Cosa fare quando i bambini gridano

· 26 Gennaio 2019
I bambini gridano principalmente per attirare la vostra attenzione. Ma questo comportamento può essere snervante. E allora che fare?

Quando i bambini gridano molti genitori si mettono le mani nei capelli. Sembra che niente possa riuscire a calmarli e la testa scoppia. Allora che fare?

È chiaro che i bambini gridano per attirare l’attenzione. Se volete trovare una soluzione, questo articolo vi aiuterà.

Perché i bambini gridano?

Identificare perché i bambini gridano, oltre al tono e al momento in cui lo fanno vi permetterà di sapere perché stanno gridando.

Per attirare la vostra attenzione

Quando un bambino è piccolo, ancora non sa controllare bene il suo tono di voce, neppure si rende conto del volume da utilizzare in un determinato momento. Per questo motivo, è normale che si verifichino degli episodi in cui grida per farvi vedere qualcosa che lo eccita. Dovete insegnargli, parlando con lui, come dovrebbe esprimersi in pubblico e farglielo capire con delle motivazioni semplici.

I bambini gridano per attirare l'attenzione

Capricci per ottenere qualcosa

È la reazione più comune quando viene negata loro qualcosa. Immediatamente cominciano a gridare, quindi arrivano il dramma e le lacrime. Questi capricci si verificano sia a casa che fuori e sono tipici della fase di ribellione che caratterizza i bambini dai 2 ai 4 anni. In questo caso, la vostra reazione ai capricci sarà la chiave per risolvere la situazione poco a poco.

Per imitare

I bambini imparano imitando, e se il  problema è che non controllano mai il loro tono di voce, è possibile che lo abbiano imparato da voi o da un altro membro della famiglia. Per risolvere il problema, nell’ambiente più prossimo al bambino dovreste sforzarvi tutti a controllare il tono di voce.

Come comportarsi quando i bambini gridano

Se si tratta di capricci, bisogna restare fermi e non cedere a ciò che vuole il bambino. Non si tratta sempre di dire di no a quello che vuole, ma di insegnargli ad esprimersi, e capire a poco a poco che non può sempre avere tutto ciò che vuole.

Cercate di negoziare con lui o lei. Catturate la sua attenzione. Cercate di distrarlo. Chiedetegli di fare qualcosa e ditegli che solo lui o lei è in grado di farlo.

Non dovete mai gridare, ciò servirà solo ad impressionarlo in quel momento, ma alla lunga, peggiorerà le cose. L’unica cosa che otterrete è che penserà che si tratti di una buona opzione per rispondere o che chi urla più forte vince.

Cosa fare per non far gridare vostro figlio?

L’obiettivo è fargli capire che gridare non serve a nulla. Potete parlare con vostro figlio e spiegarli che se grida non lo capite. O che se lo fa molte volte, rimarrà senza voce e quindi non sarà in grado di parlare.

Capricci dei bambini

Se vostro figlio è ancora troppo piccolo per capire, potete seguire i seguenti consigli:

  • Soddisfate i suoi bisogni di base. Se starete a lungo fuori di casa assicuratevi che abbia dormito e mangiato abbastanza. Fatelo anche andare in bagno prima di uscire. Ciò impedirà che si innervosisca a causa della stanchezza.
  • Dedicate un po’ di tempo a gridare insieme a lui. Trasformarlo in un gioco è il modo migliore per farlo collaborare. Ciò calmerà la sua voglia di gridare o di alzare la voce quando parla. Al termine, ditegli che adesso dovrà parlare più piano.
  • Intrattenetelo. Fatelo partecipare alle vostre attività, in modo che non gli venga in mente di fare i capricci.
  • Fategli i complimenti quando si comporta bene. Ditegli che siete molto contenti che si sia comportato bene e premiatelo anche per questo. Naturalmente, non dovete farlo mentre fa i capricci, perché lo assocerà ad un modo di ottenere le cose.

È essenziale essere pazienti, perché i bambini spesso dimenticano facilmente ciò che insegniamo loro. Pertanto, per impedire che vostro figlio gridi bisogna essere costanti.