Litigi tra bambini: quando e come intervenire?

Ci sono situazioni, durante i litigi tra bambini in cui non possiamo esitare a intervenire, come quando c'è violenza. Negli altri casi, la situazione deve essere analizzata.
Litigi tra bambini: quando e come intervenire?

Ultimo aggiornamento: 02 settembre, 2022

Gianni è a casa con i suoi figli e comincia a sentire che stanno litigando per un giocattolo. Dentro di lui scatta un allarme: intervengo o non intervengo? Alcune teorie diranno che è meglio continuare a guardare il conflitto da lontano, mentre altre incoraggeranno ad assumere un ruolo attivo. In questo articolo vi diciamo come e quando intervenire nei litigi tra bambini.

Tuttavia, prima di prendere posizione, bisogna tenere conto di un aspetto chiave: non esiste una verità universale, ma ogni situazione richiede osservazione, analisi e decisione. Dopotutto, questo è il nostro ruolo di adulti.

Quando e come intervenire nei litigi tra bambini

Di fronte a una lite tra bambini, molte volte non sappiamo come reagire. Lasciamo che gestiscano i loro problemi da soli o dovremmo intervenire? Questa è una domanda molto comune per adulti e operatori sanitari.

Innanzitutto, bisogna dire che non esiste una risposta valida per tutti, ma bisogna tenere conto di alcune circostanze. Sebbene ci siano ricerche che suggeriscono di non intervenire, dovete tenere presente che non tutte le circostanze sono uguali, quindi ogni situazione richiederà la propria soluzione. Vediamo quali sono.

Molte volte, il dubbio se intervenire o meno nelle liti tra bambini ha a che fare con quella vocina interna di iperprotezione. Tuttavia, occorre prestare particolare attenzione a non passare dalla protezione all’abbandono. Ecco perché è importante analizzare la situazione che si presenta e seguirla da vicino. Cioè, controllarne gli sviluppi.

Litigi tra bambini.
Nel caso di una rissa tra bambini, la situazione dovrebbe essere fermata e andrebbero ripristinati i limiti, ma non in modo aggressivo.

Quando intervenire nel conflitto

Ad esempio, una semplice rissa tra fratelli che vogliono usare lo stesso giocattolo non è la stessa di quando la situazione si aggrava e finisce con insulti e colpi. In quest’ultimo caso, non dobbiamo esitare a porre fine al conflitto e a stabilire dei limiti molto chiari : “in questa casa non risolviamo i problemi con la violenza”.

Ora, nel primo caso, se non riesci a trovare un accordo e uno dei ragazzi ci segue e accusa suo fratello di non voler condividere le sue cose, possiamo intervenire e aiutarli entrambi a smettere. Idealmente, pensa a come puoi risolvere il conflitto e trarre vantaggio da entrambi. In entrambi i casi sarà necessario tener conto della loro età e adeguarsi alle loro capacità di comprensione e alle loro capacità.

In quali situazioni NON possiamo non intervenire?

Non c’è bisogno di esitare quando vediamo che esiste una situazione di asimmetria e disuguaglianza che supera le reali possibilità di un bambino di difendersi. Ad esempio, quando ce ne sono diversi contro uno, quando ci sono prese in giro ricorrenti o quando c’è aggressività, tra gli altri.

Come intervenire nei casi di litigi tra bambini

Tuttavia, l’intervento non può essere fatto in alcun modo. È importante tenere conto di alcune considerazioni.

Scoprire le cause del conflitto

Prima di tutto, è importante sapere perché combattono. Non date nulla per scontato: ascoltate i bambini e scoprite cosa ha innescato il conflitto. Non si tratta di chiedere “chi ha iniziato” per trovare un colpevole, ma di capire cosa sta succedendo.

Evitate di essere aggressivi

In ogni intervento che facciamo con i bambini, dobbiamo essere d’esempio. In altre parole, se veniamo coinvolti in una situazione in cui cerchiamo di porre fine all’aggressività e alla violenza, non possiamo farlo mostrandoci aggressivi o violenti.

Gli adulti dovrebbero cercare il dialogo con i piccoli e tra di loro. Invece di rimproveri e punizioni, è meglio spiegare loro perché non dovrebbero combattere e aiutarli a trovare una soluzione al conflitto.

Dobbiamo cercare il dialogo, restare saldi e spiegare perché non dovrebbero combattere tra loro. Allo stesso tempo, i bambini devono essere aiutati a trovare una soluzione al conflitto agendo come mediatori.

Questo non significa che risolveremo il problema da soli, ma piuttosto che cercheremo tempo, spazio e impegno in modo che possano vedere come farlo. Quando siamo noi a dare loro la soluzione, il messaggio che lasciamo loro è che i problemi vengono risolti dagli altri.

Trasmettete dei valori ai più piccoli

È molto importante poter trasmettere valori come rispetto, pazienza e dialogo. Cioè, il nostro intervento implica lasciare una lezione, far sì che trovino modi sani per confrontarsi e trovare un punto di incontro con gli altri bambini. Pensarla diversamente non significa dover litigare. Iniziare a lavorare su questa idea con loro significa dare loro una chiave per il futuro.

Analizzate il vostro pensiero sui litigi tra bambini

Come per qualsiasi questione genitoriale, è molto importante conoscersi da adulti per identificare “ciò che è nostro” e ciò che è dei bambini. Molte volte, i nostri modelli ed esperienze educative ci impediscono di pensare ad altre alternative e semplicemente agiamo.

Se crediamo che lasciarli piangere o difendersi da soli li renda forti, la nostra risposta automatica potrebbe sempre essere quella di non intervenire. Qui corriamo il rischio che accada il contrario di ciò che ci aspettiamo, che si sentano soli, non protetti, insicuri e pensino di non poter contare su di noi.

Questo è il motivo per cui la genitorialità non può avvenire con il pilota automatico. Da adulti dobbiamo essere in grado di sapere quando e come intervenire in base a ciò di cui i bambini hanno bisogno. È necessario sapersi adattare alla situazione e all’età dei minori. In alcuni casi è pretenzioso aspettarsi che risolvano i propri problemi da soli, ma in altri è necessario dare loro lo spazio per farlo.

Potrebbe interessarti ...
Come mai i vostri figli litigano continuamente?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come mai i vostri figli litigano continuamente?

Se i vostri figli litigano in modo esagerato e troppo spesso, eccovi una serie di suggerimenti e consigli pratici che vi aiuteranno a risolvere il ...



  • Bilbao, Alvaro (2015) El cerebro del niño explicado a los padres.Plataforma Actual.
  • Piedrahita S., Laura Elvira, & Vinazco, Edna Lucía, & Martínez, Diego Andrés (2007). Significado de la violencia en niños de 6 a 12 años de una institución educativa perteneciente al sector oficial. Universitas Psychologica, 6(3),581-587.[fecha de Consulta 25 de Agosto de 2022]. ISSN: 1657-9267. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=64760310
  • Ares, M. S., & Bertella, M. A. (2015). Límites implementados por padres en la crianza de niños de 3 a 6 años. Avances En Psicología23(2), 203–221. https://doi.org/10.33539/avpsicol.2015.v23n2.163