Cosa fare in caso di conflitti con gli adolescenti durante la quarantena

19 maggio, 2020
È possibile che durante la quarantena sorgano dei conflitti con gli adolescenti. Si tratta di situazioni difficili nelle quali le emozioni emergono a fior di pelle e il minimo screzio può arrivare a scatenare una discussione. Eccovi alcuni suggerimenti per evitarle.

L’adolescenza è un periodo difficile, sia per i diretti interessati che per i genitori, dal momento che tutti noi ci troviamo in fasi diverse della vita. Se le divergenze e le discussioni rappresentano normalmente una possibilità concreta, durante la quarantena i conflitti con gli adolescenti sono destinati ad aumentare.

Questo periodo di isolamento ha cambiato tutte le nostre routine e abitudini: non possiamo più uscire di casa né condurre la nostra vita normale. Questa situazione fa sorgere in noi un groviglio di emozioni: rabbia, tristezza, paura, incertezza, ecc.

Per questa ragione, dal momento che tutti noi stiamo attraversando un momento difficile, dobbiamo sostenerci a vicenda ed evitare, per quanto possibile, gli scontri. Nel caso, però, in cui questi si presentino, come possiamo intervenire?

Che cosa fare per evitare i conflitti con gli adolescenti durante la quarantena

Mantenere la calma

È un momento duro per tutti noi. Noi adulti siamo sopraffatti dalla situazione, impegnati con mille cose da fare. Per questo motivo, tutti noi abbiamo bisogno di tranquillità per sopportare questa situazione nel miglior modo possibile.

Cercheremo quindi di seguire un orario settimanale che comprenda dei momenti da trascorrere in famiglia, oltre che del tempo da dedicare a noi, al lavoro, allo sport e al dialogo con i nostri cari e con gli amici tramite videochiamate.

per evitare conflitti con gli adolescenti durante la quarantena, è importante parlare con loro

Capire gli adolescenti

Dobbiamo parlare con loro per sapere come si sentono e come affrontano questa situazione. Gli adolescenti si trovano in una fase nella quale hanno bisogno di socializzare, uscire e stare con i propri amici. In questa situazione, però, non è possibile dedicarsi a queste attività, con il risultato di renderli irascibili e frustrati: di conseguenza, le discussioni familiari sono destinate ad aumentare.

Stabilire delle regole per evitare conflitti con gli adolescenti durante la quarantena

È bene che organizziamo una riunione familiare nella quale tutti contribuiamo a stabilire degli orari al quale adattare le nostre nuove routine, in modo da rendere più facile la convivenza. Questi orari devono comprendere compiti, svago, giochi…

Se nasce un conflitto con l’adolescente, bisogna mantenere la calma

È importante che, se si presenta una discussione, evitiamo di alimentarla. È meglio attendere che la situazione si tranquillizzi e aspettare che il nostro figlio adolescente si sia calmato, per poi affrontare l’argomento con serenità.

Essere positivi e assertivi

Dobbiamo evitare le lotte di potere, senza cercare di stabilire “chi comanda”. Loro sanno già chi comanda in casa. Ora è il momento di essere positivi e stabilire dei limiti, ma sempre con gentilezza e fermezza.

Essere consapevoli della situazione

Se lavoriamo tutti insieme, la convivenza risulterà decisamente migliore. Dobbiamo pensare che ci troviamo in un momento decisivo che comporta conseguenze di grande importanza e che dobbiamo trascorrere questo periodo in famiglia, sostenendoci l’un l’altro. I conflitti non farebbero che compromettere la serenità di questa convivenza.

Incoraggiare l’empatia

Nelle nostre famiglie viviamo tutti situazioni differenti, che riguardano i nostri figli, il nostro partner, noi stessi. Naturalmente, questa situazione rappresenta una sfida a condividere insieme il nostro tempo e, se lo facciamo con amore, rispetto ed empatia, la convivenza risulterà molto più gradevole e fruttuosa. Da questa situazione la famiglia uscirà molto più forte di prima.

prevenire gli attriti in famiglia è importante per evitare conflitti con gli adolescenti durante la quarantena

Che fare se si presentano conflitti con gli adolescenti durante la quarantena?

  • La possibilità che nascano conflitti non è eliminabile: non c’è alcun dubbio. Questa situazione ci farà provare un gran numero di emozioni. Gli adolescenti potrebbero attribuirne la colpa ai genitori. Si tratta di una situazione difficile e dobbiamo rimanere accanto a loro. Se prima di questa situazione erano già presenti dei risentimenti, è possibile che tornino a riaffiorare in superficie. Ciò che conta è essere in grado di gestirli ed evitare che provochino delle conseguenze.
  • Se ci sentiamo arrabbiati, è meglio che ci allontaniamo e ci prendiamo un momento di riflessione da trascorrere da soli. In questo modo eviteremo che le discussioni si complichino.
  • Cercheremo un luogo nel quale rimanere soli e rilassarci, per respirare profondamente per il tempo necessario. Quando saremo più tranquilli, potremo cercare di risolvere la discussione senza alterarci.
  • Possiamo anche approfittare di questo periodo per praticare esercizi di yoga o meditazione. Queste attività ci aiuteranno a essere più rilassati e concentrati, in questa situazione.

Rimanendo in casa, tutti noi stiamo facendo del bene, a noi stessi e a tutti gli altri. Certo, non è questo che ci piacerebbe fare, ma dobbiamo ricordare che, se per noi la situazione è difficile, lo è ancor più per i bambini e gli adolescenti. Dobbiamo collaborare tutti insieme, per evitare conflitti con gli adolescenti durante la quarantena. Se ci riusciamo, tutta la famiglia uscirà rafforzata da questa prova.