Perché i bambini dovrebbero andare a dormire presto?

I bambini dovrebbero andare a dormire presto perché un riposo adeguato consente di recuperare le energie, migliorare l'umore e ottimizzare l'apprendimento.
Perché i bambini dovrebbero andare a dormire presto?

Ultimo aggiornamento: 28 novembre, 2021

Fare un pisolino o andare a dormire presto: due dei momenti più detestati dai bambini in casa. Nessuno ha bisogno di dirvelo, perché sicuramente conoscete la tensione che esiste prima di andare a dormire.

Chi non vorrebbe giocare senza sosta tutto il giorno? Tuttavia, un buon riposo è importante quanto il gioco diurno e questo vale per tutte le età.

Durante il sonno riforniamo energia e permettiamo al cervello di svolgere diversi processi fondamentali per lo sviluppo e l’apprendimento. Da qui l’importanza che i nostri figli si addormentino presto e riposino per un buon numero di ore.

Perché è importante che i bambini si addormentino presto?

Garantire un buon riposo e ottenere un sonno di qualità sono due obiettivi fondamentali per prenderci cura della nostra salute e di quella dei nostri bambini. Successivamente, descriveremo in dettaglio cosa succede durante il riposo notturno:

  • Il cervello riposa e rifornisce di energia.
  • Si consolida l’apprendimento diurno e si rafforzano la memoria, il ragionamento e le capacità di attenzione e concentrazione.
  • Il sistema immunitario è rafforzato.
  • Migliora lo stato emotivo e l’umore.
  • Vengono prodotti i necessari cambiamenti ormonali per garantire la crescita, la regolazione della pressione sanguigna e altri meccanismi per promuovere l’omeostasi (equilibrio dell’organismo).
bambino bambino dorme nel suo letto suona salute fisica emotiva mentale

Le chiavi per aiutare il nostro bambino a dormire presto

Come abbiamo visto, i benefici di un buon riposo sono numerosi. Pertanto, è importante rivedere alcune abitudini domestiche per migliorare l’igiene del sonno.

1. Adattare le ore di sonno all’età del bambino

Innanzitutto è importante tenere presente che il sonno è un aspetto maturativo che cambia nel corso della vita. In questo senso, le altre esigenze variano da una fase all’altra ed è necessario conoscere le caratteristiche di ciascuna per realizzare gli opportuni interventi.

Ad esempio, intorno ai 2 anni compaiono i terrori notturni e questo può portare a difficoltà nel convincere i bambini ad accettare di andare a letto. A sua volta, questo fenomeno potrebbe giustificare l’aumento dei risvegli notturni rispetto ai mesi precedenti.

Oltre a quanto sopra, l’American Academy of Sleep Medicine raccomanda di garantire un certo numero di ore di riposo al giorno, che è determinato dall’età del bambino:

    • Da 4 a 12 mesi: da 12 a 16 ore.
    • Da 1 a 2 anni: da 11 a 14 ore.
    • Da 3 a 5 anni: da 10 a 13 ore.
    • Da 6 a 12 anni: da 9 a 12 ore.
    • Da 13 a 18 anni: da 8 a 10 ore.

2. Offrire un ambiente piacevole prima di andare a dormire

Se l’ora di andare a letto è spesso fastidiosa, si può proporre una tranquilla routine per anticipare il momento.

Ad esempio, incorporare un rituale rilassante come un bagno caldo, portare un oggetto a letto, leggere un racconto o offrire qualche tipo di carezza. Tutto ciò tende ad aiutare a realizzare questa transizione in un modo più piacevole.

È importante anche creare un ambiente piacevole che riconcilia il bambino con l’idea del dormire: luci soffuse, clima mite, suoni soffusi e assenza di schermi.

3. Calmare l’ansia della notte

I bambini rifiutano l’ora di andare a letto per molte ragioni. A volte è per paura e, altre volte, per la necessità di continuare a fare qualcosa che li tiene molto legati. Qualunque sia la ragione, l’ansia che si genera è nemica del sonno.

Una buona proposta è pensare insieme ai programmi per il giorno successivo, per incoraggiare i nostri figli a riposare e ricaricare le batterie per realizzarli.

Infine, è importante creare un ambiente sicuro ed evitare di fuorviarli. Non è consigliabile uscire di casa quando si addormentano perché se si svegliano possono sentirsi abbandonati e aumentare la loro ansia notturna.

Mamma che legge una storia ai suoi figli a letto prima di andare a dormire.

Non ci sono leggi universali, tranne che per la cura

Per la maggior parte delle famiglie il momento del sonno può presentare alcune difficoltà e portare i bambini a letto presto può sembrare un’utopia.

Esistono migliaia di consigli per raggiungere questo obiettivo, ma non esiste una ricetta infallibile. Si tratta di adeguarsi il più possibile alla nostra realtà.

Quello a cui dobbiamo opporci è lo slogan di far piangere i bambini per farli addormentare. Al di là dei risultati, questi metodi causano grande angoscia nei piccoli e rafforzano l’idea che non possono contare sulle loro figure di attaccamento quando ne hanno più bisogno.

Infine, è essenziale tenere a mente che le decisioni familiari sulla genitorialità devono essere prese da un luogo che rispetti e si prenda cura dei bambini.

Potrebbe interessarti ...
Dormire bene rende intelligenti: ecco perché
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Dormire bene rende intelligenti: ecco perché

Studi dimostrano che dormire bene rende intelligenti, perché promuove la memoria e favorisce le buone abitudini fin dall'infanzia.



  • Ojeda del Valle, Mayra. (2012). El sueño en la edad preescolar y su repercusión en el desarrollo, la conducta y el aprendizaje. Revista Cubana de Higiene y Epidemiología, 50(2), 198-204. Disponible en: http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1561-30032012000200008&lng=es&tlng=es.
  • Masalán A, M. Patricia, Sequeida Julia, & Ortiz C, Marcela.(2013). Sueño en escolares y adolescentes, su importancia y promoción a través de programas educativos: Education and behavioral approach programs. Revista chilena de pediatría, 84(5), 554-564. Disponible en: https://dx.doi.org/10.4067/S0370-41062013000500012
  • Merino-Andreu M, Álvarez-Ruiz de Larrinaga A, Madrid-Pérez JA, Martínez-Martínez MA, PuertasCuesta FJ, Asencio-Guerra AJ, et al. Sueño saludable: evidencias y guías de actuación. Documento oficial de la Sociedad Española de Sueño. Rev Neurol 2016; 63 (Supl 2): S1-27. Disponible en: https://www.neurologia.com/articulo/2016397
  • : Paruthi S, Brooks LJ, D’Ambrosio C, Hall WA, Kotagal S, Lloyd RM, Malow BA, Maski K, Nichols C, Quan SF, Rosen CL, Troester MM, Wise MS. Recommended amount of sleep for pediatric populations: a consensus statement of the American Academy of Sleep Medicine. J Clin Sleep Med 2016;12(6):785-786. Disponible en: https://aasm.org/resources/pdf/pediatricsleepdurationconsensus.pdf