Bambini che vogliono attenzioni: cosa c'è dietro e come agire?

Bambini che vogliono attenzioni: cosa c'è dietro e come agire?
Maria Fátima Seppi Vinuales

Scritto e verificato da la psicologa Maria Fátima Seppi Vinuales.

Ultimo aggiornamento: 17 dicembre, 2022

Un capriccio nel bel mezzo del supermercato o una scena di pianto al cancello del giardino. suonare un campanello? Tutte le madri hanno al loro attivo qualche storia di bambini che vogliono attenzioni. Ma cosa hanno in comune queste situazioni?

Per guidarci nella risposta è importante capire che non tutti i minori sono in grado di esprimere con le parole quello che gli accade, quindi lo fanno con i fatti. A seconda della loro età, i bambini troveranno modi diversi per esprimerlo. Si tratta di andare un po’ oltre e vedere quel fatto non solo come un capriccio, ma come “qualcos’altro”. Vediamo di cosa si tratta e cosa si può fare.

Quali sono le richieste di attenzione dei bambini?

Sono conosciuti anche come “capricci”, ma in realtà quando i bambini attirano l’attenzione è perché stanno attraversando una situazione di disregolazione emotiva. Sono frustrati o arrabbiati e hanno perso il controllo. Per questo hanno bisogno di una persona esterna che permetta loro di ritrovare la calma. Dobbiamo capire che c’è un altro messaggio da decifrare: “Mamma, qualcosa non va in me, mi sento così e ho bisogno di aiuto”. In questo momento, i bambini non hanno bisogno di sfide, urla o punizioni.

In che modo i bambini mostrano che vogliono attenzioni?

In generale, alcuni dei comportamenti più frequenti attraverso i quali i bambini cercano di trasmetterci un messaggio sono i seguenti:

  • Si comportano come se fossero malati.
  • Hanno capricci, rabbia o capricci.
  • Hanno crisi di pianto.
  • Ci provocano o ci sfidano.
  • Interrompono costantemente la conversazione.
I capricci nei bambini sono prevedibili e non accadono solo a casa nostra. Tuttavia, il modo in cui reagiamo e accompagniamo in quella situazione è ciò che farà la differenza.

Cosa possiamo fare al riguardo?

A volte sembra che un determinato comportamento venga disattivato solo cedendo alla richiesta. Tuttavia, non è così. In questi casi, ciò che si consiglia è cercare di distogliere l’attenzione o negoziare.

Ad esempio, possiamo dire quanto segue: “Capisco che ti senti così perché vuoi dormire dalla nonna, ma oggi non puoi. Quello che possiamo fare è invitarla a un pigiama party a casa un altro giorno.” Così, quando apriamo altri scenari, aiutiamo a focalizzare l’attenzione altrove, lontano dall’occhio del ciclone.

Come comportarsi quando i bambini vogliono attenzioni

Successivamente, esaminiamo alcune raccomandazioni da tenere a mente per affrontare una situazione di rabbia o capricci.

Stare calmi

Prima di tutto, dobbiamo prepararci a mantenere la calma. A volte reagiamo per rabbia o impazienza, e questo finisce per rendere più difficile una risposta adeguata. Può persino iniziare una scalata senza fine. Arrabbiarsi, urlare contro di loro, punirli o lasciarli soli non è la migliore via d’uscita.

Quello che possiamo fare è aiutarli a calmarsi e chiedere cosa possiamo fare per farli sentire meglio. Inoltre, teniamo presente che le ricette universali non sempre funzionano, poiché ogni bambino è unico. Per questo è importante lasciarsi guidare da ciò che sappiamo di loro, dal loro temperamento, dalla situazione e dal momento di sviluppo in cui si trovano.

Chiedersi come influenziamo quel comportamento

D’altra parte, possiamo anche chiederci come influenziamo questi comportamenti. Possiamo dedicare del tempo a quel bambino? Com’è quel tempo? Inoltre, possiamo approfondire il contesto di questo bambino, se sta attraversando una situazione particolare oa livello familiare, se c’è stato qualche cambiamento a scuola, tra gli altri. Questo può anche guidarci sia in ciò che senti sia in ciò che possiamo fare al riguardo.

Accompagnare i bambini e aiutarli a dare un nome alle proprie emozioni è un modo per loro di imparare a riconoscerle e poi a gestirle.

Rispondere con empatia ai bambini che vogliono attenzioni

È necessario che la nostra risposta sia di assertività ed empatia attraverso il dialogo. Dobbiamo cercare di pensare dal loro posto e non da ciò che ci aspettiamo da loro. Pertanto, una volta che riusciamo a calmarli, possiamo aiutarli a riflettere sul motivo per cui si sentono in quel modo e su cosa vogliono dirci.

Una volta che sono calmi, possiamo passare a una seconda fase di insegnamento. In esso li aiuteremo a pensare a come potrebbero esprimersi o comunicare in un’occasione futura.

Non facciamo con un bambino ciò che non faremmo con altre persone

Perché reagiamo male quando un bambino fa qualcosa che non ci piace per attirare la nostra attenzione? Perché li lasciamo soli o gridiamo più forte? Faremmo lo stesso con un amico o un altro adulto? Non vediamo l’ora che tu abbia sempre una risposta perfetta. Si stanno sviluppando e sono in una fase di apprendimento per affrontare il complesso mondo delle emozioni.

Sono gli adulti che devono essere pionieri e aiutarli, guidarli e consigliarli. Naturalmente, questo significa che oltre a porre limiti al comportamento indesiderato o inappropriato, convalidiamo le loro emozioni.

Infine, il modo in cui conteniamo le situazioni di stress o di angoscia durante l’infanzia sarà molto significativo per loro. Il messaggio che diamo loro è che li amiamo in ogni circostanza e non solo quando si comportano bene. In questo modo impareranno ad autoregolarsi in futuro.

Potrebbe interessarti ...
I capricci dei bambini: cosa ci insegnano?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
I capricci dei bambini: cosa ci insegnano?

I capricci dei bambini sono molto comuni. Ma è bene sapere che questi episodi dipendono in larga misura dall'educazione impartita



  • Goleman, Daniel. El cerebro y la inteligencia emocional: nuevos descubrimientos. B de Books, 2015.
  • Siegel, D. (2019). Disciplina sin lágrimas. Santiago, Chile: Penguin Random House Grupo Editorial

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.