La respirazione dei neonati: cosa c’è da sapere

· 9 agosto 2018
L'arrivo del bambino comporta tutta una serie di preoccupazioni. Per esempio quella per la respirazione irregolare che la maggior parte dei neonati presenta. A seguire vi spiegheremo tutto al riguardo, in modo che non vi preoccupiate inutilmente.
La respirazione dei neonati è uno dei fattori che maggiormente richiamano l’attenzione dei genitori. La prima cosa da sapere è che respirano molto più velocemente degli adulti, e hanno una respirazione irregolare.

Nonostante questa irregolarità respiratoria possa sembrare preoccupante, non c’è motivo di allarmarsi. Le diverse frequenze respiratorie sono del tutto normali e si stabilizzano con la crescita del bambino.

Se volete controllare che il piccolo respiri correttamente, dovete prestare attenzione al suo ritmo di respirazione. La respirazione dei neonati è diversa da quella degli adulti. In genere, un neonato fa dai 40 ai 60 respiri al minuto.

La respirazione dei neonati

Un neonato respira più velocemente di un adulto. Ciò è dovuto al fatto che non ha la capacità polmonare di trattenere una grande quantità di ossigeno. Ecco perché i neonati hanno bisogno di inspirare ed espirare con maggior frequenza.

Un adulto fa circa 18-20 respiri al minuto. D’altro canto, un neonato inspira ed espira tra le 40 e 60 volte al minuto.

Di sicuro, la respirazione dei neonati non ha un ritmo costante. Infatti, i loro respiri sono rapidi e superficiali. In alcuni casi sono molto lunghi e lenti, e sono seguiti da altri più brevi.

Quindi, i piccoli possono fare pause di un paio di secondi in cui non respirano del tutto. Questo fenomeno è conosciuto come il nome di ‘respirazione periodica’ ed è assolutamente normale nella maggior parte dei neonati sani.

Analogamente, se volte assicurarvi che il bambino abbia una respirazione normale, vi raccomandiamo di seguire i consigli menzionati di seguito:

  • Osservate il petto del bambino per una settimana e rilevate le irregolarità nel modo in cui questo si alza e si abbassa. Se il ritmo cambia, consultate il pediatra.
  • Ascoltate i suoni prodotti dal bambino mentre dorme. Vi raccomandiamo di avvicinare l’orecchio alla sua bocca o al suo naso per verificare la presenza di irregolarità nella respirazione.
  • Collocate la guancia vicino al naso o alla bocca del neonato per sentire il calore e l’umidità mentre respira. In questo modo riuscirete a osservare se avviene qualche cambiamento mentre il bambino dorme.
Mamma e neonato

Perché la respirazione dei neonati è rumorosa?

In molti casi, la respirazione rumorosa è provocata dal rumore dell’aria che fluisce sopra la saliva accumulatasi nella parte posteriore della gola del bambino. A differenza degli adulti, i neonati non sono in grado di schiarirsi la gola, di tossire quando lo desiderano e di controllare consapevolmente la respirazione.

Per questo, vi raccomandiamo di utilizzare gocce nasali di soluzione salina nei casi in cui la riteniate opportuna. Queste gocce aiutano a fluidificare le secrezioni nasali e a eliminare il muco che potrebbe ostruire le fosse nasali del neonato.

Tuttavia, prima di procedere con il lavaggio nasale, consultate il pediatra per essere sicuri che a provocare la respirazione rumorosa non sia una causa medica.

Di seguito le cause che possono provocare una respirazione dei neonati rumorosa:

  • Le vie respiratorie sono piccole. Questo vuol dire che il bambino non è in grado di inspirare molta aria alla volta. Ha bisogno di inspirare ed espirare con maggiore frequenza rispetto agli adulti.
  • Il neonato ha il naso piccolo.
  • Il naso può essere ostruito dal muco.
  • I neonati inspirano ed espirano dal naso.
  • Se è in atto una congestione nasale, questo fa sì che la respirazione sia più rumorosa.
  • L’eccesso di saliva si accumula nella parte posteriore della gola.
Respirazione dei neonati

In quali casi è necessario rivolgersi al medico?

Nei neonati, i sintomi minori possono peggiorare molto rapidamente. Per questo, vi consigliamo di rivolgervi immediatamente al medico nei seguenti casi:

  • Pause nella respirazione che durano più di 15 secondi.
  • Il neonato smette di respirare e la zona attorno alla bocca diventa flaccida, pallida o azzurrognola.
  • La pelle del neonato assume una colore azzurrognolo nei momenti di respirazione normale.
  • Il neonato vomita ripetutamente o non mangia bene. 
  • Febbre alta —38.0 ° C— o oltre.
  • Il bambino respira molto velocemente.

“Quando nascono, i neonati piangono perché sperimentano per la prima volta la separazione dall’amore”
—Kamand Kojouri—

Infine, ricordate che la respirazione dei neonati può essere accompagnata da alcuni rumori strani. Nella maggior parte dei casi non dovete preoccuparvi eccessivamente. State attente solamente nei casi che vi abbiamo illustrato anteriormente. Sono quelli che meritano un’attenzione particolare e la visita urgente di uno specialista.