Consigli per calmare il pianto del neonato

· 9 settembre 2018
Vogliamo darvi alcuni consigli per calmare il pianto dei neonati e tranquillizzarli.

Il pianto è molto comune nei neonati. Grazie a esso, possiamo sapere di che cosa ha bisogno il bambino, se gli fa male qualcosa o se non si sente a suo agio. Al riguardo, molti genitori principianti hanno un atteggiamento molto allarmista, perché credono che possa significare qualcosa di brutto, anche se non è necessariamente così. Tutti i neonati piangono. Ecco come potete imparare a calmare il pianto.

È anche vero che una situazione di questo genere tende a generare nei genitori una notevole dose di stress e stanchezza. A volte, anche di ansia. Non comprendono esattamente che cosa succede al neonato né come fare per tranquillizzarlo, cosa che, al principio, può spaventare. Per fortuna, l’essere genitori è una questione di pratica e, con il tempo, si impara a decifrare i segnali emessi dal bambino.

Alcune della cause che provocano il pianto sono piuttosto semplici: fame, sonno o dolore. In questo caso, esistono numerosi consigli utili che possono essere messi in pratica e che aiuteranno a calmare il pianto del neonato e tranquillizzarlo.

Che cosa posso fare per calmare il pianto del mio bebè?

Dategli da mangiare

Quando avrete imparato a identificare quali sono i segnali che utilizza per dirvi che ha fame, potrete anticiparlo. Prima di piangere, la maggior parte dei neonati compiono determinati gesti per far capire che hanno bisogno di mangiare. Per esempio, potrebbero schioccare le labbra o portarsi le mani alla bocca.

Fate attenzione ai suoi gas

Quando stanno poppando o bevendo dal biberon, i neonati ingurgitano aria, un’attività che produce molti gas. I bambini si sentono piuttosto a disagio, e bisogna cercare di far fare loro un ruttino. A questo scopo, il neonato va collocato sulla spalla del padre o della madre, per poi dargli qualche pacchetta sulla schiena.

Cambiategli il pannolino

È possibile che abbia il pannolino sporco e che si senta a disagio. Ogni tanto, controllate se è ancora pulito, perché potrebbe essere proprio questo il motivo per cui vostro figlio sta piangendo. Per fortuna, si tratta di un problema dalla soluzione semplice e veloce.

Dategli qualcosa da succhiare

Utilizzate un ciuccio o qualcosa di simile, che non corra il rischio di essere ingoiato. Di solito, la suzione è un’attività piuttosto rilassante per i neonati, perché dà loro sensazioni molto piacevoli. Si può usare senza alcun problema anche il seno della madre o un dito della mano.

Dargli qualcosa da succhiare è un ottimo sistema per calmare il pianto del neonato

Massaggi

Il movimento ritmico di un morbido massaggio è molto rilassante per i neonati. Inoltre, contribuisce anche all’espulsione di gas, che, come si diceva prima, dà loro un certo sollievo. Possiamo anche farli dondolare lentamente, perché ci sono bambini che hanno bisogno di essere costantemente in movimento.

Affidate il neonato ad altre braccia

Anche a se qualunque genitore piacerebbe essere capace di calmare il suo bebè, a volte c’è bisogno di aiuto. Lasciare che sia un’altra persona a calmarlo rilasserà entrambi, perché i bambini capiscono quando i loro genitori sono tesi e nervosi. Il pianto continuo può  arrivare a irritare molto una persona, cosa che influenza anche il modo in cui una persona tratta gli altri.

Calore materno

Sulla maggior parte dei neonati, il contatto con la pelle della madre ha l’effetto di calmare il pianto. Possono appoggiarsi al seno materno e ascoltare i battiti del suo cuore, ricevendone un grande senso di protezione.

Inoltre, i bambini così piccoli si sentono molto a loro agio negli ambienti caldi. Cosa c’è di meglio di quello offerto dal sua madre?

Attenzione ai vestiti

Alcuni bambini sono molto sensibili al contatto coi vestiti. Potrebbe esserci una piccola etichetta o un tessuto che lo sta irritando, facendogli male. Per risolvere questo problema, non c’è che da fare attenzione e fare in modo che i suoi vestiti siano morbidi e non contengano tessuti che grattano.

Non bisogna nemmeno dimenticare che è molto importante tagliare tutte le etichette. Bisogna evitare anche le scarpe troppo strette, perché possono ostacolare la circolazione del sangue.

Non c'è niente di meglio del calore materno per calmare il pianto del neonato

Fate attenzione ai suoi denti

È probabile che gli stiano spuntando i denti, soprattutto se ha un’età tra i tre e i sette mesi. Se ha bisogno di mordere, produce molta saliva e non vuole mangiare, è possibile che la causa sia la dentizione.

L’unico modo di calmare il pianto dovuto a questo fenomeno naturale consiste nel lasciare che morda, soprattutto cose fredde (non congelate) che contribuiscano a ridurre l’infiammazione delle gengive.

Andate dal medico

Un problema molto comune nei neonati sono le coliche, i cui sintomi sono costituiti da irritabilità e pianto eccessivo, soprattutto dopo aver mangiato. Se il bambino soffre di un pianto incontrollabile, la reazione più adatta potrebbe consistere nel chiedere a uno specialista. Probabilmente non si tratterà di nulla di grave, ma è meglio non avere dubbi. In questo modo, i genitori si sentono più tranquilli ed evitano di formulare ipotesi sbagliate.