Processo ripetitivo: i bambini e i film

· 30 Aprile 2018

“L’apprendimento durante l’infanzia si produce attraverso il processo ripetitivo; attraverso il gioco i bambini assimilano i concetti. La stessa cosa accade quando guardano un film ancora e ancora.”

La ragione per cui i bambini guardano lo stesso film tante volte è duplice. Il primo fattore ha a che vedere con il processo di apprendimento, mentre il secondo è legato al piacere di riconoscere i contenuti appresi. E poi, a chi non piace vedere e rivedere il goal che ha fatto vincere la propria squadra?

I bambini imparano grazie ad una serie di schemi. Man mano che si ripetono la conoscenza e la comprensione rimangono impressi nella mente. Per questo istintivamente tendono a ripetere azioni e attività ogni volta che scoprono qualcosa di nuovo.

Anche gli adulti imparano secondo degli schemi. Solo che, essendo adulti, le informazioni e le conoscenze avvengono in modo più rapido, perché le cose che sappiamo già sono molte di più. Tuttavia, provate a riguardare un film già visto: anche voi scoprirete dettagli sempre nuovi ad ogni visione.

La memoria: uno dei motivi del processo ripetitivo

L’apprendimento per ripetizione è una delle tecniche più antiche dell’educazione. Non a caso i maestri fanno ripetere le tabelline ai piccoli finché non le imparano a memoria.

Allo stesso modo, sono state composte canzoni per insegnare ai più piccoli numeri e lettere.

“Uno dei motivi per cui i bambini guardano sempre lo stesso film è per rivivere l’emozione scaturita dalla prima visione.”

Nei bambini più piccoli questo schema si può individuare anche nell’ora del gioco. Per memorizzare che il tacco verde va nel buco verde il piccolo tende a ripetere l’azione diverse volte. Inoltre dopo averlo fatto, è positivo che continui a ripetere lo schema.

Nel caso dei film, i piccoli memorizzano la trama e approfondiscono la conoscenza dei personaggi. Ogni volta che guardano lo stesso film saranno capaci di capire un po’ più della storia, e questo li porterà a provare nuove emozioni diverse da quelle scaturite dalla prima visione.

processo ripetitivo

Il processo ripetitivo: Ancora per favore!

La ripetizione è un sintomo di accettazione. Man mano che il piccolo scopre cose nuove smette di ripetere quelle di cui ha acquisito lo schema. Nel suo cervello si è impressa la forma di come risolvere il puzzle, e per questo ripete le nuove azioni ancora e ancora.

Quando si tratta di film, alcuni dettagli che già i bambini conoscono li riempiranno comunque di gioia, anche se per gli adulti risulteranno prevedibili. Nel caso dei bambini, sapere cosa succederà, li ricollega con le proprie emozioni e gli dà un senso di sicurezza personale.

Per questo motivo la storia o il film visto e raccontato milioni di volte non perderà mai di interesse. Ricordare frasi, dialoghi e reazioni per loro risulta molto divertente, quasi magico. Come se fossero in grado di predire il futuro.

“Il bambino apprende per un sistema di schemi. Man mano che si ripetono la conoscenza e la comprensione si fissano nella sua mente.”

Arriva la mia parte preferita!   

Un altro motivo per cui i bambini guardano lo stesso film a ripetizione è per provare di nuovo le sensazioni della prima volta. Anche se non ne sono coscienti, osservandoli potrete capire se un film li rallegra, e anche in questo caso l’esperienza rimarrà impressa nella loro memoria.

Alcuni bambini chiudono gli occhi quando sta per arrivare il cattivo, o cominciano a ridere ancora prima dell’arrivo di una parte divertente. Questo succede perché la scena gli risulta famigliare e li ricollega con i sentimenti provati in precedenza.

Negli adulti succede lo stesso. La ripetizione di canzoni, film o storie nel caso degli adulti è maggiormente associato alle emozioni; cioè alle sensazioni provate durante il film o la canzone.

processo ripetitivo

Processo ripetitivo: stimola la comprensione

Un modo dei genitori per partecipare in questo processo di apprendimento è condividere il proprio tempo con i figli. Vedete film insieme e fate attenzione alle reazioni del piccolo, mostrate sorpresa quando il piccolo vi annuncerà cosa succederà dopo.

Altra forma di stimolare la comprensione è fare domande riguardo il film o la storia. Che succederà adesso? Perché questo personaggio si comporta così? Questa tecnica mette alla prova l’attenzione del piccolo e fa sapere all’adulto il grado di comprensione del bambino.

Alcuni film possono produrre confusione o mal interpretati dai bambini. Per questo fare domande sulla storia può aiutarvi a chiarire al piccolo qualsiasi cosa gli sia sfuggita.