Legame emotivo consapevole: cosa dovreste sapere

Il legame emotivo consapevole gioca un ruolo chiave nella vita di tutti e da questo dipende il modo in cui reagiamo alle diverse situazioni. Scoprite tutto al riguardo.
Legame emotivo consapevole: cosa dovreste sapere

Ultimo aggiornamento: 02 luglio, 2022

Nel caso non lo sapeste, le emozioni influenzano notevolmente il modo in cui agiamo e come percepiamo l’ambiente che ci circonda. A seconda del nostro stato emotivo, reagiamo in un modo migliore o peggiore a una determinata situazione. Ma se potessimo scegliere intenzionalmente l’emozione più appropriata per ogni momento? Questo è esattamente ciò che dice il modello del legame emotivo consapevole e noi vogliamo parlarvene.

La psicologia si concentra sul lavoro con le persone in modo che siano in grado di identificare e riconoscere le loro emozioni, dare loro un nome e gestirle quando compaiono.

In questo senso, il modello del legame emotivo può essere molto utile nella vita di tutte le persone, ma ancor di più in campo educativo. Siete interessati? Continuate a leggere!

Che cos’è il legame emotivo cosciente?

Quando parliamo di legame emotivo cosciente ci riferiamo a una forma di intelligenza emotiva che ci consente di connetterci intenzionalmente con il nostro io e di relazionarci meglio con ciò che sentiamo. Il punto di partenza del processo è la conoscenza di se stessi e lo sviluppo della capacità di autogestione e leadership emotiva.

Lo psicologo clinico Roberto Aguado è stato colui che ha sviluppato questo modello, basato sulle scoperte delle neuroscienze.

Pertanto, il legame emotivo consapevole è postulato come uno degli strumenti più efficaci per raggiungere il successo personale e sociale, nonché il benessere globale delle persone.

concetto di educazione emotiva di intelligenza emotiva
Il legame emotivo consapevole ci permette di entrare in contatto con ciò che accade dentro di noi, con ciò che sentiamo e con il modo in cui reagiamo alle diverse situazioni.

Legame emotivo consapevole: emozioni appropriate e inadeguate

Sappiamo tutti che esistono emozioni positive (quelle che ci fanno stare bene) e negative (quelle che per noi sono spiacevoli). Ma, in questo modello di legame emotivo consapevole, il modo di categorizzarli è diverso e vengono presentati come emozioni appropriate e inadeguate. Vediamo a cosa si riferisce ciascuno di essi:

  • Emozioni appropriate: sono le più “corrette” o funzionali per affrontare la situazione in cui ci troviamo. Ad esempio, provare paura quando siamo sull’orlo di una scogliera è un’emozione adattiva, poiché ci fa allontanare dal bordo per evitare di cadere.
  • Emozioni inadeguate: includono quelle che non ci servono in determinate circostanze e che, inoltre,  generano problemi. Ad esempio, provare paura in una situazione che è innocua, come un esame, e che finisce per causarci un’attivazione elevata e non ci permette di funzionare bene in quella situazione.

Per natura, l’essere umano ha emozioni di base, come paura, disgusto, tristezza, gioia e sorpresa. Quello che succede è che man mano che cresce, impara ad associare queste emozioni a determinate situazioni.

Se questo apprendimento non avviene nel modo più adeguato, non lo sono nemmeno le associazioni che si stabiliscono. Ad esempio, la paura delle interazioni sociali.

Il modello di Attaccamento Emotivo Consapevole ci incoraggia a dimenticare ea riapprendere quegli attaccamenti emotivi inappropriati, creandone di nuovi e più efficaci. Prova tristezza quando necessario, paura o gioia al momento giusto.

Legame emotivo consapevole nell’istruzione

È proprio in ambito educativo che questo modello è stato maggiormente utilizzato e da cui sono stati ottenuti risultati molto positivi, sia per i docenti che per gli studenti. Non bisogna dimenticare che una buona educazione emotiva in classe è fondamentale.

Lo scopo di questo modello nell’ambiente scolastico non è altro che generare un ambiente emotivo adeguato per l’apprendimento. Per questo si possono distinguere due categorie di emozioni, che favoriscono e ostacolano il processo di insegnamento.

Le emozioni primarie

Questi acronimi si riferiscono alle seguenti emozioni:

  • Tristezza (quando lo studente o l’insegnante si sente triste, demotivato o imbarazzato).
  • Rabbia (la rabbia compare quando i bambini si sentono in dovere di essere in classe o di partecipare a una particolare materia).
  • Disgusto (quando una materia o il modo di insegnarla non è di gradimento dello studente).
  • Paura (lo studente non si sente in grado di imparare o di stare al passo con il resto della classe).

Pertanto, se uno studente inizia già la lezione con una di queste emozioni, sarà molto difficile per lui apprendere e incorporare le conoscenze fornite.

Emozioni secondarie

Stiamo parlando delle seguenti emozioni:

  • Curiosità.
  • Ammirazione.
  • Sicurezza.
  • Felicità.

Quando uno studente prova una di queste emozioni, è motivato a imparare e mostra interesse per le materie e il modo in cui l’insegnante le insegna. In questo caso, sarà molto più facile per lui acquisire le conoscenze e imparare in modo più naturale. Non bisogna dimenticare che l’insuccesso scolastico si spiega, in gran parte, con le emozioni.

Legame emotivo.
Così come quando da piccoli avevamo un punto di riferimento per queste associazioni, nel legame emotivo è necessario anche avere qualcuno che ci guidi nel processo. E la classe è un’educazione emotiva molto importante.

Sul legame emotivo consapevole

A questo punto possiamo già affermare che il legame emotivo consapevole ci aiuta a scegliere intenzionalmente le nostre emozioni, in modo da adattarci meglio all’ambiente che ci circonda. Ad esempio, provare rabbia quando dobbiamo difenderci da qualcosa che non va bene, ma sostituirla con una buona comunicazione o negoziazione quando semplicemente non siamo d’accordo con qualcosa.

Il legame emotivo consapevole è uno strumento molto utile per l’apprendimento e l’insegnamento, in quanto consente di associare le emozioni a varie situazioni in modo appropriato e ottenere così il massimo delle prestazioni in tutte le discipline.

Potrebbe interessarti ...
L’importanza di riconoscere le emozioni dei bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
L’importanza di riconoscere le emozioni dei bambini

Riconoscere le emozioni dei bambini è fondamentale se si vuole instaurare un legame basato sul rispetto e sulla comprensione reciproci.