Il bullismo: quali sono le cause scatenanti e cosa fare?

Il bullismo nelle scuole deve essere affrontato con la cooperazione di tutti gli attori coinvolti. Riconoscere le cause che portano a ciò è fondamentale e ve le mostriamo nel seguente articolo.
Il bullismo: quali sono le cause scatenanti e cosa fare?

Ultimo aggiornamento: 11 aprile, 2022

L’entità del bullismo ci porta a chiederci come dovremmo intervenire e quali cose dovremmo rivedere sul nostro ruolo di adulti. Tuttavia, quando allarghiamo l’obiettivo e cerchiamo di identificare le cause di questo problema, possiamo vedere che molti di loro hanno origine in casa.

Vediamo di cosa si tratta e come possiamo cambiare questa triste realtà che esiste nelle scuole.

Cosa indica questo fenomeno?

Le molestie scolastiche (o il bullying in inglese) non implicano un’azione isolata o uno “scherzo” in un momento specifico. Al contrario, è un comportamento aggressivo e deliberato di molestie, minacce, sottomissione e umiliazione di una persona nei confronti di un’altra e che si protrae nel tempo.

Le aggressioni possono essere sia fisiche (colpire, calciare, pizzicare) che verbali (insulti, risate, battute) o psicologiche (umiliazioni, molestie, ridicolo).

Essendo un evento che dura nel tempo, in generale, coinvolge più attori, che possono svolgere un ruolo attivo (come l’aggressore) o un ruolo passivo (come lo spettatore).

Il grosso problema di questo tipo di violenza è che chi la subisce tende a nasconderlo. Preferisce rimanere in silenzio per paura delle conseguenze dirette, sebbene altri esiti inizino a manifestarsi nella sua salute fisica, mentale ed emotiva.

Alcuni dei segni più significativi del bullismo sono la paura di andare a scuola, l’uso frequente di scuse per assentarsi (come presunte malattie o malattie), un calo del rendimento scolastico o un aumento di ansia e nervosismo.

Ragazzo che soffre di bullismo da parte dei suoi compagni di classe.
Il bullismo è un tipo di violenza che può essere esercitata fisicamente, verbalmente o psicologicamente. In tutti i casi, le conseguenze sono abbastanza dannose per la vittima e il suo ambiente.

Quali sono le cause del bullismo?

L’approccio al bullismo non può essere inteso in modo causale o unilineare, poiché si tratta di un fenomeno complesso, in cui chi molesta è eventualmente molestato in un altro contesto. Diamo un’occhiata ad alcune delle cause di questo problema.

1. Quando le cause risiedono nell’ambiente familiare

In alcuni casi, lo stalker può assistere a relazioni violente nella propria casa e assistere ad abusi tra i propri genitori. Potrebbe anche essere colui che riceve l’aggressione da un membro della famiglia.

D’altra parte, la genitorialità autoritaria e rigida può portare a relazioni abusive in altri ambiti, nonché a una mancanza di limiti ea una genitorialità estremamente permissiva.

L’educazione che non si basa su buoni valori influenza direttamente il modo in cui i minori si relazionano con gli altri. Può anche essere una delle cause del bullismo.

2. Cause sociali

Quali sono i messaggi che circolano socialmente intorno alla violenza? Qual è l’esempio che viene offerto ai bambini quando ci sono disaccordi tra le persone e scoppiano vere battaglie mediatiche?

A volte sembra che la violenza sia il modo giusto per ottenere riconoscimento e rispetto dagli altri, soprattutto in contesti di gruppo. La società, in quanto parte del macro ambiente delle famiglie, è generatrice di valori e quindi ha anche una parte di responsabilità in questo problema.

Pertanto, comportarsi in un certo modo può essere convalidato in un modo o nell’altro in ciò che i ragazzi vedono e sentono. Ricordiamoci che nei primi anni di vita i piccoli imparano molto imitando i comportamenti dei loro adulti di riferimento.

3. Cause scolastiche

Forse il conflitto scolastico non innesca il bullismo, ma funziona come facilitatore e perpetuatore del bullismo.

Ad esempio, la mancanza di conseguenze per un cattivo comportamento, l’assenza di regole o di un protocollo chiaro può dare la sensazione che “non c’è niente che non va” se ci comportiamo in questo modo. Ma la verità è che la scuola non deve avallare o essere in alcun modo complice di episodi di violenza.

Come intervenire contro il bullismo

Il bullismo è un problema frequente, in tutto il pianeta. Tuttavia, è prevenibile, sebbene ciò richieda un’azione a tutti i livelli.

Alcuni dei consigli per affrontare il bullismo sono i seguenti:

  • Parla di bullismo a casa. È importante installare la nozione in tempo, molto prima che accada. Può essere affrontato non solo attraverso la conversazione, ma anche attraverso attività pratiche o lettura di libri per bambini. È necessario educare ai valori con l’esempio poiché i bambini sono piccoli. Il rispetto si trasmette in modi semplici, come non fare agli altri ciò che non ci piace che venga fatto a noi o non usare parole che possono ferire gli altri.
  • Creare spazi di fiducia e dialogo. In questo modo, i tuoi figli sapranno che possono venire da te in qualsiasi circostanza, sia per qualcosa di proprio che di qualcun altro. In questo modo romperai anche la logica del “complice” o del testimone silenzioso.
  • Promuovere una sana autostima e sicurezza nei bambini. Insegna ai tuoi piccoli ad amarsi e a prendersi cura di se stessi. Ricorda loro ogni giorno che sono molto preziosi e incoraggiali a chiedere aiuto quando ne hanno bisogno.
  • Insegna a gestire le emozioni fin dalla prima infanzia. L’educazione che ci permetta di riconoscere le emozioni e insegni loro a gestirle è un buon passo affinché i bambini non abbiano la necessità di “scaricarsi” con gli altri. E anche, in modo che imparino a risolvere le loro differenze in modo pacifico.
I bambini imparano a non giudicare gli altri e ad amare la diversità.
Per educare una generazione più giusta ed egualitaria, i buoni valori devono essere instillati fin dall’infanzia. Rispetto, empatia e tolleranza sono pilastri fondamentali per sostenere il cambiamento.

Il bullismo non è un problema scolastico

Come abbiamo visto, il bullismo è un problema che si esprime a scuola, ma che nasce molto prima della scuola. Nel notare la sua comparsa, è importante che la comunità educativa intervenga con regole chiare e protocolli definiti, così come i genitori e gli adulti di riferimento.

Occorre educare a valori chiari, all’interno dei quali si sottolinea che il rispetto è un pilastro fondamentale per una buona convivenza.

Il bullismo non riguarda ragazzi e ragazze, ma l’intera società. Le conseguenze del bullismo iniziano a scuola, ma vanno oltre le sue mura; sono i problemi futuri che diventano visibili nelle malattie mentali, negli atti autolesionistici, negli adulti che risolvono i problemi con la violenza. Per tutto questo, saperlo riconoscere e intervenire in tempo è più importante di quanto pensiamo.

Potrebbe interessarti ...
Caratteristiche del bullo: come riconoscerlo
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Caratteristiche del bullo: come riconoscerlo

È importante riconoscere le caratteristiche del bullo e prevenire i casi di bullismo scolastico. Questi profili di solito sono aggressivi e dominan...



  • Armero Pedreira, P., Bernardino Cuesta, B., & Bonet de Luna, C.. (2011). Acoso escolar. Pediatría Atención Primaria, 13(52), 661-670. Disponible en: https://dx.doi.org/10.4321/S1139-76322011000600016
  • Castillo-Pulido, Luis Evelio (2011). El acoso escolar. De las causas, origen y manifestaciones a la pregunta por el sentido que le otorgan los actores. Magis. Revista Internacional de Investigación en Educación, 4(8),415-428. [fecha de consulta 4 de abril de 2022]. ISSN: 2027-1174. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=281021722009