Le responsabilità per i bambini dagli 8 a 12 anni

28 ottobre, 2020
Per trasmettere ai bambini il valore dello sforzo e dell'impegno, è importante insegnare loro ad assumersi delle responsabilità sin dalla tenera età.

I nostri figli, man mano che crescono, hanno bisogno di essere sempre più autonomi e indipendenti. Pertanto, è importante assegnare loro delle responsabilità in modo progressivo. Ma quali sono le responsabilità per i bambini dagli 8 ai 12 anni? In questo articolo, vedremo quali compiti possono svolgere a seconda della fase di sviluppo e di maturazione in cui si trovano.

Tenete presente che assumere determinati obblighi durante l’infanzia è molto importante. Proprio così: i più piccoli, fin dai primi anni di vita, comprendono le conseguenze delle proprie azioni e decisioni. Inoltre, imparano a lottare, impegnarsi ed essere costanti. Vediamo insieme quali sono le responsabilità per i bambini dagli 8 ai 12 anni.

Quali sono le responsabilità per i bambini dagli 8 ai 12 anni?

Come sapete, l’educazione inizia a casa, quindi le prime responsabilità dovrebbero essere attribuite all’interno del contesto familiare per poi continuare a scuola e in altri contesti sociali.

Per questo, i bambini devono sentirsi motivati e devono sentire che possono raggiungere l’obiettivo attraverso il rinforzo positivo (complimenti, celebrazioni, manifestazioni di affetto come gli abbracci, ecc.). In generale, i bambini tendono ad agire in modo responsabile allo scopo di:

Bambino che si lava i denti.

  • Imitare i genitori o altri adulti che considerano come figure di riferimento.
  • Ottenere il riconoscimento dei genitori e l’approvazione sociale.
  • Raggiungere l’auto soddisfazione, dimostrando le proprie capacità.

Tuttavia, al fine di attribuire le giuste responsabilità, è importante rispettare le diverse fasi evolutive. Cioè, dovrete considerare quali compiti può svolgere un bambino in base alla sua età.

Responsabilità per i bambini di 8 anni

I bambini di otto anni possono aiutare a casa svolgendo le seguenti attività:

  • Fare acquisti semplici, come comprare il pane, il latte, il giornale, ecc.
  • Preparare la colazione.
  • Preparare la merenda per la scuola.
  • Conservare piatti e posate.
  • Sostituire la carta igienica.
  • Risparmiare denaro, conservandolo in un salvadanaio.
  • Preparare lo zaino per la scuola e organizzare il materiale scolastico.
  • Ordinare la stanza.
  • Prendersi cura dei propri effetti personali.
  • Pulire le finestre.
  • Apparecchiare e sparecchiare la tavola.

Responsabilità a 9 e 10 anni

I bambini di nove e dieci anni, oltre ad assumere le responsabilità sopra menzionate, possono anche:

  • Prendersi cura della propria igiene personale in modo autonomo (fare la doccia, lavarsi i denti, lavarsi il ​​viso e le mani, pettinarsi, eccetera).
  • Mettere in ordine i giocattoli e gli oggetti personali.
  • Scegliere e tenere in ordine i vestiti.
  • Fare i compiti per la scuola in modo indipendente.
  • Portare fuori la spazzatura.
  • Lavare i piatti e mettere in moto la lavastoviglie.
  • Mettere in moto la lavatrice.
  • Rifare il letto.
Bambino mette i soldi in un salvadanaio.


Responsabilità a 11 e 12 anni

I bambini di undici e dodici anni, che si trovano nella fase della pubertà, possono svolgere compiti molto più complessi che coinvolgono lo sviluppo di maggiori abilità e capacità. Pertanto, questi possono essere:

  • Organizzare e gestire il denaro.
  • Prendere i mezzi pubblici.
  • Preparare piatti semplici in cucina.
  • Pulire il bagno.
  • Pulire la cucina.
  • Fare la spesa.
  • Prendersi cura dei fratelli più piccoli se necessario.
  • Prendersi cura di un animale domestico.

Cose da sapere quando si danno delle responsabilità ai bambini

Per affidare dei compiti ai bambini, bisogna avere una mente aperta e fidarsi delle loro capacità. Altrimenti, se non vengono concesse loro delle opportunità di apprendimento autonomo, cresceranno capricciosi, inutili, incapaci di difendersi da soli o di prendere decisioni. Tutto ciò implica una chiara limitazione della libertà.

Pertanto, ai fini dello sviluppo dei più piccoli, è bene che siano autorizzati ad assumersi le proprie responsabilità. Ovviamente, queste responsabilità devono essere le stesse sia per i maschi che per le femmine, crescendo con un’educazione basata sulla parità di genere.

“Qualsiasi aiuto non necessario è un ostacolo per il bambino.”

-Maria Montessori-

  • Fernández, M.A., Idoate, J. L., Izal, M.C. y Labarta, I. (2007). Desarrollo de conductas responsables de 3 a 12 años. Gobierno de Navarra: Departamento de Educación y Cultura.
  • Tébar, C. (26 septiembre de 2017). Vida práctica en casa para todas las edades [Mensaje en un blog]. Montessori en casa. Recuperado de: https://www.montessoriencasa.es/vida-practica-montessori-en-casa/