Giocare con i bambini li rende più intelligenti

08 aprile, 2020
Un bambino che gioca e resta costantemente attivo sarà molto sano fisicamente, mentalmente ed emotivamente.

Il gioco è l’attività più importante per vostro figlio e può persino renderlo più intelligente. Infatti, un bambino gioca non solo per divertimento o distrazione, ma anche per imparare. Giocare non è mai una perdita di tempo, al contrario è un’attività fondamentale per i bambini. In questo articolo vi diremo perché giocare con i bambini li rende più intelligenti.

Una nuova ricerca offre a tutte le mamme e ai padri un’altra scusa per continuare a giocare con i propri figli, soprattutto a casa. Questo perché si è scoperto che i bambini che vengono stimolati attraverso il gioco sono molto più intelligenti.

La ricerca si è concentrata sullo studio di 1.302 bambini di 4 anni che sono stati stimolati nelle loro aree cognitive, motorie e orali attraverso il gioco. I risultati dimostrano che il gruppo che è stato stimolato è riuscito a sviluppare un QI più elevato rispetto ai bambini che non avevano ricevuto questo tipo di stimolo.

La stimolazione attraverso il gioco ha anche migliorato significativamente le loro abilità pre-accademiche, il comportamento e il modo di relazionarsi con le altre persone. Ecco perché giocare con i bambini li rende più intelligenti.

Giochi da tavola


Giocare con i bambini li rende più intelligenti

Quando si dice che un bambino ha bisogno giocare, non stiamo dicendo che dovrebbe farlo da solo, al contrario, la compagnia è molto importante. Infatti, i bambini che giocano con i loro genitori e fratelli sviluppano anche delle capacità emotive superiori, che in futuro li aiuteranno a relazionarsi con le persone che li circondano.

Il suddetto studio, sviluppato dagli studiosi dell’Università Aga Khan di Karachi in Pakistan, ha dimostrato una differenza significativa nel comportamento e nelle capacità cognitive dei bambini che sono abituati a giocare con i genitori sin dalla tenera età.

Una delle cose che ha maggiormente attirato l’attenzione degli studiosi è che i bambini che hanno partecipato sono stati scelti da famiglie a basso reddito. Inoltre, la stimolazione di questi bambini non ha richiesto l’uso di giocattoli elaborati o costosi. In alcuni casi, i bambini giocavano con utensili da cucina o giocattoli improvvisati dai genitori. L’importante è che si divertano con i loro cari.

«L’intelligenza emotiva inizia a svilupparsi durante i primi anni. Tutti gli scambi sociali che i bambini hanno con i genitori, gli insegnanti e tra di loro portano con sé dei messaggi emotivi».

-Daniel Goleman-

Benefici di giocare con i propri figli

Durante il gioco, a divertirsi e sviluppare maggiori capacità cognitive e sociali non sono solo i bambini, ma anche i genitori che condividono questo momento con loro. Il gioco, oltre ad essere un’occasione per instaurare un legame molto più stretto, aiuta anche i genitori a sviluppare migliori abilità riguardanti la cura e la comunicazione con i propri figli.

Comunicare attraverso i giochi


Giocare: salute e sviluppo dei bambini

Normalmente quando i bambini sono malati, smettono di giocare, perché il gioco implica un atteggiamento attivo e non passivo. Esso richiede un impegno fisico, emotivo e intellettuale attivo, che presuppone un’attitudine positiva.

Pertanto, il gioco è il miglior indicatore dell’umore e della salute di vostro figlio. Possiamo affermare che è importante quanto il cibo e il sonno. Se vostro figlio gioca, dorme e mangia abbastanza, sarà sicuramente sano.

Attraverso il gioco, un bambino impara a relazionarsi con il mondo, sviluppa la sua immaginazione, diventa emotivamente coinvolto, imita gli altri bambini, muove i muscoli e le articolazioni.

Il gioco è il miglior intrattenimento per intelligenza, sviluppo delle abilità, emozioni e attività fisica.

Quando gioca, un bambino esercita il suo corpo in crescita, impara a controllare e coordinare muscoli, articolazioni e movimenti, ma stimola anche l’intelligenza e le emozioni. Per questo motivo, il gioco deve essere sempre divertente, spensierato e deve essere accettato volontariamente.

Con il gioco, vostro figlio acquisisce esperienza conoscendo se stesso e il mondo che lo circonda; impara ad essere fantasioso; a drammatizzare simulando di essere un’altra persona o un animale. Inoltre, impara a condividere e rappresentare scenari e situazioni reali o irreali che gli permetteranno di avvicinarsi al mondo dei grandi.

Il gioco lo aiuterà a diventare sempre più indipendente, che è l’obiettivo finale dell’educazione, per diventare un adulto autonomo ed equilibrato.

I genitori, spesso influenzati dalla pubblicità dei giocattoli, forniscono ai loro figli solo “giocattoli educativi”, limitando invece il gioco che consente loro di conoscere il mondo reale, se stessi e il loro ambiente. In questo modo, trascurano il fatto che questo tipo di gioco è molto più educativo.

Anche se è solo mezz’ora al giorno, vi consigliamo di trascorrere del tempo giocando con vostro figlio. Non per guardare la televisione, né osservando come giocano gli altri bambini, bambole o cartoni animati, ma per liberare la mente e condividere risate e momenti indimenticabili insieme.