Parlare con un adolescente: 7 consigli efficaci

L'adolescenza è un periodo complicato per i nostri figli, che può influenzare il loro modo di comunicare con noi. Ma con questi consigli, il dialogo sarà più semplice.
Parlare con un adolescente: 7 consigli efficaci

Ultimo aggiornamento: 15 dicembre, 2021

Il desiderio di indipendenza e la ricerca dell’identità possono essere una strada difficile sia per i genitori che per i figli. Tuttavia, possiamo mantenere una buona comunicazione praticando alcuni trucchi. D’altra parte, questi ci aiuteranno a far crescere e migliorare la relazione. Per parlare con un figlio adolescente, non è necessario complicarsi la vita come sembra.

Ricordiamo cosa ci infastidiva così tanto quando avevamo la loro età? Oggi il ricordo può sembrarci divertente, soprattutto se vediamo che nostro figlio è infastidito dalle stesse cose. E anche se ora sembra sciocco, a lui manca ancora l’esperienza e quindi è necessario rispettare il suo processo.

7 consigli per parlare con un adolescente

1. Ricordare che non è più un bambino

Anche se continuiamo a guardarlo con molto amore e tenerezza, non dovremmo etichettarlo o riferirci a lui come se fosse ancora un bambino. Gli adolescenti generalmente rifiutano questi tipi di espressioni di affetto perché non li fanno sentire convalidati o rispettati come persone.

Quindi il nostro primo consiglio per parlare con un figlio adolescente è cercare di mettere da parte i gesti infantili e non ricordare loro ogni due o tre quanto erano carini fino a poco tempo fa. In questo senso bisogna sapersi adattare e crescere con loro.

2. Evitare il confronto

Dobbiamo assicurarci che si senta a proprio agio a parlare con noi delle loro esperienze e che possano fidarsi di noi senza paura di essere rimproverato.

Il fatto che si apra a noi e che rispondiamo con una punizione lo farà arrabbiare e lo indurrà a non raccontarci lo stesso tipo di intimità in futuro, poiché smetterà di cercare in noi il supporto di cui ha bisogno.

Per avere una buona conversazione con lui, dovremmo cercare di essere il più proattivo possibile, contribuendo con argomenti che lo interessano, come le sue amicizie, i suoi giochi preferiti, le attività che svolge, e così via.

Chiavi per parlare con un figlio adolescente.

3. Cercare di capire il suo punto di vista

Anche se non siamo d’accordo con quello che dice, cerchiamo di non esprimere giudizi severi ad alta voce. Proviamo invece a rimanere neutrale su qualunque cosa pensi e non svalutiamo la sua opinione, altrimenti non faremo nient’altro che allontanarlo da noi.

Per promuovere una buona comunicazione, mostriamogli che siamo disposti a conoscere il suo punto di vista e ad ascoltare il suo messaggio. In questo modo, sarà più probabile che risponda con rispetto quando decidiamo di parlare.

4. Mantenere la calma per parlare con un adolescente

Per parlare con il nostro adolescente è essenziale mantenere la calma. In tal senso, assicuriamoci di poter controllare le nostre emozioni quando gli parliamo, poiché rispondere in modo aggressivo può provocare una reazione esplosiva e causare preoccupazioni inutili.

È molto più facile risolvere un problema se ne parliamo lentamente. Le urla lo faranno stare sulla difensiva e molto spesso la sua reazione sarà la stessa, ponendo fine alla conversazione.

5. Evitare di forzare la conversazione

Se ci rendiamo conto che nostro figlio non vuole iniziare una conversazione con noi, non dovremmo disturbarlo, poiché lo farà allontanare ancora di più. Accettiamo che ora potrebbe non essere il momento giusto per affrontare il problema. Assicuriamogli che saremo lì quando sarà pronto a parlare e che la nostra porta sarà sempre aperta.

Vale anche la pena cercare un supporto esterno. Potrebbe essere che nostro figlio si senta più a suo agio a parlare con qualcuno che non conosce. Possiamo pensare quindi di contattare un terapista o uno psicologo.

Suggerimenti per parlare con un adolescente.

6. Parlare con un adolescente significa ascoltare ciò che ha da dire

Prima di provare a dare consigli a nostro figlio, dovremmo assicurarci di aver ascoltato tutto ciò che aveva da dire, senza esprimere alcun tipo di giudizio o opinione. Quindi prestiamogli attenzione, consideriamo attentamente ciò che ci ha detto e suggeriamo che insieme troveremo un modo produttivo e positivo per risolvere la situazione e andare avanti.

7. Non prenderla sul personale

Quando le persone sono arrabbiate, frustrate o turbate, a volte dicono cose che non pensano. Cerchiamo di non prendere il cattivo umore di nostro figlio o quello che dice con l’intensità del momento.

A volte, quando siamo stressati, perdiamo lucidità e diciamo cose senza l’intenzione reale di ferire l’altra persona.

Dovremmo tenerne conto se dice qualcosa che potrebbe ferirci per non reagire in modo esplosivo ai suoi commenti. Al contrario, dovremmo spingerlo a continuare la conversazione quando le acque si sono calmate e l’adolescente sarà pronto a parlare.

Speriamo che questi suggerimenti vi forniscano le linee guida su come parlare con un adolescente. Come madri, dobbiamo avere un po’ di pazienza e vivere al massimo questa fase.

Potrebbe interessarti ...
Come godervi l’adolescenza dei vostri figli: 5 utili consigli
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come godervi l’adolescenza dei vostri figli: 5 utili consigli

Godervi l'adolescenza dei vostri figli non è una missione impossibile. In questo articolo vi daremo 5 consigli che potrete facilmente mettere in pr...



  • Faber, A., & Mazlish, E. (2006). Cómo hablar para que los adolescentes escuchen y cómo escuchar para que los adolescentes hablen. Barcelona: Medici.
  • Estévez, E., López, E. E., & Ochoa, G. M. (2007). Relaciones entre padres e hijos adolescentes (Vol. 3). Nau Llibres.
  • Estévez López, E., Musitu Ochoa, G., & Herrero Olaizola, J. (2005). El rol de la comunicación familiar y del ajuste escolar en la salud mental del adolescente. Salud mental, 28(4), 81-89. http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=
  • Guevara, L., Pinzón, N., & Osorio, M. (2021). Comunicación asertiva entre padres y adolescentes. Revista Estudios Psicológicos, 1(4), 51-79. http://www.estudiospsicologicos.com/index.php/rep/article/view/18
  • Jiménez, Á. P., & Delgado, A. O. (2002). Comunicación y conflicto familiar durante la adolescencia. Anales de Psicología/Annals of Psychology, 18(2), 215-231. https://revistas.um.es/analesps/article/view/28421
  • Pavez, M. M. (1999). Déficit en el desarrollo del lenguaje en la adolescencia. Revista Chilena de Fonoaudiología, 1(1), 41-50. Disponible en este enlace.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.