Come motivare i bambini a collaborare in casa?

4 Luglio 2019
Il fatto che i vostri figli vi aiutino nei lavori di casa non solo vi servirà a mantenerla in ordine, ma vi servirà anche a fare in modo che apprendano una serie di valori e competenze che saranno molto utili per il loro futuro. Ecco come motivare i bambini a collaborare in casa.

Riuscire a motivare i bambini a collaborare in casa è una sfida che molte famiglie si trovano a dover affrontare ogni giorno. Spesso, molti genitori decidono di svolgere loro stessi i lavori di casa per evitare di entrare in conflitto con i propri figli. Ciononostante, sapevate che collaborare nelle faccende domestiche incoraggia l’apprendimento di valori e abilità da parte dei bambini?

Collaborare in casa fa bene ai bambini

Il dottore in filosofia e scienze dell’educazione Joseph Knobel ritiene che insegnare ai bambini a collaborare in casa sia importante, perché i lavori domestici rappresentano le prime responsabilità che i bambini si assumono nel corso della vita.

L’importanza della collaborazione in casa da parte dei bambini non si limita al mantenimento di una casa pulita e ordinata, ma si estende anche a un insegnamento di valori e abilità che saranno loro molto utili in futuro:

  • Responsabilità. Anche se svolgendo i lavori domestici i bambini non si divertono, dopo aver concluso un compito con successo si sentiranno più responsabili, grazie a quella sensazione di soddisfazione che è così confortante.
  • Capacità di discussione. Saper esporre le proprie idee, comunicare con chiarezza e cercare di raggiungere un accordo.
collaborare in casa insegna valori come la responsabilità e il senso di indipendenza

  • Lavoro di squadra. Imparare che, a volte, per raggiungere un obiettivo è necessario cooperare con gli altri.
  • Sensibilità ed empatia. Quando i vostri figli vi aiutano a pulire, scoprono e comprendono il duro lavoro che comporta la conduzione di una casa.
  • Indipendenza. Collaborando in casa, imparano a svolgere i lavori domestici in maniera efficace, utile per il futuro.

Secondo l’autore di bestseller Dan Pink, i lavori domestici fanno bene ai bambini perché insegnano loro che le famiglie si fondano su obblighi reciproci e che, in definitiva, i membri della famiglia hanno bisogno di aiutarsi a vicenda.

Cinque modi di motivare i bambini a collaborare in casa

1. Iniziate il compito con loro

Uno degli errori più frequenti commessi dai genitori è il fatto che si aspettano che i loro figli sappiano già come svolgere i compiti, per la loro semplicità o perché credono che i bambini li abbiano visti portarli a termine. Spesso, l’unica cosa di cui i bambini hanno bisogno per iniziare a collaborare in casa è che i genitori insegnino loro come svolgere le faccende domestiche.

Per esempio, raccogliere i giocattoli della camera può sembrare, a prima vista, un compito facile. Tuttavia, è possibile che vostro figlio non sappia dove collocarli correttamente, col risultato di sentirsi frustrato e decidere, alla fine, di rinunciare. Per questa ragione, invece di rimproverarlo, provate a domandargli se ha bisogno di aiuto. Il trucco consiste nell’aiutarlo a iniziare a svolgere il compito, per poi lasciare, a poco a poco, che sia lui a portarlo a termine.

2. Tutti devono avere delle responsabilità

Quando si tratta di educare un bambino nello svolgimento dei lavori di casa, uno degli aspetti più importanti è la ripartizione delle responsabilità all’interno della famiglia.

I bambini devono comprendere che tutti i membri della famiglia hanno le proprie responsabilità, naturalmente in base alle capacità di ognuno.

È importante saper scegliere i compiti adeguati che desideriamo assegnare ai bambini. Per esempio, scegliere un lavoro troppo difficile per la sua età può risultare frustrante, mentre uno eccessivamente semplice finirà per essere noioso.

3. Lasciateli essere ogni volta un po’ più autonomi

Proprio come in un posto di lavoro nel quale il capo non lascia spazio alle opinioni dei suoi dipendenti annullandone qualunque autonomia, nell’ambito familiare accade la stessa cosa.

È fondamentale dare ai bambini l’opportunità di esprimere la propria opinione. Consentendo loro di dire ciò che pensano, si incoraggia la sicurezza in loro stessi e, a poco a poco, si forma il loro senso di autosufficienza.

A mano a mano che si sentono più autonomi e indipendenti, i bambini saranno più motivati  a farsi carico dei lavori domestici e a svolgerli con molta più efficienza.

4. Lavoro di squadra

Quando desiderate che i vostri figli svolgano un lavoro domestico, fate in modo che ciò accada quando tutti i membri della famiglia stanno collaborando alla conduzione della casa.

Vostro figlio si sentirà parte di qualcosa e, lavorando in équipe insieme alla sua famiglia, la sua motivazione a collaborare aumenterà. Inoltre, dal momento che i lavori domestici saranno svolti insieme, vi assicurerete che vengano eseguiti correttamente.

il lavoro di squadra è molto utile per motivare i bambini a collaborare in casa

5. Che collaborare in casa sia un’altra delle tante abitudini familiari

Insegnate ai vostri figli, fin dall’infanzia, l’importanza di collaborare in casa. A poco a poco, i bambini assumeranno e regolarizzeranno le loro responsabilità, per poi, alla fine, trasformarle in un’abitudine.

Se stabilite in famiglia un determinato periodo di tempo della settimana da dedicare all’organizzazione e alla pulizia della casa, costruirete insieme un’abitudine familiare.

In questo modo, vostro figlio comprenderà che collaborare nelle faccende domestiche è una cosa necessaria e, infine, lo considererà una routine, un fenomeno del tutto normale, vedendo che tutti i membri della famiglia contribuiscono al buon funzionamento della casa.

“Dimmelo e lo dimentico. Insegnamelo e lo ricordo. Coinvolgimi e lo imparo”.

– Benjamin Franklin –

Fa bene anche all’unione della famiglia

Infine, riuscire a motivare i vostri figli a collaborare in casa può contribuire anche a costruire forti relazioni familiari. La suddivisione di compiti e responsabilità alleggerirà le cariche e le tensioni familiari, riducendo, di conseguenza, lo stress in famiglia.

In definitiva, se motiviamo i bambini a collaborare in casa nei lavori domestici, questi si sentiranno parte di qualcosa più grande di loro e, allo stesso tempo, impareranno competenze preziose per il loro futuro.

  • Knobel, J. (2013). El reto de ser padres. Ediciones B. España: Barcelona.
  • Pink, D. H. (2009). Drive: the surprising truth about what motivates us. Riverhead Books. Estados Unidos: Nueva York.