Come deve essere uno spazio perfetto per lo studio?

26 marzo, 2020
Avere a disposizione uno spazio perfetto per lo studio facilita il processo di apprendimento dello studente.

È conveniente che i bambini e gli adolescenti conoscano diverse tecniche di studio per aumentare la concentrazione e il rendimento scolastico. Ma è altrettanto importante avere a disposizione uno spazio perfetto per lo studio.

Tale spazio può essere la stanza da letto, la biblioteca, lo studio, etc, purché riunisca una serie di caratteristiche per essere considerato un luogo appropriato per portare a termine tutto il processo relazionato allo studio.

Come deve essere uno spazio perfetto per lo studio?

Una prima caratteristica che deve presentare uno spazio perfetto per lo studio è che non deve mai cambiare. In altre parole, si consiglia di disporre di un posto fisso in cui svolgere i compiti scolastici.

Questo luogo di studio deve rispettare determinate condizioni ambientali relative a:

  • Il rumore.
  • L’ordine.
  • L’illuminazione.
  • La ventilazione e la temperatura.
  • La mobilia.
Bambino alla scrivania per studiare

Nelle righe a seguire spieghiamo più nel dettaglio quali sono le suddette condizioni. Cercate di ricrearle per far sì che vostro figlio possa studiare in modo più proficuo.

Il rumore

Il rumore è una distrazione esterna che può compromettere significativamente lo studio. Ascoltare determinati suoni, in particolar modo se sono fastidiosi, può causare la perdita di concentrazione. È inoltre consigliabile che eventuali persone che si trovano nelle vicinanze dello studente rispettino le sue responsabilità accademiche e non lo interrompano durante le sue sessioni di studio.

L’ordine

Uno spazio perfetto per studiare deve essere sempre ordinato e pulito. Questo perché tenere il materiale scolastico correttamente riposto e organizzato permette di trovare in fretta gli oggetti necessari.

Ciò aumenta l’efficacia e la produttività nella realizzazione dei compiti. Oltre a ciò, mantenere un’ottima igiene del luogo in questione favorisce anche la salute fisica dello studente.

L’illuminazione di uno spazio perfetto per lo studio

Un adeguato luogo di studio deve avere una buona illuminazione, poiché favorisce la percezione visiva. In tal senso, la luce più indicata in questi casi è quella naturale, ma quando non è possibile disporre di essa, bisogna optare per accendere una lampada da scrivania. In quest’ultimo caso, la lampadina deve essere a luce preferibilmente bianca e non superare i 60 Watt di potenza.

La ventilazione e la temperatura

Per potersi concentrare sullo studio, bisogna trovarsi in un luogo correttamente ventilato e con una temperatura gradevole, dato che il calore provoca una sensazione di sonnolenza, fatica, stanchezza, etc. Il freddo, invece, può causare malattie respiratorie, maggiore sforzo per mantenere alta l’attenzione, etc.

In seguito a ciò, conviene cambiare spesso l’aria della stanza (aprendo la porta, la finestra, etc) ed evitare di mettere i riscaldamenti a temperature troppo alte. Ma la stanza deve essere comunque adeguatamente riscaldata.

Bambina che studia

La mobilia

Per quanto riguarda i mobili di uno spazio perfetto per lo studio, sono due gli obiettivi da perseguire:

  • Una scrivania o un tavolo che sia proporzionale all’altezza dello studente e che sia abbastanza ampio per tenervi sopra tutto il materiale richiesto.
  • Una sedia su cui lo studente possa appoggiare correttamente la colonna vertebrale. Oltre a ciò, deve consentire di muoversi con facilità e adottare una postura confortevole. È conveniente anche che la si possa regolare in altezza e inclinazione, che dovrebbe essere leggermente curvata, per poter appoggiare bene la parte bassa della schiena.

È importante che nell’area di studio vi siano una scrivania e una sedia perché questi due elementi permettono allo studente di mantenere una corretta postura del corpo, il che è positivo per la vista, ma anche per prevenire certe lesioni fisiche.

La posizione migliore per sedersi consiste nel tenere la schiena e le gambe dritte, i piedi appoggiati al pavimento e la testa leggermente inclinata, rispettando una distanza di circa 30 centimetri dalla scrivania. Se, inoltre, è possibile inclinare il tavolo di circa 20 gradi, lo studente potrà leggere più comodamente.

Allo stesso modo, si consiglia di avere una libreria in cui poter organizzare tutti i libri, i quaderni, gli appunti, etc. In questo modo saranno facilmente accessibili per il loro uso o possibile consulta.

  • Dirección Universitaria de Educación a Distancia-DUED (s.f.). Técnicas de estudio. Módulo de Inducción. Lima: Universidad Alas Peruanas.