Lavorare sulle emozioni attraverso il teatro

1 Febbraio 2019
Il teatro è uno strumento perfetto per imparare a gestire le emozioni. In questo articolo vogliamo illustrarvi alcuni esercizi per riuscirci, ovviamente dopo avervi spiegato tutto quello che c'è da sapere sull'argomento.

Il teatro è un’attività che offre molti benefici terapeutici. La recitazione è una disciplina che permette di lavorare, liberare ed esprimere i sentimenti. Ecco perché in questo articolo vorremmo illustrarvi in che modo lavorare sulle emozioni attraverso il teatro.

Esprimere gli aspetti più oscuri dell’esperienza umana può essere estremamente confortante per le persone. Recitare offre infinite possibilità di esplorare le zone d’ombra e tutto ciò che è sepolto nella parte più profonda di una persona.

Il fatto di interpretare un personaggio, dà la possibilità di trasformarsi a livello personale. Analogamente, l’aspetto più importante di esprimersi in modo creativo permette alla persona che recita di tirare fuori i lati più oscuri di sé.

Interpretando personaggi tirannici, egoisti e distruttivi, viene liberata l’energia negativa che fino a quel momento era rimasta repressa e intrappolata dentro all’attore.

Ed è importante esternare queste emozioni negative. Non farlo, infatti, potrebbe dare adito a seri problemi di salute psicologica e mentale.

Continuate a leggere, vediamo insieme come lavorare sulle emozioni attraverso il teatro.

Il teatro contribuisce allo sviluppo dei più giovani

Il teatro contribuisce allo sviluppo e al benessere degli individui. Per i giovani è un’opportunità per imparare a gestire le emozioni, sperimentando e interrogandosi sul rapporto con il proprio corpo, con l’altro, con la bellezza, con l’ideologia e con i valori. Tutti temi molto importanti di questi giorni.

Nel teatro gli adolescenti trovano un insieme di situazioni ed emozioni che sperimentano tutti i giorni, ma che trascendono un po’ la dimensione artistica. Ciò significa che oltre a vivere un’esperienza gratificante, costruiscono il proprio rapporto con il mondo.

Tra le altre cose, il teatro offre ai più giovani la possibilità di conoscere il proprio corpo, le proprie emozioni, le proprie reazioni. Sviluppa in loro la capacità di ascolto, di lavorare in gruppo, l’empatia. Li aiuta anche a migliorare i rapporti interpersonali e la propria autostima.

Il teatro aiuta i giovani a lavorare sulle emozioni, liberandole e tirandole fuori.

Di per sé il teatro genere una spazio in cui poter dare vita a diverse situazioni, che vengono sfruttate ogni volta in maniera diversa ricreando e interpretando ruoli diversi.

Di fatto, sono sempre di più le scuole che hanno inserito il teatro nel proprio programma didattico, poiché l’educazione alle emozioni riveste un ruolo fondamentale nel corretto sviluppo delle persone.

L’idea di poter contare su lezioni di teatro permette agli studenti di lavorare su questo aspetto. E ciò rappresenta un modo eccellente per metterli in contatto e insegnare loro a gestire le emozioni.

Esercizi per imparare a lavorare sulle emozioni attraverso il teatro

Per imparare e gestire le emozioni attraverso il teatro esistono alcuni esercizi molto semplici. Prendete nota, ve li illustriamo di seguito:

1. Dado per esprimere le emozioni

Per eseguire il primo esercizio avete bisogno di un dado grande. Su ogni faccia ci sarà l’emozione su cui volete lavorare. Per esempio, potete mettere la tristezza, l’ammirazione, la paura ecc.

Gli alunni devono sedersi in cerchio e ognuno di loro deve tirare il dado a turno. Dopo aver tirato il dado, lo studente deve dire ad alta voce quale emozione gli è uscita e deve raccontare un episodio passato in cui ha provato questa emozione.

“Esprimersi in modo creativo permette alla persona che recita di tirare fuori i lati più oscuri di sé.”

2. Gioco di ruoli

Questo secondo esercizio è, indubbiamente, il più divertente dei tre. Sono necessari diversi partecipanti, che devono portare avanti una conversazione tra loro rappresentando diversi ruoli ed emozioni.

Per lavorare sulle emozioni esistono degli esercizi molto interessanti da fare insieme

3. Indovina le emozioni

Infine, vi presentiamo un esercizio molto semplice per lavorare sulle emozioni. Come nella prima attività, i bambini devono sedersi in cerchio uno di fianco all’altro. Ogni partecipante deve rappresentare un’emozione e i compagni devono indovinarla. Quando ci riescono, si passa il turno passa al partecipante successivo.

Per concludere, dobbiamo sottolineare che il teatro è uno strumento fantastico per lavorare sulle emozioni dei giovani. Ma non solo, anche su quelle degli adulti! Tutti possono sfruttare le capacità che si sviluppano con il teatro.

Questa attività permette alle persone di controllare le emozioni in modo positivo e di sviluppare delle capacità indispensabili per la crescita persona e sociale.

Facendo teatro si migliora la propria autostima, l’empatia, il senso di responsabilità, la capacità di lavorare in gruppo e la fiducia in se stesso. Non solo, facendo teatro aiutiamo gli altri a migliorare se stessi.

  • Daste C.; Jenger, Y. y Voluzan, J. (1978). El niño, el teatro y la escuela. Madrid: Villalar.
  • Eines, J. y Mantovani, A. (1997). Didáctica de la Dramatización. Barcelona: Gedisa.
  • Navarro Solano, M. (2007). Drama, creatividad y aprendizaje vivencial: algunas aportaciones del drama a la educación emocional. Cuestiones pedagógicas, 18, 163-174. https://idus.us.es/xmlui/bitstream/handle/11441/12845/file_1.pdf?sequence=1
  • Núñez Cubero, L. y Romero, C. (2004). La educación emocional a través del lenguaje dramático. Addenda a la II Ponencia: Los lenguajes de las Artes. Escenas y Escenarios en Educación, XXII-Site-Sitges Conference.
  • Núñez Cubero, L.; Bisquerra Alzina, R.; González Monteagudo, J. y Gutiérrez Moar, M.C. (2006). Emociones y educación: una perspectiva pedagógica. En J.M. Asensio; J. Carrasco García; L. Núñez Cubero y J. Larrosa (Coords.) La vida emocional. Las emociones y la formación de la identidad humana (171-196). Barcelona: Ariel.
  • Tejerina, I. (1994). Dramatización y teatro infantil. Dimensiones psicopedagógicas y expresivas. Madrid: Siglo XXI.