Figli ribelli: come affrontare la situazione?

27 Marzo 2018

Doversi confrontare con dei figli ribelli può essere una grande sfida. Imparate a raccoglierla nella maniera giusta per aiutare i vostri figli nel migliore dei modi.

 

La prima cosa da sapere quando si ha a che fare con figli ribelli è che parte della loro personalità riflette il vostro temperamento. Molti degli atteggiamenti che hanno, i bambini li hanno imparato dall’esempio ricevuto tra le quattro mura domestiche. 

Tuttavia, ci sono anche altri fattori che interferiscono nella formazione di una personalità che sfida la figura dell’autorità.

La cosa migliore in questi casi è evitare le reazioni impulsive quando interagite con loro. In quanto adulti, dovete imparare a controllare le vostre emozioni e a evitare di emulare comportamenti che considerate inappropriati. Adottate le seguenti raccomandazioni per migliorare il rapporto che avete con i vostri figli

Di solito, dietro a questi problemi di comportamento c’è un’educazione troppo permissiva da parte dei genitori. Genitori che hanno difficoltà a far rispettare le regole, ad affrontare le sfide e le provocazioni dei figli o che spesso soccombono alle loro richieste per non doverli continuare a “sentire”.

–Úrsula Perona–

Che cosa fare se si hanno dei figli ribelli?

Scegliete le vostre battaglie con buonsenso

Quando il bambino è nella fase in cui si sta adattando alla società, farà molte cose che vengono considerate inaccettabili. Se per ciascuna di essere nasce una discussione o un conflitto famigliare , agli occhi dei vostri figli, le parole perderanno valore.

I comportamenti a cui dovete dare la priorità sono quelli che risultano pericolosi o offensivi. Sono questi che dovete combattere.

Per le azioni che hanno un livello di “gravità” lieve, scegliete strategie come trascorrere del tempo fuori. Ricordate che una disciplina coerente prevede delle conseguenze ai comportamenti inappropriati.

Figli ribelli

Fate un respiro e mantenete la calma

Se l’atteggiamento di sfida è dietro l’angolo, cercate di mantenere l’autocontrollo. Per correggere i vostri figli usate un tono di voce tranquillo ma serio e parole che non li feriscano né li scoraggino.

Nella vita di tutti i giorni fate ricorso ai suggerimenti e alle espressioni positive.  Un ambiente famigliare ricco di serenità e affetto può dare maggiori risultati di quanto possano fare discussioni e confronti aggressivi.

Assicuratevi anche di mettere bene in chiaro che voi giudicate quel particolare comportamento e non la persona. Il bambino deve sapere che l’amore che provate per lui è eterno e che state solo cercando di aiutarlo a migliorare.

Gestite la situazione con empatia

Il modo migliore di spiegare a un bambino che non deve aggredire è invitarlo a mettersi nei panni di chi viene aggredito. Insegnategli a pensare alle conseguenze e alle sensazioni negative che un simile comportamento può avere sugli altri.

 Se proverete a mettere in pratica questo suggerimento con i vostri figli fin da quando sono piccoli, una volta adulti saranno portati ad apprezzare maggiormente le persone che li circondano.

“L’accettazione è uno dei fattori da tenere in considerazione quando dovete affrontare dei figli ribelli”

Date loro delle opzioni

Potete ottenere l’atteggiamento desiderato nei vostri figli in molti modi che non provochino discussioni. Anziché ordinare loro con intransigenza di riordinare la propria camera, fate in modo che pensino di avere delle alternative tra cui scegliere.

Dividete le faccende domestiche in compiti più piccoli e offrite loro la possibilità di scegliere affinché le realizzino.

Quando un essere umano si sente importante e sa di avere il potere di decidere, si comporta in maniera responsabile. Offrite loro diverse possibilità, che giudicate accettabili e che portino al risultato che vi auspicate.

Pensate a delle soluzioni per gestire le emozioni

È naturale che certe circostanze ci portino ad alterazioni emotive. La vera lezione è far vedere ai nostri figli che ci sono diverse modi sani di esprimere quello che sentiamo e di eliminare le sensazioni negative. 

Ricorrete a tecniche di respirazione, invitateli a fare una passeggiata e, soprattutto, insegnate loro a non ferire l’altro in un momento di rabbia.

Dopo aver comunicato e gestito il disturbo, aiutateli a cercare delle soluzioni. Che cosa potresti fare per bloccare questa cosa che ti ha fatto sentire a disagio?  I bambini, a qualsiasi età, devono imparare a risolvere i propri conflitti, grandi o piccoli che siano.

Figli ribelli

Ammettete i vostri errori

Parte del vostro compito di adulti è accettare gli errori in quanto lezione di vita. L’esempio deve cominciare da voi. Molte volte commettiamo l’errore di dire cose che non sentiamo o non vogliamo fare, in preda all’impulso del momento.

Se succede, non esitate ad ammettere con coraggio che avete sbagliato qualcosa. Anche gli adulti possono sbagliare di tanto in tanto.

L’accettazione è un altro dei fattori da tenere in considerazione quando vi trovate ad affrontare dei figli ribelli. Sebbene la cosa fondamentale sia correggerli per evitare sofferenze in futuro, dovete anche fare uno sforzo per accettare la loro personalità.