nei bambini. Il trapianto di melanociti comprende le seguenti procedure:

  • Innesti da minipuntura.
  • Innesti blister di aspirazione epidermica.
  • Trapianto di sospensione di cellule epidermiche.
  • Innesti sottili (operazione Thiersch).
  • Sospensione dei melanociti in coltura.
  • Epidermide coltivata.
mani vitiligine cuore empatia contenimento
Il trattamento della vitiligine deve essere affrontato da un team multidisciplinare. Ebbene, oltre al danno fisico, le persone che soffrono di questa malattia hanno difficoltà emotive e difficoltà nell’interazione sociale.

Vitiligine e bambini

Oltre ai trattamenti citati, si raccomanda di attuare alcune modifiche nella dieta, che includono alcune fonti di vitamina A, vitamina C e vitamina D.

Si precisa che la vitiligine è una patologia che deve essere gestita in maniera multidisciplinare, con la collaborazione di diverse specialità, come endocrinologia, reumatologia, psicologia e gastroenterologia.

Se vostro figlio mostra segni clinici compatibili con questa malattia, consultate il vostro medico di famiglia. Ci sono modi per affrontare il problema e migliorare la qualità della vita del bambino.

Potrebbe interessarti ...
Come prevenire il tumore della pelle nei bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come prevenire il tumore della pelle nei bambini

Prevenire il tumore della pelle nei bambini è importante, per la loro pelle sensibile. Scoprite come evitare gli effetti dannosi del sole.



  • Halder RM, Grimes PE, Cowan CA, Enterline JA, Chakrabarti SG, Kenney JA Jr. Childhood vitiligo. J Am Acad Dermatol. 1987 May;16(5 Pt 1):948-54. doi: 10.1016/s0190-9622(87)70119-4. PMID: 3584578.
  • Koranne RV, Sachdeva KG. Vitiligo. Int J Dermatol. 1988 Dec;27(10):676-81. doi: 10.1111/j.1365-4362.1988.tb01260.x. PMID: 3069756.
  • Hann SK, Park YK, Chun WH. Clinical features of vitiligo. Clin Dermatol. 1997 Nov-Dec;15(6):891-7. doi: 10.1016/s0738-081x(97)00130-2. PMID: 9404692.
  • Gupta S, Kumar B. Epidermal grafting for vitiligo in adolescents. Pediatr Dermatol. 2002 Mar-Apr;19(2):159-62. doi: 10.1046/j.1525-1470.2002.00035.x. PMID: 11994184.
  • Ezzedine K, Eleftheriadou V, Whitton M, van Geel N. Vitiligo. Lancet. 2015 Jul 4;386(9988):74-84. doi: 10.1016/S0140-6736(14)60763-7. Epub 2015 Jan 15. PMID: 25596811.