Come raccontare le storie di paura ai bambini?

· 14 Aprile 2019
Le storie di paura possono essere molto utili per aiutare i piccoli a superare i loro timori e le loro angosce.

È normale voler proteggere il proprio figlio dalla paura, dalle situazioni di pericolo o dalle brutte notizie, ma questo non vi deve impedire di leggere le storie di paura o di parlare con loro delle tristi realtà di questo mondo. È molto importante aiutarli ad affrontare e vincere le paure che hanno.

Dovete sempre tenere in considerazione che i bambini sono molto impressionabili e paurosi. Per questo, è molto importante approfittare delle loro capacità di suggestione per aiutarli a vincere le loro paure. Se, raccontando una storia, si impressionano, attiveranno la convinzione e poi l’auto-suggestione. Se volete aver successo e attirare l’attenzione dei vostri figli, è necessario vivere la storia con loro per poter alleviare le loro paure.

Educatori infantili, psicologi e maestri consigliano di usare i racconti di paura come una forma di intrattenimento perché sono una lezione importane nella fase di sviluppo del bambino. A seguire, vi presenteremo delle raccomandazioni su come affrontare i racconti di paura ai bambini e le principali ragioni per cui è importante leggerli.

Perché è importante che i vostri figli leggano i racconti di paura?

A seconda dell’età dei vostri figli, dovete sapere che possono aver paura di molte cose. In determinati momenti, possono aver paura di non essere amati, o di essere meno amati dei fratelli, ciò provoca in loro il timore di perdervi o che voi e vostro marito possiate separarvi. Possono poi aver paura della morte e di molte altre cose che non sapete.

leggere libri

Nonostante abbiate un ottimo dialogo, ci sono sempre paure segrete che non vi confessano. Inoltre, ci sono bambini che hanno paure a livello inconscio. Per questa ragione vi consigliamo di leggere, o far leggere, ai bambini i racconti di paura, così da poter indagare i loro sentimenti e esprimere le loro emozioni, imparando a confrontarsi con le loro paure e a controllarle.

I racconti di paura per i bambini sono uno strumento utile per affrontare la paura, in quanto suggeriscono  metodi per sconfiggere le cose negative, stimolando astuzia e coraggio. 

Quando i vostri figli leggono questi tipi di racconti, proiettano le qualità positive e buone sull’eroe o l’eroina della storia, mentre il lato malvagio viene attribuito ai cattivi, ai mostri e alle streghe.

Come raccontare storie di paura ai minori di 6 anni?

Se volete imparare a raccontare storie di paura ai minori di 6 anni, dovete tenere in considerazione che, a questa età, sono allo stesso tempo affascinati e impauriti da ciò che non conoscono, anche dalle storie non terrificanti.

Questi tipi di storie aiutano a far capire ai più piccoli che senza paura sono più aperti a comprendere, relazionarsi, scoprire e amare incondizionatamente.

Se volete raccontare le storie di paura ai vostri figli minori di 6 anni, seguite questi consigli:

  • Scegliete racconti di streghe, vampiri, fantasmi e temi che facciano paura, ma non troppo. Ricordatevi di interpretare con specifiche voci i diversi personaggi e che l’umorismo vince sulla paura: cercate sempre di inserire battute divertenti all’interno del racconto.
  • Prestate attenzione alle domande e i timori che il racconto suscita nei vostri figli. Risolvete sempre i loro dubbi e modificate il racconto in base alle reazioni che questo provoca. Devono essere tesi, ma non impauriti. Cercate di narrare i passaggi più paurosi con un tono basso, lentamente.

Come raccontare le storie di paura ai bambini tra i 7 e gli 11 anni?

Per imparare a raccontare le storie horror ai bambini fra i 7 e gli 11 anni, dovete ricordarvi che a questa età sono molto impressionabili, cercate quindi di seguire questi consigli:

  • Narrate la storia alternando parti di terrore a parti divertenti. Potete anche aggiungere risvolti insoliti e inaspettati. Questo li farà ridere e li libererà dalle tensioni, rilassandoli e aiutandoli ad affrontare le paure.
racconti

  • Giocate con la vostra voce; imitate i suoni, assumete voci specifiche per i diversi personaggi, fate pause per aumentare il mistero…
  • Un altro suggerimento è quello di creare un ambiente di paura, abbassando la luce in casa e magari accendendo una candela. Ricordate che, come nel caso dei bambini più piccoli, l’umorismo vince sulla paura: fate in modo che scarichino il timore aggiungendo scherzetti e battute nella narrazione.
  • Infine, vi raccomandiamo di verificare che la storia sia destinata alla fascia di età giusta e che il bene vinca sempre sul male. Quando spiegate ai vostri figli la paura, li state preparando alla vita.