Il fallimento scolastico e la sua scarsa relazione con l’intelligenza

28 Novembre 2019
Molto spesso, il fallimento scolastico viene messo in relazione con la presenza di un'intelligenza limitata. Si tratta, però, di un pensiero molto semplicistico e del tutto sbagliato.

Il fallimento scolastico è un fenomeno che riguarda un gran numero di bambini e adolescenti di tutto il mondo. Infatti, è considerato uno dei grandi problemi dell’attuale sistema educativo.

Questo fenomeno viene spesso messo in relazione con studenti che presentano un basso livello intellettuale. Si tratta, però, di un pensiero del tutto sbagliato, perché, come vedremo nelle righe che seguono, le cause del fallimento scolastico sono molto differenti e non sempre sono legate a difficoltà di apprendimento.

Il problema del fallimento scolastico

Con “fallimento scolastico” ci riferiamo alle difficoltà nel raggiungimento degli obiettivi scolastici stabiliti dal sistema educativo, che possono manifestarsi sotto le forme seguenti:

  • Ricevere voti negativi.
  • Abbandonare gli studi.
  • Produrre un rendimento scolastico molto al di sotto delle potenzialità raggiungibili dalle capacità intellettuali.

Purtroppo, accade spesso di osservare la presenza di alcuni di questi comportamenti in scuole e istituti.

Secondo le statistiche ufficiali riferite al 2018 fornite da Eurostat sul tasso di abbandono scolastico in Italia, il 14,5% dei giovani tra i 18 e i 24 anni abbandona gli studi prima di ottenere un diploma di scuola secondaria di secondo grado. Si tratta di un dato molto preoccupante, perché la responsabilità dell’istruzione ricade su tutta la società. In questo senso, non c’è dubbio che c’è qualcosa che non funziona bene o che non viene svolto correttamente.

secondo numerosi psicologi, il fallimento scolastico presenta una scarsa relazione con l'intelligenza

“Quando un bambino è protagonista di un fallimento scolastico, non è il bambino a fallire, ma tutti noi adulti che ci troviamo intorno a lui”.

– Anonimo –

Che cos’è l’intelligenza e che relazione ha con gli studi?

Secondo lo psicologo Howard Gardner, l’intelligenza comporta la presenza delle capacità cognitive necessarie per risolvere un problema o per elaborare prodotti importanti in un determinato contesto culturale. Di conseguenza, si può dire che esistono molteplici tipi di intelligenza che ci aiutano a essere competenti in discipline differenti.

Così, ogni persona possiede una serie di limiti e potenzialità nell’ambito delle diverse aree della conoscenza. Il sistema educativo, però, si limita a valutare abilità intellettuali associate alle aree linguistica e logico-matematica. Pertanto, un gran numero di bambini si sentono frustrati di fronte alle richieste scolastiche poste dall’istituto, perché si trovano nella necessità di sviluppare altre competenze cognitive.

Inoltre, è importante segnalare che un alunno che presenta un buon rendimento scolastico non necessariamente possiede un alto coefficiente intellettivo, dal momento che i suoi voti possono essere dovuti a:

  • Dedicare molto tempo allo studio.
  • Sforzarsi per ottenere buoni risultati.
  • Possedere una forte motivazione scolastica.
  • Dimostrare un grande interesse nella materia.

“Nel migliore dei casi, sembra che dal coefficiente intellettivo dipenda solo il 20% dei fattori che determinano il successo”.

– Daniel Goleman –

Il fallimento scolastico e la sua scarsa relazione con l’intelligenza

Una volta che è stato compreso il concetto di intelligenza, è facile capire che il fallimento scolastico presenta una scarsa relazione con il livello intellettivo. Anche se l’intelligenza influisce sul rendimento scolastico degli studenti, esistono altri fattori interni ed esterni che determinano il successo o il fallimento nell’apprendimento.

sono molti i motivi che possono determinare il fallimento scolastico

Quindi, il fallimento scolastico può comparire per motivi differenti, come:

  • Mostrare un basso livello di attenzione e concentrazione in classe.
  • Possedere una memoria a breve termine limitata.
  • Presentare un’evidente mancanza di motivazione di fronte all’apprendimento.
  • Manifestare noia in classe.
  • Essere carenti di sostegno e di stimoli, sia a scuola che a casa.
  • Vivere in un contesto familiare e socioculturale povero e disfunzionale.
  • Soffrire di stress, depressione o ansia.
  • Presentare un qualche tipo di necessità specifica del supporto educativo.

Tutto ciò può impedire all’alunno di sviluppare le proprie qualità nella maniera corretta, portando di conseguenza al fallimento scolastico del bambino.

In definitiva, e come conclusione principale, si può dire che il fallimento scolastico può presentarsi in qualunque bambino, indipendentemente dalla sua età o dalle sue capacità intellettive. Di conseguenza, il sistema educativo ha il dovere di osservare attentamente la totalità del corpo studentesco e di aiutare quelli che presentano un basso rendimento scolastico.

A questo scopo, è necessario identificare le cause e mettere in pratica diverse misure, in funzione delle necessità di ogni studente, perché tutti i bambini hanno il diritto di ricevere un’istruzione di qualità e poter così trionfare negli studi e nella vita.

  • Gardner, H. (1998). Inteligencias múltiples. Barcelona: Paidós.
  • Sánchez-Ávila, A. (2010). El fracaso escolar: definición, causas, diagnóstico, prevención y tratamiento. Revista digital para profesionales de la enseñanza, (11). 
  • Tierno Jiménez, B. (1984). El fracaso escolar. Barcelona: Plaza y Janés.