La sindrome del nonno schiavo

29 Maggio 2019
I sovraccarichi familiari possono provocare ai nonni un grande stress, creando forti squilibri nella salute, sia a livello emotivo che fisco.

La sindrome del nonno schiavo è considerata una nuova malattia del XXI secolo. Anche l’OMS riconosce l’abuso del ruolo dei nonni, considerandolo come un nuovo tipo di maltrattamento.

In realtà i nonni sono molto felici di occuparsi delle cure e della crescita dei nipoti. Lo vivono come se tornassero ad essere genitori una seconda volta, ma con un’impostazione più affettuosa e gratificante.

Con il passare del tempo i legami familiari si ingrandiscono, come i carichi e lo stress familiare. I nipotini crescono e con loro anche i bisogni e le responsabilità di chi se ne occupa tutti i giorni.

I nonni nel XXI secolo

Oggigiorno il panorama delle relazioni familiari nella nostra società è profondamente cambiato. Fino solo a qualche decennio fa, essere nonni prima dei cinquanta anni era abbastanza comune. Oggi, dato che si ritarda sempre di più la maternità, la normalità è diventare nonni intorno ai settanta anni.

Senza ombra di dubbio le relazioni tra nonni e nipoti possono essere molto diverse tra loro. Questo dipende da vari fattori come le relazioni con i figli, la vicinanza geografica, il carattere del bambino e, ovviamente, gli aspetti culturali.

I nonni in alcune famiglie possono avere un ruolo importante nella crescita dei nipoti. In base alle circostanze o alla famiglia, si chiede aiuto ai nonni in modo occasionale o abituale.

I nonni nel XXI secolo

Quando si tratta di momenti occasionali o determinati, questo non causa grandi disturbi nella vita familiare dei nonni. Invece, quando gli viene richiesto un aiuto costante, questo può causare un vero stress.

Cos’è la sindrome del nonno schiavo

La sindrome del nonno schiavo è una malattia che colpisce uomini e donne che si ritrovano sottomessi ad un sovraccarico fisico ed emotivo. Questo causa gravi e progressivi squilibri, sia somatici che psicologici.

Per il cardiologo Antonio Guijarro è frequente specialmente nelle donne adulte, con responsabilità dirette di donne di casa che sono volontariamente sottomesse. Queste donne sono caratterizzate per avere un forte senso dell’ordine, di responsabilità, dignità e pudore.

Il sentimento del coinvolgimento dei nonni

La psicologa Encarnación Liñán propone alcune risposte al motivo per cui i nonni si sentono così coinvolti in questa situazione, fino al punto da considerarla come propria.

Secondo quello che sostiene, l’educazione ed i valori sono il motivo principale per cui i nonni si sentono responsabili del continuo aiuto ai nipoti e dei loro problemi familiari. Inoltre, sostiene che è un mezzo per continuare ad essere utili, un aspetto che preoccupa spesso le persone anziane.

Conseguenze della sindrome del nonno schiavo: come danneggia la salute?

Encarnación Liñán fa distinzione tra due tipi di manifestazioni che colpiscono la salute del nonno e della nonna in questa situazione: fisica ed emotiva.

Tra le manifestazioni fisiche Liñán riconosce l’ipertensione arteriosa, fastidi parossistici come senso di soffocamento, tachicardia, vertigini, ecc. debolezza e cedimento che si traduce in stanchezza.

Conseguenze della sindrome del nonno schiavo: come danneggia la salute?

D’altra parte, i sintomi emotivi parlano di un malessere generale nei nonni. Sono in ansia per non essere in grado di rispondere efficacemente alle situazioni che affrontano, sentono tristezza e scoraggiamento causati da una mancanza del proprio “self”. Tutti questi sentimenti non fanno altro che accentuare questa sofferenza dato che si sentono colpevoli dei loro malesseri.

“L’amore è il regalo più grande che una generazione può lasciare all’altra.”
-Richard Garnett-

I nonni, un grande sostegno di cui bisogna prendersi cura

Attualmente sono molti i fattori che causano questo sovraccarico. La crisi economica ha fatto si che molti nuclei familiari dipendano in gran parte dalle risorse economiche dei nonni.

Ed i nonni sono diventati un grande sostegno per molte famiglie. Quando entrambi i genitori lavorano è molto più facile ed economico lasciare i bambini con i nonni.

Per questo bisognerebbe trovare un equilibrio di responsabilità che vengono cedute ai nonni ed alle loro capacità per evitare di causargli sovraccarichi emotivi e fisici che, al finale, potrebbero danneggiare la loro salute.