Il mio bebè sbava molto, che cosa devo fare?

· 21 agosto 2018
Una delle cose che facciamo in modo naturale fin da quando nasciamo è sbavare. L'aumento della salivazione apre le porte alla comparsa dei denti e all'ingestione di cibi solidi, anche se quando il bebè sbava molto può essere segno di alcuni problemi.

Il mio bebè sbava molto, che cosa devo fare? Si tratta di un interrogativo molto comune tra le mamme alla loro prima gravidanza, che si spaventano al vedere che il piccolo produce più saliva di quella che pensano dovrebbe produrre normalmente.

L’eccesso di saliva o lo sbavare sono normali nei neonati, e questo è dovuto al fatto che non sanno ancora inghiottire. A partire dai due mesi di età, il piccolo inizia a produrre saliva in eccesso; allo stesso modo, ciò avviene quando comincia il processo della dentizione.

Un bambino appena nato non produce molta saliva, ma con il passare dei mesi inizia una fase in cui succhia e morde tutto. È in questo momento che aumenta la produzione di saliva. Il neonato la produce senza rendersene conto; così, in modo naturale, sbava molto a causa di ciò, il che non accade con il latte.

Tutto dipende dal sistema di deglutizione. Quando si alimentano, i neonati compiono uno sforzo con i muscoli della bocca per succhiare tutto il latte. Al contrario, la saliva si produce da sola e rimane lì finché non trabocca.

Per questo caso, l’uso di un bavaglino è molto efficace. Il bavaglino infatti non permette che il corpo del bambino si bagni e lo mantiene caldo. Inoltre, dobbiamo stare attenti e mantenere asciutta la bocca del piccolo, per evitare che si irriti.

Il mio bebè sbava molto, quando devo preoccuparmi?

Quando un bebè è raffreddato, è normale che sbavi in modo eccessivo. Se notiamo che lo fa senza essere malato, è il momento di rivolgersi al pediatra.

Quando lo sbavare si prolunga per molto tempo, può significare che il bambino ha qualche problema del sistema nervoso che non permette alla deglutizione di avvenire adeguatamente.

Anche se il piccolo mangia male, e sbava molto mentre lo fa, può significare che ha dolore a deglutire. La causa, in genere, è una qualche infezione virale che gli provoca dolore o piaghe all’interno della bocca.

Bambino che mangia una fragola

“In generale, l’età media in cui il bambino smette di sbavare è intorno ai 18 mesi, anche se è molto variabile.”

Se vostro figlio sbava molto, corre il rischio che gli vada spesso la saliva di traverso o che abbia costantemente la nausea, così come può presentare delle difficoltà respiratorie. In qualunque tra questi casi, la cosa migliore da fare è mantenere la calma e portare il bambino dal pediatra per escludere qualsiasi patologia.

In ultima analisi, è anche importante riconoscere che il riflesso della deglutizione del neonato è immaturo e tende a metterci un po’ di tempo per svilupparsi.

Sarà solo a causa dei denti che il mio bebè sbava molto?

Chiaramente, una delle ragioni per cui un neonato sbava molto è per l’eruzione dei denti. Anche se tardano a spuntare, a partire dal secondo mese di vita i nuclei dentali iniziano a muoversi al di sotto delle gengive.

La saliva contiene enzimi che aiutano a combattere le possibili infezioni. È perciò che la sua produzione aumenterà dopo che sarà spuntato il primo dentino. In questa fase, il bambino probabilmente chiederà degli oggetti da mordere. Questi piccoli strumenti danno sollievo alle gengive del piccolo, ma causano una maggiore produzione di saliva.

Dall’altro lato, la prima cosa che scoprono i bambini sono le loro mani, e subito dopo inizieranno a portarsele alla bocca. In questo modo, esplorano nuove sensazioni. Giocando con le sue mani in bocca, il bambino stimola la salivazione e inizia a sbavare.

Questa attività è molto utile quando il bambino inizia l’alimentazione complementare. Ad esempio, afferrare gli alimenti e portarseli alla bocca lo porterà a poco a poco ad avviarsi da solo verso un’alimentazione complementare con cibi solidi.

Quando iniziano a mordere le proprie dita e giocano con la propria lingua, i neonati stimolano la salivazione, la quale è necessaria per ammorbidire e inghiottire gli alimenti.

Così, il bambino tende a mordere nella zona in cui sputano i denti; quest’area è quindi spesso gonfia e arrossata. La salivazione è abbastanza intensa e necessaria in questo momento, poiché mantiene idratata la zona ed evita infezioni.

Bambino con un anello massaggia gengive

La saliva e l’alimentazione

I nuovi sapori e le nuove sensazione che derivano dall’introduzione degli alimenti solidi stimolano le papille gustative e portano alla produzione di più saliva rispetto al solito. Il ruolo della saliva è agire da lubrificante e aiutare gli alimenti ad arrivare fino allo stomaco.

Dovete stare molto attente se la salivazione di vostro figlio va oltre quello che si considera normale; in generale, l’età media in cui il bambino smette di sbavare è intorno ai 18 mesi, anche se è molto variabile. Tutto dipenderà sempre dal suo livello di sviluppo, dall’accettazione dell’ingestione di cibi solidi e dal processo della dentizione.

È fondamentale non allarmarsi, così come tenere a portata di mano un bavaglino assorbente e un ciuccio è di grande utilità per aiutare il neonato in questo periodo. Scoprite e sfruttate con calma ogni fase della crescita del vostro bambino; ricordate in ogni momento che sia quelle positive che quelle negative sono fasi uniche e irripetibili.