Come pulire il biberon correttamente?

· 21 novembre 2018
Pulire il biberon correttamente è fondamentale per assicurarsi che i nostri piccoli non entrino in contatto con batteri o muffe.

Sapere come pulire il biberon correttamente e saper igienizzare gli altri utensili per nutrire un bebè è essenziale.

Esistono molti miti su come pulire il biberon correttamente. Vi diremo qui tutte le cose importanti che dovete sapere a proposito, per proteggere la salute del vostro bambino.

Dovete ricordarvi che i neonati non hanno il sistema immunitario completamente sviluppato. Pertanto, il loro organismo non è in grado di difendersi naturalmente da possibili batteri. Mettendosi tutto in bocca, corrono il rischio di prendere molte infezioni. Per questo, una pulizia profonda di ogni oggetto, specialmente durante i primi mesi di vita, non è un qualcosa da sottovalutare.

Come pulire correttamente il biberon di un neonato?

Ci sono varie tecniche per pulire adeguatamente il biberon e le tettarelleDovete tenere in conto che dopo aver alimentato il bambino, si deve lavare il biberon per togliere i resti di cibo. In questo modo, si evita la moltiplicazione di microorganismi dannosi per la sua salute.

La sterilizzazione è un tema su cui si dibatte per quanto riguarda l’igiene del biberon e della tettarella. Alcuni affermano che questo procedimento non è importante e che basta solo un po’ di acqua e di sapone. Tuttavia, sterilizzare il biberon è necessario soprattutto quando viene usato per la prima volta.

biberon sterilizzati

Si possono mettere in pratica due metodi semplici per sterilizzare il biberon.

Con il forno a microonde

Per realizzare questo tipo di procedimento, è necessario avere uno sterilizzatore adatto per il forno a microonde. Si tratta di un recipiente con dei fori sulla parte superiore o sulla base, dove viene aggiunta dell’acqua e vengono introdotte le parti che devono essere sterilizzate.

Prima di mettere in pratica questo metodo, si deve controllare che sul biberon non appaia un triangolo con le lettere PA. Quelli che le hanno potrebbero rovinarsi.

A freddo

Per implementare questa tecnica è indispensabile usare dei prodotti specifici, come delle pasticche o dei liquidi. Questi si dissolvono nell’acqua precedentemente bollita e, trascorso il tempo specificato nelle istruzioni, si toglie il biberon e si passa sotto l’acqua fredda.

Non è raccomandabile utilizzare le stesse pastiglie per varie applicazioni. Dovete usarne una nuova ogni volta.

Pulire solo con acqua e sapone: è sufficiente?

Questo è il metodo più efficiente e usato dai genitori, perché è di gran lunga il più facile. Appena il bebè finisce di mangiare, il biberon deve essere lavato per rimuovere i residui del cibo. Lo stesso vale per la tettarella e per il tappo.

Quando si sciacqua il biberon, si deve passare la spugna con il detergente in tutti i punti, specialmente sull’anello e sui bordi, che sono i posti in cui si accumulano molti residui. Esistono delle spazzole speciali per facilitare questo compito. Grazie alla loro forma, arrivano in punti difficili da raggiungere con la mano o con la spugna.

biberon dentro conca verde

Una volta terminato il lavaggio, la cosa migliore è lasciare che tutti i pezzi si asciughino in un luogo fresco e in modo naturale. Si possono mettere all’ingiù affinché cadano tutte le gocce evitando così di usare un panno per sveltire l’asciugatura.

Quando tutto è completamente asciutto, mettete il biberon in un posto privo di umidità e di polvere.

Ricordatevi che non c’è un protocollo definito per sapere come pulire correttamente il biberon, però potete ascoltare questi consigli e adattarli alle vostre possibilità.