Gestire l'aggressività nei bambini con alcune strategie

L'attività fisica è un buon modo per aiutare i bambini a rilasciare energia e a gestire l'aggressività al meglio. Ma non è tutto: stiamo per parlarvi di altre strategie utili.
Gestire l'aggressività nei bambini con alcune strategie

Ultimo aggiornamento: 28 maggio, 2022

Calciare, insultare, mordere, urlare o lanciare giocattoli sono solo alcuni dei tanti modi in cui l’aggressività si manifesta nei bambini. Questa situazione è piuttosto comune e richiede un duplice approccio: capire cosa sta succedendo al piccolo e guidarlo per imparare a gestire l’aggressività e le sue emozioni in modo sano.

Sappiamo che in pratica raggiungere questo obiettivo è molto più difficile di quanto si possa pensare, quindi condivideremo alcune strategie utili per quei momenti di tensione. Non perdetevele!

Cos’è l’aggressività nei bambini?

Per questo tipo di domande, non troveremo mai una risposta univoca. Piuttosto, è opportuno cercare di comprendere la situazione in tutta la sua complessità e alla luce di quel particolare bambino.

Cioè, tenendo conto della loro personalità, del loro contesto e della loro storia. Inoltre, è fondamentale evitare di catalogare il bambino, di fare analisi o diagnosi alla leggera o di apporre su di lui etichette dannose.

Un altro aspetto importante da considerare è che il cervello non è ancora completamente maturo durante l’infanzia e acquisisce gradualmente nuove abilità.

Per dirla semplicemente, all’inizio i bambini “sono tutti emozioni” perché il cervello inferiore domina il loro comportamento. Nel tempo i cervelli maturi si consolidano e da quel momento diventano capaci di integrare le esperienze e dare risposte più adeguate agli stimoli.

Nel frattempo, è illogico aspettarsi che un bambino reagisca come un adulto e dobbiamo comprendere l’importanza del nostro accompagnamento nello sviluppo delle sue capacità.

ragazzo arrabbiato frustrato compiti studio compiti libro quaderno tavolo matita rabbia pugno pugno bruxismo atm
La rabbia è un’emozione valida ed è necessario viverla fin da piccoli per gestirla in modo sano. Al contrario, l’aggressività è una delle conseguenze del rendere difficile una corretta gestione delle emozioni.

Strategie per imparare a gestire l’aggressività nei bambini

Al di là della tecnica genitoriale che decidiamo di implementare con i vostri figli, la gestione delle emozioni è un capitolo chiave e uno strumento fondamentale per la loro vita.

Se accompagniamo i bambini in modo che siano in grado di capire cosa sta loro succedendo, perché sta succedendo loro e cosa possono fare per cambiare quella situazione, raggiungeranno il benessere emotivo che vogliamo che raggiungano.

Scopri di seguito quali sono le strategie per gestire l’aggressività nei bambini.

1. Usate la tecnica del semaforo

Sebbene abbia delle varianti, la tecnica del semaforo è uno strumento molto utile per guidare il comportamento dei bambini e per far sì che imparino dalle proprie azioni.

Disegnate e dipingete insieme un grande semaforo, in modo da smontarlo e attaccarlo al muro. Quando sarete pronti, chiedete a vostro figlio di indicare le situazioni che lo infastidiscono, lo frustrano e lo fanno arrabbiare. Possono parlarne oppure possono scriverli su carta e poi devono incollarli accanto al colore rosso.

Poi chiedetegli di descrivere quelle situazioni che lo mettono a disagio o lo sconcertano. Ripetono il passaggio precedente, ma questa volta posizionano i poster nel colore giallo.

Infine chiedetegli quali sono quelle situazioni che lo rendono felice, che gli piacciono e che lo fanno stare bene. In questo caso, posizionali nel colore verde.

Una volta fatto tutto questo, aiutate il bambino a pensare a come si potrebbero risolvere le situazioni difficili e quali sarebbero i comportamenti migliori per riuscirci, senza ferire nessuno.

2. Insegnate loro a rilassarsi e a prendere un bel respiro

Date a vostro figlio alcune istruzioni per prendere fiato e gonfiare le guance come un palloncino. Quindi, lasciate che sgonfi e gonfi le guance per alcune ripetizioni. Inoltre, puoi dirgli di chiudere i pugni e metterci molta forza, quindi allentarli a poco a poco per sentire le sue mani leggere come carta.

In entrambi i modi, aiuterai il bambino a respirare e a rilassarsi, contribuendo così a ridurre l’aggressività.

3. Usate la musica come distrazione durante il conflitto

In questo modo riuscirai a regolare le emozioni. Tuttavia, allora è necessario riflettere su quanto accaduto e cercare di individuare cosa lo abbia portato ad agire in quel modo. Ciò faciliterà il processo di comprensione dei sentimenti.

4. Proporre alcune attività artistiche

Uno degli slogan usati anche per lavorare sull’aggressività è attirare emozioni. Quindi, quando qualcuno sembra arrabbiato, può avere i capelli arruffati, i denti serrati e la faccia rossa.

Questo è anche un modo per disinnescare i conflitti e aiutare i bambini a riflettere su come vedono se stessi (e cosa vedono gli altri) in questi momenti di tensione. Naturalmente, è importante accompagnarli durante l’analisi della situazione e l’apprendimento.

5. Promuove l’esercizio fisico

L’attività fisica è un modo per rilasciare energia e tensione, per produrre gli ormoni della felicità e raggiungere un maggiore benessere.

Bambini che giocano a calcio.
Lo sport è un’attività che offre molteplici benefici per la salute fisica ed emotiva. Inoltre, è un luogo dove puoi incanalare le tue energie e rilassare il corpo e la mente dallo stress della giornata.

Consigli finali per gestire l’aggressività

Un altro modo per aiutare i bambini a parlare delle proprie emozioni è socializzare e condividere le nostre. Possono sentirsi identificati con loro ed essere motivati a chiederci più cose che fungono da esperienza. Inoltre, imparare a dare un nome al modo in cui ci sentiamo ci aiuta anche a rilassarci.

Non aspettate, però, che si sviluppi l’aggressione: dovete intervenire in anticipo. Cioè, se possiamo anticipare un conflitto, è importante farlo.

Infine, è essenziale che gli adulti siano dei buoni modelli di comportamento. Siamo la principale fonte di apprendimento per i bambini e se ci vedono sopraffatti, penseranno che questo sia il modo appropriato di agire.

Cerchiamo di mantenere la calma nelle situazioni avverse ed evitiamo di agire in modo aggressivo, sia con urla che con un altro tipo di violenza.

Gestire la rabbia non è come gestire l’aggressività

La rabbia fa parte della nostra gamma emotiva e dobbiamo lasciarla emergere. In effetti, i bambini devono avere una varietà di esperienze per imparare a riconoscere ciò che gli piace, ciò che non gli piace, come si sentono e quando si sentono bene o male.

Tuttavia, è importante differenziare la rabbia o la rabbia dall’aggressività e dalla violenza. Quest’ultima va intesa come una difficoltà nella gestione delle emozioni e va riorientata. È

necessario intervenire tempestivamente per fornire ai bambini le risorse necessarie affinché possano trovare soluzioni alternative ai loro problemi.

Potrebbe interessarti ...
Come affrontare l’aggressività infantile?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come affrontare l’aggressività infantile?

L'aggressività infantile può avere diverse cause e spiegazioni. In che modo è possibile affrontare atteggiamenti di questo tipo?



  • Parra, M. D. P. G. (2009). Intervención musicoterapéutica para promover la prosocialidad y reducir el riesgo de agresividad en niños de básica primaria y preescolar en Bogotá, Colombia. International Journal of psychological research2(2), 128-136.
  • Noroño Morales, N. V., Cruz Segundo, R., Cadalso Sorroche, R., & Fernández Benítez, O. (2002). Influencia del medio familiar en niños con conductas agresivas. Revista cubana de Pediatria74(2), 138-144.