Quando la maternità provoca una crisi d'identità

La nascita di un bambino ci trasporta in una nuova fase della nostra vita, che può non corrispondere agli obiettivi che ci eravamo prefissate e farci cadere, così, in una crisi d'identità.
Quando la maternità provoca una crisi d'identità

Ultimo aggiornamento: 14 luglio, 2021

Quando la maternità provoca una crisi d’identità è facile sentirsi smarrite e anche un po’ aliene rispetto al mondo che ci circonda. Eppure, sembra inevitabile attraversare una crisi dopo aver avuto un bambino. Se parlate con le altre madri, scoprirete che quasi tutte ci sono passate. Che avvenga dopo pochi giorni, pochi mesi o anche pochi anni dopo essere diventate madri, non c’è dubbio: la maternità provoca un grande cambiamento di identità e talvolta porta a vivere una vera e propria crisi.

Prima del bambino e della crisi d’identità

Prima di avere un figlio, molte donne sono convinte si tornare al lavoro dopo il congedo di maternità, per riprendere la propria carriera. Più tardi, però, si rendono conto che il lavoro a tempo pieno potrebbe non essere l’opzione migliore. A quel punto si trovano disorientate, e non sanno più che piega prenderà la loro vita.

Quando la maternità provoca una crisi d'identità

Le neomamme sperimentano costantemente dei cambiamenti di priorità, che sono positivi e pienamente attesi. Tuttavia, questi cambiamenti possono far precipitare l’equilibrio in diversi ambiti della vostra vita. Avrete probabilmente meno tempo per divertirvi con la vostra famiglia e i vostri amici, e sarete costantemente alla ricerca di un equilibrio tra i figli, il tempo da dedicare al partner, al lavoro e alle faccende domestiche.

Quando la maternità provoca una crisi d’identità

Tutto queste circostanze possono farvi andare incontro ad una crisi di identità, perché siete diventate madri e la vostra vita è completamente cambiata. Ma bisogna chiarire una cosa: da questa crisi può emergere una versione più forte e più focalizzata del vostro “io”. Se siete in quella fase in cui pensate che tutto stia andando in pezzi, seguite questi semplici consigli e ve ne renderete conto.

Accettate il cambiamento di fronte alla crisi

Per prima cosa non dovete cercare di contrastare il cambiamento. E se passaste dall’essere una donna in carriera all’essere una casalinga? Non succede niente, perché decidete voi cosa fare e come farlo. Accettare che la vita cambi costantemente è essenziale per muoversi verso un nuovo sé.

Quella che una volta sembrava una buona idea potrebbe non adattarsi a ciò che è meglio per voi e la vostra famiglia ora, ma va bene così. Considerate il cambiamento come un’opportunità entusiasmante, e non come un limite. Dovrete fare un passo indietro e capire chi volete diventare in questa nuova fase della vostra vita.

Siate determinate, ma non testarde

È facile impuntarsi riguardo al percorso della propria vita. Avevate un’idea concreta di come volevate che fosse, ma ora quel percorso vi ha portato in una direzione completamente diversa. Se c’è qualcosa che diventare mamme ci insegna, è che la flessibilità rende tutto più facile. Questo è il momento giusto per essere aperti a tutte le nuove possibilità che vi si presentano.

Fate una cosa alla volta

Non lasciatevi sopraffare nel tentativo di trovare un nuovo “io” tutto in una volta. Si può dire che tutte le tappe della nostra vita vengono influenzate dall’entrata in scena di un figlio: fiducia e autostima, relazioni con il partner, la famiglia e gli amici, obiettivi di carriera e stile personale. Affrontare tutto in una volta sarà frustrante e oltretutto inutile. Concentratevi, invece, su una cosa alla volta, cominciando dall’aspetto che vi preoccupa di più.

mamme single

Se pensate costantemente a rimettervi in forma, create un piano nutrizionale e di allenamento per aiutarvi ad arrivare dove volete. Una volta che vi sentirete a vostro agio e state facendo tutto il possibile per migliorarvi, allora potrete passare all’obiettivo successivo.

Accettare il nuovo “io” durate la crisi d’identità

Affrontare una crisi d’identità molto spesso significa sbarazzarsi del proprio vecchio io. Questo è scomparso nell’esatto momento in cui avete tenuto il bambino tra le braccia per la prima volta. Ora, avete un nuovo “Io”, con la “i” maiuscola, sì, perché è una cosa molto importante, più di prima. Dovrete prendervi del tempo per affrontare ciò che vi fa sentire a disagio. 

Ci sono delle amicizie che non hanno più senso nella vostra nuova vita? Avete bisogno di un nuovo strumento per comunicare con il vostro partner? Non sprecate energie piangendo e lamentandovi di questi cambiamenti. Al contrario, usateli per alimentare il vostro percorso verso il futuro. È il vostro percorso e dovete percorrerlo con la giusta energia.

Viviamo tutti una crisi di identità

È così facile lasciarsi trasportare dallo stile di vita che ci mostrano Instagram e Pinterest. Le persone sui social sembrano davvero avere una vita perfetta, giusto? La verità è che non è così: mostrano solo il meglio della loro vita, selezionando ciò che vogliono invece nascondere.

Quella madre dall’aspetto perfetto ha attraversato una crisi d’identità tanto quanto voi. Quando si verifica un cambiamento grande come quello di mettere al mondo un figlio, nessuno è immune dai disordini personali. L’importante è imparare a gestire questi cambiamenti con introspezione, dedizione e forza. La cosa essenziale è non dubitare mai di poterci riuscire.

It might interest you...
Ansia materna nei primi mesi di vita del bambino
Siamo MammeLeggi in Siamo Mamme
Ansia materna nei primi mesi di vita del bambino

Può capitare che nei primi mesi di vita del bambino molte madri provino la cosiddetta ansia materna. Oggi vi diremo come contrastarla.