La metafora della canna e del pesce applicata all'educazione

La metafora della canna e del pesce estrapolata al mondo della formazione ci mostra l'importanza che lo studente sia un attore attivo nel suo processo di insegnamento-apprendimento.
La metafora della canna e del pesce applicata all'educazione

Ultimo aggiornamento: 06 settembre, 2022

Le ultime tendenze educative mirano a promuovere l’autonomia degli studenti attraverso la loro partecipazione attiva. La metafora della canna e del pesce applicata al mondo della formazione insegna l’importanza di offrire esperienze di apprendimento significative che promuovano l’empowerment degli studenti.

La metafora della canna e del pesce: un approccio incentrato sullo studente

“Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita.”

Questo proverbio cinese è stato a lungo riflettuto in materia di economia, sviluppo e povertà, e messo in pratica con maggiore o minore successo. Tuttavia, sebbene non garantisca sempre il successo, a volte ha dato risultati positivi nell’area dell’istruzione.

Applicare la metafora della canna e del pesce in didattica significa favorire l’autonomia dello studente nel suo percorso didattico, offrendo significative esperienze di apprendimento in classe.

Gli studenti alzano le mani in classe per imparare grazie alla metafora della canna e del pesce.

Cioè, per dare un senso a quanto appreso in classe e per gli studenti per poterlo estrapolare alla realtà. Ciò si ottiene con quelle che attualmente sono intese come metodologie di apprendimento attivo.

Utilizzando opzioni metodologiche come l’apprendimento basato su progetti o l’apprendimento di servizi, rendiamo lo studente il protagonista del proprio processo di insegnamento-apprendimento. Cioè, diventa un agente attivo nella sua educazione.

In questo modo, se non avanziamo e superiamo le classiche spiegazioni con PowerPoint in cui vengono trasmesse solo informazioni, i pesci, cioè gli studenti, parteciperanno in modo passivo al loro apprendimento.

Tuttavia, se queste spiegazioni sono accompagnate da dibattiti in cui viene incoraggiato il pensiero critico degli studenti ed esercizi e lavori pratici in cui lo studente può applicare quanto appreso in classe al proprio contesto; daremo vita a significative esperienze di apprendimento.

Idee per creare esperienze di apprendimento significative

  • Usare le conoscenze pregresse. Come sottolineano i dottori in psicologia dell’educazione Helen Hanesian e Joseph Novak della Cornell University, le persone imparano attraverso i concetti che già abbiamo. In questo modo, sarà più facile per gli studenti costruire nuove conoscenze se possono usare le proprie come base.

“Per imparare è necessario mettere in relazione il nuovo apprendimento dalle idee precedenti dello studente”.

-María Rosel Bolívar Ruano-

I bambini imparano l'ortografia in classe utilizzando le app sul tablet.

  • Svolgere attività che richiedono un contatto diretto con l’ambiente. Le metodologie attive, come il service learning, sono molto utili per generare un apprendimento significativo, perché coinvolgono lo studente nel proprio contesto. Li rende consapevoli della propria realtà e possono associare ciò che hanno imparato in classe, dandogli un significato.
  • Coinvolgere le emozioni nell’apprendimento. Non c’è dubbio che le emozioni determinano che una situazione o un aneddoto diventano significativi se sono stati intensi, generando così un ricordo profondo. Inoltre, se svolgiamo esperienze di apprendimento che coinvolgono l’esperienza delle emozioni, non solo favoriremo l’apprendimento degli studenti, ma saremo anche in grado di sfruttare il momento per guidarli nella gestione emotiva.
  • Partecipazione attiva. È vero che i dibattiti e le riflessioni favoriscono un apprendimento significativo mentre aiutano a sviluppare il pensiero critico degli studenti. Tuttavia, frequentare passivamente questo tipo di attività non garantisce che lo studente stia vivendo un’esperienza di apprendimento adeguata.

Sulla metafora della canna e del pesce nell’educazione

Grazie a questo approccio che pone lo studente come agente attivo del proprio apprendimento, si favorirà la sua autonomia sviluppando una serie di abilità e abilità positive per il suo buon sviluppo nella società.

L’insegnamento per imparare pone le basi affinché lo studente acui la sua curiosità e intraprenda, da solo o in gruppo, progetti di apprendimento che lo portino a risolvere i problemi che si presentano.

È anche capire che negli strumenti di ricerca appresi e forgiati nell’ambiente scolastico e di interazione, gli elementi per diagnosticare e comprendere la realtà e assumerne la trasformazione, a seconda dei bisogni soddisfacenti.

È educazione al servizio della vita. L’educativo’, è ciò che ci permette di sviluppare le capacità di vivere insieme, di essere e di fare la nostra parte nel compito di tutti”.

Potrebbe interessarti ...
5 canali YouTube per lavorare sull’educazione emotiva con i bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
5 canali YouTube per lavorare sull’educazione emotiva con i bambini

L'educazione emotiva è essenziale per chiunque e su YouTube ci sono canali che funzionano come ottimi strumenti educativi.