Il lato positivo della maternità e l'altra faccia della medaglia

23 febbraio, 2021
La maternità è un'esperienza piena di meraviglia e di gioia, ma ha anche un suo "lato oscuro". A cui però si può sempre guardare con sguardo positivo.

La maternità è una tappa meravigliosa nella vita di una donna. Alcuni giorni, però, prevalgono solo gli aspetti che consideriamo negativi: stanchezza, poco riposo, mille cose da fare e poco tempo a disposizione. In questo articolo vi parleremo del lato positivo della maternità.

Nonostante gli aspetti negativi menzionati in precedenza, la maternità presenta molti aspetti positivi. Avere un figlio è una benedizione che va ben oltre le preoccupazioni. Si tratta solo di scoprire e valorizzare il lato positivo dell’essere madri.

Pensate agli ultimi anni passati con i vostri bambini. Probabilmente, sono stati faticosi, intensi e difficili. Tuttavia, per voi, è stato un periodo importante di crescita personale. Non vi sentite felici quando il vostro bambino illumina le vostre giornate?

L’amore di una madre è paziente e comprensivo. Quando tutti gli altri vi abbandonano, non fallisce mai e non vacilla, anche se ha il cuore spezzato.

-Helen Rice-

Il lato positivo della maternità

In genere, si attribuiscono alla maternità molti aspetti negativi che vanno oltre i sacrifici e gli sforzi quotidiani che a volte mettono in crisi le madri. Le madri lo sanno bene e sono in grado di attraversare le tempeste emotive più intense. Le madri sanno che possono farcela meglio di chiunque altro per i seguenti motivi:

Famiglia con neonato.

  • La comparsa di un amore incondizionato. Una madre scopre nel suo cuore un nuovo modo di amare la vita. Un amore senza limiti, eterno, puro e vero si presenta senza che abbiate la possibilità di controllarlo. È un unione potente quella che si ha con i propri figli, il legame più intenso e speciale che si possa sperimentare.
  • La scoperta di un’enorme pazienza. Un’abilità di cui non eravate a conoscenza. Pensavate di non avere questa virtù, ma la maternità vi ha permesso di scoprirla. E non solo la possedete, ma potete utilizzarla per crescere i vostri figli. Questo vale soprattutto quando i bambini fanno i capricci e voi li educate emotivamente basandovi su questo dono.
  • La giusta ridefinizione delle priorità. Le unghie, i capelli, i vestiti e altre cose da donne non fanno più parte dei vostri obiettivi primari. Il primo posto è occupato da tutto ciò che riguarda i vostri figli. L’obiettivo finale è la loro felicità e comprendete che c’è qualcosa più importante di voi stesse.
  • La costruzione di un futuro. Affrontando la maternità in modo responsabile, non vedete l’ora di un domani migliore. Non solo per vostro figlio, ma per tutta l’umanità. Si comprende che se si danno dei valori oggi, saranno utili per il futuro di vostro figlio.
  • Un nuovo modo di vedere la vita. Quando si diventa mamme, si vede la vita in modo diverso. Tutto ha un senso. Si percepisce e si vive intensamente ogni momento che riguarda la maternità, questa fase straordinaria nella vita di una donna. Ci si sente felici e fortunate.

Il lato “B” del sacrificio

Sicuramente molte madri staranno pensando alle notti insonni, ai capricci dei bambini, ai rimproveri e alle punizioni che hanno dovuto impartire. Ma c’è molto di più. E anche se questi aspetti vi sembrano negativi, presentano dei lati positivi:

  • Meno ore di sonno, più tempo accanto ai vostri figli. Le lunghe notti passate a calmare e a confortare il vostro bambino, tra pianti e momenti in cui avete perso la pazienza, in cui vi sentivate stanche e sfinite, possono comunque farvi vedere il lato positivo della maternità. Avete avuto la possibilità di passare più tempo con vostro figlio e godervi la sua presenza. In fondo, voleva solo ricevere quelle coccole e quell’affetto che voi amate tanto dare.
  • Meno tempo da sole e più tempo con la migliore compagnia che ci possa essere. Forse, nei giorni no, vi poteva dare fastidio avere il bambino sempre intorno a voi. Ma questa è la prova che non sarete mai più sole. Inoltre, la compagnia di vostro figlio è la migliore che ci possa essere. È il vostro primo ammiratore e ha verso di voi un amore puro e incondizionato.
  • I capricci ed i pianti? Quale occasione migliore per coccolare vostro figlio? Anche in questi momenti critici si può trovare il lato positivo della maternità. Dovete saper cogliere l’opportunità di poter stabilire dei legami più profondi, di rafforzare la comunicazione e migliorare la sua intelligenza emotiva. E soprattutto, per abbracciare e baciare vostro figlio.
  • Non si ferma un momento! È un buon segno, significa che vostro figlio è in buona salute. Se avete un bambino rumoroso, irrequieto e ribelle, consideratevi fortunate. Al contrario, se il bambino non mostrasse la sua felicità in questo modo, significa che ci sono dei problemi. Bisogna vedere il lato positivo.

Il lato positivo della maternità, una condizione meravigliosa

Neonato che tiene la mano del padre.

Senza alcun dubbio, la maternità è in grado di dare alle donne un’incredibile forza mentale, fisica e spirituale. Sembra incredibile quello che riescono a fare le mamme quando si tratta del benessere e della felicità dei loro bambini. Sono proprio i bambini la fonte di ispirazione e motivazione delle madri.

Le donne capiscono nuovamente cosa significhi vivere libere dagli stereotipi creati nel corso degli anni. Quindi, cantare, dipingere, correre, mangiare dolci, ballare sotto la pioggia e giocare con il fango sono attività che potrete fare con i vostri bambini divertendovi e passando dei bei momenti insieme.

Grazie ai figli si possono apprezzare le cose semplici della vita e comprendere che ciò che è prezioso non si misura dal suo valore materiale. Lo sguardo innamorato dei figli, i loro sorrisi e il loro amore sincero e profondo nei vostri confronti non ha prezzo.

  • Bowlby, J. (1986). Vínculos afectivos: formación, desarrollo y pérdida. Madrid: Morata.
  • Bowlby, J. (1995). Teoría del apego. Lebovici, Weil-HalpernF.
  • Garrido-Rojas, L. (2006). Apego, emoción y regulación emocional. Implicaciones para la salud. Revista latinoamericana de psicología, 38(3), 493-507. https://www.redalyc.org/pdf/805/80538304.pdf
  • Marrone, M., Diamond, N., Juri, L., & Bleichmar, H. (2001). La teoría del apego: un enfoque actual. Madrid: Psimática.
  • Moneta, M. (2003). El Apego. Aspectos clínicos y psicobiológicos de la díada madre-hijo. Santiago: Cuatro Vientos.