Come sapere se vostro figlio vi ascolta quando parlate

· 6 Aprile 2019
Stabilire un contatto visivo, quando parlate,  è una buona tecnica per sapere se sta prestando attenzione, così come per richiamarla se non lo fa

Guardarsi negli occhi quando si parla è essenziale per stabilire un buon livello di comunicazione. Guardate vostro figlio negli occhi quando parlate con lui e assicuratevi che lo faccia anche lui. Stabilire un contatto visivo, quando parlate, è una buona tecnica per sapere se vi sta prestando attenzione, così come per attirarla se non lo sta facendo.

Inoltre, ricordate sempre che la cosa più importante per imparare a comunicare con vostro figlio è sapere che questa tecnica è essenziale per coltivare una relazione piena di cooperazione e comprensione.

Molti bambini – e ad essere onesti, anche molti adulti – non riescono a concentrarsi che su una sola attività. Ecco perché, prima di iniziare a parlare con vostro figlio, assicuratevi che vi stia guardando e, in caso contrario, chiamatelo per nome per attirare immediatamente la sua attenzione. Quando siete sicuri di avere la sua attenzione, iniziate a parlare.

Applicare queste semplici ma infallibili tecniche vi farà risparmiare tempo e frustrazione, perché, ad esempio, prima di chiedere qualcosa a vostro figlio, vi assicurate che sta prestando la dovuta attenzione e capisca quello che state per dirgli. Quindi, non dovrete ripetere la stessa cosa più e più volte, cosa non solo fastidiosa per te, ma anche per il bambino e per il resto della famiglia.

Anche il fatto di stabilire una buona ed efficace comunicazione con voi lo farà sentire meglio.

Stabilire una comunicazione efficace con vostro figlio ha i suoi vantaggi

Riuscire a fare in modo che vostro figlio vi presti attenzione vi aiuta a gettare le basi per un rapporto basato su una buona comunicazione. E facendolo e rendendo la comunicazione efficace, questa farà parte del vostro rapporto con lui adesso, che è ancora piccolo, e sempre … Si dice, infatti, che la base di ogni rapporto sano sia una buona comunicazione.

Inoltre, stabilire una buona comunicazione aiuta il bambino a sviluppare fiducia in se stesso e a consolidare le proprie relazioni con gli altri. Queste caratteristiche rendono la sua vita più piacevole e lo aiutano a raggiungere l’età adulta con buoni sentimenti verso se stesso, oltre ad alimentare la sua capacità di comunicare con gli altri.

Proprio questa capacità di stabilire e mantenere una buona comunicazione con vostro figlio vi porterà ad avere un rapporto stretto e di qualità, attraverso il quale potrete disegnare strategie di cooperazione ed esprimere i vostri sentimenti in modo sano.

Al contrario, una cattiva comunicazione porterà vostro figlio a fomentare relazioni frustranti, che si traducono in conflitti che lo portano a sentimenti di inutilità.

Quando parlate con vostro figlio guardatelo negli occhi

Suggerimenti per attrarre l’attenzione di vostro figlio quando parlate

Imparare a essere un buon comunicatore è un investimento eccellente non solo per voi ma anche per vostro figlio. Sicuramente, con il tempo, riuscirà ad imparare da te questa buona abitudine e avrà la possibilità di esprimersi in modo efficace e liberamente se glielo permettete e gli insegnate come farlo.

Tuttavia, adesso è necessario che i genitori – e gli adulti in generale – si concentrino su una comunicazione migliore con i bambini. Per raggiungere questo obiettivo, è possibile prendere idee da alcuni di questi suggerimenti tratti dalla guida intitolata Strategie di successo per parlare con bambini, pubblicata dal Dipartimento della sanità e dei servizi sociali dello stato di Washington.

Ascoltate attentamente vostro figlio:

Se volete che vostro figlio vi presti attenzione quando parlate, imparate ad ascoltarlo anche voi. Prestate attenzione a ciò che vostro figlio vi dice. Per riuscirci a volte è necessario smettere di fare quello che stavate facendo e altre volte potete guardarlo mentre continuare con le vostre faccende.

Di solito i bambini hanno bisogni di circa 30 secondi della vostra attenzione per condividere le loro scoperte, pensieri ed entusiasmi. Se siete molto occupati, potete dirgli che in quel momento non potete, ma che lo farete non appena potrete. Se lo fate, mantenete la vostra promessa e, soprattutto, non dovrete fingere di star ascoltando quando in realtà non lo state facendo, perché se ne accorgerà ed è anche possibile che un giorno sarà lui a farlo con voi.

Dare un messaggio chiaro quando parlate

Se volete che vostro figlio esegua un vostro ordine, allora chiedete cose semplici e una alla volta. Se il vostro obiettivo è fare il bagno, cenare e andare a dormire, chiedetegli queste cose una alla volta.

Dovete sapere che i bambini fanno del loro meglio per eseguire un ordine alla volta. A quell’età è difficile per loro ricordare una serie di ordini, quindi per comunicare con loro in modo obiettivo date ordini semplici.

Accovacciatevi quando parlate con lui

Buona comunicazione

Quando parlate con vostro figlio piccolo, accovacciatevi e sollevatelo in modo che possiate guardarvi negli occhi quando parlate. Ciò vi aiuterà ad attirare la sua attenzione e a stabilire una comunicazione più prossima ed efficace. Gridare non dà molti risultati e neppure dare ordini da lontano.

Avvisatelo in anticipo

Quando si tratta di importanti cambiamenti dell’attività e questi sono diametralmente opposti a ciò che sta facendo in quel momento, fategli sapere in anticipo cosa accadrà.

Quindi, per esempio, se vostro figlio si sta divertendo ed è felice giocando con i suoi amici, ma si avvicina l’ora di andare a casa e di andare a dormire, dovete dirgli cosa accadrà. Potete provare così: tra poco andremo a casa, quando ti chiamo saluta i tuoi amici e andiamo.

Dare istruzioni adatte alle loro possibilità

Se volete che vostro figlio di 2 anni metta a posto la sua stanza, e dite: “Figlio mio, metti a posto la tua stanza” è sicuramente un ordine impreciso, perché si sentirà confuso e non saprà cosa fare.

In questo caso è molto meglio dire “Mettiamo le scarpe nell’armadio” e quando lo fa, allora potrete chiedergli di aiutarvi a mettere i suoi giocattoli in una scatola e così via … finché non raggiungete l’obiettivo.

Un altro consiglio infallibile affinché vostro figlio vi presti attenzione e vi obbedisca è chiedere le cose con buon umore. Siamo tutti più disposti quando ci vengono richieste cose in modo gentile e accompagnate da un per favore.