Nuove emozioni: diventare nonna per la prima volta

· 4 Dicembre 2017

Diventare nonna per la prima volta scatena un’ondata di nuove emozioni. L’aspettativa genera sentimenti contrastanti che oscillano tra la gioia più sfrenata e la preoccupazione più intensa che si possa immaginare. L’arrivo di un nuovo membro della famiglia è senza dubbio un’occasione speciale.

Le nonne sono le complici per eccellenza. Niente e nessuno impediranno loro di dare tutto l’amore possibile al piccolo.

L’arrivo del primo nipotino diventa per una nonna l’opportunità di rivivere l’infanzia dei propri figli. La vita dona una seconda possibilità per sfruttare con maggiore intensità l’esperienza. Chiaramente l’arrivo di un bebè è motivo di felicità.

Lo è anche per la novella nonna che sperimenterà una sensazione di gioia e completezza con l’arrivo del nipotino.

Interiorizzazione

La felicità per l’arrivo di un bebè è immensa, ma la neo-nonna deve prima attraversare un processo di interiorizzazione per prepararsi al meglio al nipotino. Da una parte deve assimilare il fatto che i suoi figli adesso sono adulti a tutti gli effetti. D’altra parte deve comprendere che il bebè in arrivo sarà parte di lei, ma non come lo furono i suoi figli.

In altre parole, diventare nonna è anche accettare che la propria figlia (se è questo il caso) debba affrontare il periodo di gestazione. La neonata che prima teneva tra le braccia adesso è incinta e darà vita, a sua volta, ad un altro essere vivente. Una volta assimilati questi concetti si comprenderà con maggiore facilità che questa nuova vita porta con sé l’opportunità di essere responsabile sotto un’ottica diversa.

Il compito della neo-nonna sarà quello di fornire più coccole possibili al suo nipotino, nella misura delle sue possibilità, ma il suo ruolo non si limita esclusivamente a questo. Inizialmente le coccole verranno ispirate da una sensazione di amore materno, quello di una donna verso i suoi figli. Con il passare del tempo questo sentimento si definirà di pari passo con il bebè.

Attenzione! E’ necessario specificare che il sentimento è genuino fin dal primo istante.

Si tratta di una nuova forma di’amore, profondamente interiorizzata, al cui fondo troviamo l’estensione dell’amore per i propri figli.

Inoltre, una nonna comprende che il suo ruolo è di accompagnamento al lavoro di educazione che faranno i genitori. Il nuovo ruolo prevede una stretta collaborazione con i figli. Il sentimento d’amore si raddoppia: per i figli così come per i nipoti.

La seconda maternità

Gli esperti ci spiegano che quando una donna diventa nonna, inizia il cosiddetto periodo della “seconda maternità”. Questa tappa rappresenta per l’universo femminile un’opportunità di sentirsi speciali mentre si riscopre il mondo attraverso gli occhi dei nipotini.

In altre parole, la seconda maternità rappresenta il momento di amare un bebè con una prospettiva diversa. Le nonne hanno sempre in serbo migliaia di consigli, trucchi e storie. Dopotutto si presuppone che abbiano un’esperienza di vita non indifferente.

Essere nonna significa essere madre per la seconda volta ma senza tutte le responsabilità. Compiacere e coccolare il piccolo è l’obiettivo principale per stabilire una relazione speciale per entrambi.

Le nonne sanno che il loro ruolo è quello di dispensare abbracci, consigli, ed assecondare i nipoti quando l’educazione dei genitori risulta troppo opprimente. In questo modo si consacrano come le migliori amiche dei piccolini.

Consigli per le neomamme

  • Se dovete piangere… che sia di gioia!
  • Rispettare le decisioni dei genitori. Anche se in disaccordo, ricordate che voi avete già passato questa fase ed in questo modo piuttosto che contribuire, minate il processo di apprendimento dell’altro.
  • I consigli sono molto preziosi. Dovete però capire quando è il momento di darli e quando non è necessario.
  • Aiutate, collaborate ma cercate anche di dare spazio ai futuri genitori. È naturale preoccuparsi per il futuro nipotino, ma i genitori hanno bisogno di spazio per adattarsi al meglio a questo ruolo.

I principali compiti di una nonna

Diventare nonna non implica necessariamente svolgere i compiti di una normale nonnina che cuce e sferruzza sulla sedia a dondolo. Il compito principale è quello di trasmettere i giusti valori e principi al futuro piccolino. I bambini sono naturalmente portati ad apprendere e non importa l’età o l’aspetto, vi terranno nel loro cuore come la loro nonna.

nonna e nipotino

Riassumendo, i compiti principali di una nonna sono:

  1. Creare un legame con i propri nipoti
  2. Ascoltare

Diventare nonna è una nuova opportunità di amare e di occuparsi dell’altro, di diventare una persona migliore e di riempire di amore, tenerezza e protezione un nuovo essere vivente con la speranza di fare di questo mondo un posto migliore.