Tipi di flusso vaginale: scopriamoli insieme

· 23 Ottobre 2018
I flussi vaginali svolgono un’importante funzione di igiene e pulizia negli organi riproduttivi della donna. Conoscere le loro possibili varianti può essere utile per individuare in tempo qualsiasi tipo di anomalia.

Il flusso vaginale è un liquido secreto dalle ghiandole della vagina e dal collo dell’utero. Il compito di ognuno dei tipi di flusso vaginale è quella di eliminare dal corpo le cellule morte e i batteri; aiuta inoltre a mantenere pulita la vagina e a prevenire le infezioni.

La quantità di flusso può variare, esattamente come l’odore e il colore, in base ad alcuni fattori.

Tenete presente che, se l’odore o la consistenza sembrano abbastanza diversi dal solito, in particolare se tali variazioni sono accompagnate da prurito o bruciore vaginale, potrebbe trattarsi di un’infezione o di qualche altra complicazione.

Spesso, il flusso è il primo avvertimento del nostro corpo quando vuole comunicarci che qualcosa va male. Per questo è importante conoscere cosa significano i diversi tipi di flusso vaginale.

Tipi di flusso vaginale

I flussi vaginali svolgono un’importante funzione di pulizia nel sistema riproduttivo delle donne, in quanto mantengono umida e pulita la vagina e contribuiscono a prevenire le infezioni. Ecco i tipi di flusso vaginale che le donne possono sperimentare

1. Chiaro e acquoso

La secrezione densa e bianca è comune all’inizio e alla fine del ciclo mestruale. La secrezione bianca normale non è solitamente accompagnata da prurito. Se è presente prurito, invece, potrebbe indicare un’infezione fungina.

2. Maggior volume del normale

È assolutamente normale notare un flusso più abbondante verso la fine del ciclo mestruale; anche il fatto di assumere anticoncezionali può contribuire a farne aumentare la quantità.

Esistono, però, anche altre possibili cause dell’eccesso di flusso, come un’infezione, un tampone perso o una reazione ad un nuovo sapone intimo. Se tale fenomeno è accompagnato da una sensazione di fastidio, è necessario rivolgersi a un medico.

Tipi di flusso vaginale

3. Rosso o marrone

La maggior parte delle volte le macchie di color rosso o marrone non sono altro che macchie mestruali. Esse possono essere caratterizzate da un colore più scuro quando si tratta di sangue più vecchio che proviene dall’ultimo periodo.

“La quantità di flusso può variare, esattamente come l’odore e il colore, in base ad alcuni fattori”

4. Color verdognolo

Il flusso vaginale giallo può non rappresentare una minaccia per la salute se si verifica prima e dopo il ciclo o durante la gravidanza. La secrezione gialla priva di odori è assolutamente normale e non deve essere motivo di allarme.

Tuttavia, se notate che il flusso vaginale cambia avvicinandosi più ad un colore verdognolo, è giunto il momento di recarvi dal medico. La secrezione giallo-scura o verde può indicare la presenza di un’infezione.

Le perdite verdognole sono un segnale di infezione vaginale, esattamente come il muco verde è un segnale di infezione ai seni paranasali: il vostro corpo sta accumulando globuli bianchi per combattere un nemico, cosa che conferisce alla secrezione una tonalità verdognola.

5. Colore chiaro

Si tratta di una secrezione standard che si produce all’inizio del ciclo mestruale. La secrezione probabilmente sarà chiara e acquosa o di color bianco latte. Sempre che non sia accompagnata da qualche sintomo strano, come prurito o cattivo odore, non deve generare preoccupazione.

6. Cattivo odore

Le secrezioni che emanano cattivo odore potrebbero essere relazionate ad un’infezione fungina, oppure potrebbero essere dovute a vaginosi batterica, un’infezione provocata da batteri che si verifica quando il pH acido della vagina viene alterato.

Calendario mestruazioni

7. Color rosa

La secrezione rosa, infine, significa generalmente che il volume del sanguinamento non è eccessivamente elevato. Se rimanete incinte, è possibile che sperimentiate questo tipo di secrezione in seguito all’impianto dell’embrione.

Può anche manifestarsi in seguito al sesso, a causa della frizione dell’attività sessuale che a volte può causare lesioni lievi nelle pareti vaginali.

Infine ricordate che, se si esclude il flusso atipico, è assolutamente normale notare diversi tipi di flusso vaginale nel corso del vostro ciclo mestruale, così come durante e dopo l’attività sessuale.

Come avete visto, il flusso e la secrezione cervicale possono variare in quanto a quantità, consistenza, colore e odore, a seconda della fase del ciclo mestruale in cui ci si trova, della presenza di un’infezione o dell’uso di alcuni farmaci.

Ricordate che esistono molte cause che possono generare i flussi vaginali. Pertanto è necessario diagnosticare ogni caso per identificare la presenza di qualche tipo di anomalia.

Non dimenticate che è molto importante visitare il medico per assicurarsi che la vagina sia assolutamente sana.